Blog

Il miglior libro del 2010


Siamo a fine anno, oramai, ed è tempo di tirare le somme. Qual è il libro che più vi è piaciuto in questo 2010? Ditecelo, e se vi va spiegateci anche il perché.

Da parte mia, do il premio “Miglior libro dell’anno” a L’ultima concubina, di Lesley Downer. E’ un romanzo storico molto bello e accurato, ben scritto e ambientato nel mio luogo e periodo storico preferito, il Giappone feudale.

Related Posts
12 Comments
  • Matteo
    Reply

    Il mio scrittore preferito Chuck Palahniuk è ormai in caduta libera senza paracadute. Illegibile Pigmeo ( fine 2009 ) e quasi illegibile Senza Veli ( 2010 ). Se penso che ha scritto un capolavoro come Survivor. Non ho letto Imperial Bedrooms di B.E. Ellis, ma se è sulla falsa riga di Glamorama o Lunar Prak non penso sia un capolavoro, si perde sempre sui finali.
    Penso che il miglio libro del 2010 sia ” Questo bacio vada al mondo intero ” di C. McCann, anche se l’ho trovato davvero angosciante. Molto carino è ” Io e Te ” di Ammaniti, raccontino simpatico che, come al solito, riesce a ricreare perfettamente quella particolare atmosfera della Roma fine anni 90.

  • Alex
    Reply

    Il più bel romanzo letto senz’altro “La strada” di Mc Cormach.

    Miglior esordiente e “scoperta” (per me) dell’anno: “Pinocchio 2112” di Donà (fate ricerchina su Google se volete saperne di più).

  • Reply

    Ho letto poca narrativa quest’anno. Nessun libro ha raggiunto le 5 stelline anobiane (cioè uno sì, ma è saggistica), ma ho varie 4 (tutti pubblicati però prima del 2010) fra cui cito un italiano famoso (Le perfezioni provvisorie di Carofiglio), un esordiente straniero di una medio-piccola casa editrice (Un solo tipo di vento di Peter Orner), un grande della SF in lingua originale (Chasm City di Alastair Reynolds) e una autobiografia (Trent’anni e una chiacchierata con papà di Tiziano Ferro)

  • Reply

    1) “Questo bacio vada al mondo intero” di Colum McCann
    2) “Revolutionary road” di Richard Yates
    3) “C’era una volta l’amore ma ho dovuto ammazzarlo” di Efraim Medina Reyes

    Sono tre libri molto diversi tra loro che mi hanno tenuto compagnia in questo 2010. Una piacevole compagnia, sì 🙂

  • Reply

    Sono in grande imbarazzo perché in questo 2010 ho letto parecchi libri che mi sono piaciuti molto. Se proprio devo scegliere, prima di tutto “L’amministratore” di Anthony Trollope perché mi ha permesso di accostarmi a un autore che avevo sempre e sconsideratamente accantonato, scoprendo invece quanto sia acuto e ironico. Poi aggiungo “Io sono un gatto” di Natsume Soseki per lo stile fluido e ricco. E non posso tralasciare Douglas Adams, la sua “trilogia in cinque volumi” è stata la lettura più esilarante e stuzzicante dell’anno. A malincuore mi fermo qui… 🙂
    Salutissimi, Annarita

  • Reply

    Non ho capito se devo votare il romanzo più bello che ho letto nel 2010 o il romanzo più bello uscito nel 2010 (abbiate pietà, sono pur sempre bionda).

    Nel primo caso, sicuramente “Quando le radici” di Lino Aldani, romanzo di fantascienza scritto tra gli anni ’60 e gli anni ’70 e da poco ri-pubblicato da Mondadori. Un capolavoro attualissimo ancora adesso, una riflessione sulla schiavitù semi-volontaria del lavoratore nella società capitalista e sul naturale desiderio di libertà di chi vive soffocato nella civiltà industriale. Se potessi mettere insieme un gruppo di autori di fantascienza contemporanei e proporli tutti insieme a dio per uno scambio (Aldani purtroppo è morto due anni fa), lo farei anche adesso.

    Se invece si parlava di libri pubblicati nel 2010… Non è un romanzo ma fiction giornalistica: “Se niente importa” di Jonathan Safran Foer, un’indagine ironica, amara e toccante sull’industria zootecnica e sui suoi insopportabili orrori.

  • Reply

    Di romanzi del 2010 mi sa che ho letto solo Rosso Floyd di Michele Mari. Consigliatissimo agli appassionati dei Pink Floyd (ma anche ai non appassionati) con una piccola precisazione: Mari è barrettiano (ma rende Waters in maniera sublime)

    Di saggi invece suggerisco Non è un paese per vecchie di Loredana Lipperini, e Cambiare Idea di Zadie Smith, una serie di saggi su letteratura, cinema, e scrittura.

  • Reply

    Quest’anno ho letto per la prima volta La storia infinita, un capolavoro, specialmente per chi ama leggere e scrivere.

    Di romanzi usciti quest’anno ho letto poco. Anzi, solo Notte buia, niente stelle di Stephen King, che mi è piaciuto, per la cronaca.

    Se poi vogliamo essere elastici con le date, ho letto e apprezzato Esbat di Lara Manni, uscito a giugno del 2009.

  • Lemming
    Reply

    Io quest’anno ho scoperto un vero e proprio classico, “Profumo”, di Suskind. Narratore onnisciente, protagonista sociopatico e poco attraente, intreccio banalmente semplice.
    E’ un libro bellissimo.

  • Reply

    Il Suggeritore di Donato carrisi.
    Se mi gira lo recensisco sul forum, tra l’altro si tratta di un’opera prima a prova di critica!

  • Reply

    Che tristezza (e che vergogna) autopromuoversi in maniera così palese e subdola. Autore e amici, andate a parlare del vostro libro altrove. Commenti rimossi.

  • Kryss
    Reply

    Colui che gli dei vogliono distruggere, di Gianluca Morozzi, riedito da TEA dopo Guanda. Perché è narrativa fantastica sposata a mainstream in modo geniale. Prosa molto fluida, diretta, naturale. Scritto da un italiano con la verve delle storie americane. Perché la nuova pubblicazione è stata favorita da un’agenzia letteraria (Nabu) e quindi permette di vedere concretamente cosa fanno queste “entità misteriose”. E soprattutto l’ho divorato in pochi giorni e non volevo smettere. Ottimo ottimo ottimo.

    Invece, come saggio, Scrivere da professionisti, di Stefano Di Marino, di Delosbooks. Perché è un libro scritto da uno che vive davvero di scrittura senza false modestie, senza fare il piacione, che dice chiaro e tondo che serve FORTUNA ma che se la fortuna arriva ma non trova un metodo, una disciplina e qualità raffinate dal lavoro… non serve a nulla. Lo dovrebbe leggere chiunque voglia provare a scrivere più di tre pagine.

    …i miei due cent. Grazie per l’opportunità

Leave Your Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.