Blog

Contro l’editoria a pagamento


Sandrone Dazieri, Loredana Lipperini, Lara Manni, D’Andrea GL; i nomi noti che in questi giorni stanno schierandosi contro l’editoria a pagamento – citando Writer’s Dream – mi danno la possibilità di scrivere questo messaggio, per la serie “ripetere non fa mai male”.

L’editoria a pagamento, signori, danneggia tutti quanti. Danneggia per primo chi cade nella sua tela (tra i tanti vanitosi ci sono anche gli ingenui e i frettolosi), danneggia i (pochi) lettori che incautamente acquistano un libro che di libro non ha nemmeno il nome; danneggia chi cerca un editore, perché quanto tempo (e soldi) spendete per cercare e mandare un manoscritto?; danneggia i sogni di chi scrive, danneggia l’editoria italiana sommergendola di libri di infima qualità; danneggia i bravi autori, perché se qualche lettore pesca dal mare magnum delle pubblicazioni esordienti ha molte più possibilità di pescare una ciofeca pubblicata a pagamento che non un bel libro… e questo porta il lettore ad aggrapparsi strenuamente all’editoria “big” e a fare le pernacchie agli esordienti; danneggia sempre i bravi scrittori impedendogli di approdare in libreria, perché un libraio materialmente non può leggere o conoscere tutte le 70’000 pubblicazioni annue che ci sono in Italia, e quindi – a ragione? – respinge tutto al mittente.
Fa danno, questa dannata editoria a pagamento, fa danno a tutti noi.

Per quale motivo, dunque, dovremmo avere qualche riguardo nel non fare danno a loro? Il danno lo si fa semplicemente parlando. Mettendo in guardia chi passa.
Chi passa su FB, chi passa dal vostro blog, dal vostro sito, dal vostro forum.

Non occorre fare nomi, se non ve la sentite; mettete solo in guardia la gente dall’editoria a pagamento. Condividete quest’appello, o scrivetene uno vostro; non importa.
Internet, signori miei, è potente: usiamolo a nostro vantaggio. Cerchiamo di ricavare un po’ di spazio per quegli autori – in mezzo ci siete anche voi – che lo meritano davvero, lo spazio.

Imbracciamo il coraggio, e combattiamo per cambiare le cose. Basta che facciate quel che fate sempre: che condividiate un link, che aggiorniate il profilo di FB, che scriviate un articolo per il vostro blog, che avvisiate gli amici.

Presto arriverà, sulle pagine di Writer’s Dream, un eBook destinato a fare molto discutere, ve lo posso assicurare. Sarà gratuito, potrete farne quel che vi pare, l’importante è che venga letto dal maggior numero di persone possibili.
Prepariamo il terreno affinché questo numero sia davvero grande e si possa fare davvero qualcosa per cambiare questa situazione imbarazzante.
Tutti noi vogliamo cambiare le cose; ma ne saremo in grado?

Questa è una sfida, ragazzi. L’accogliete?

Approfondimenti sull’editoria a pagamento

  1. Perché non pubblicare a pagamento
  2. Gruppo Albatros: collana Nuove Voci
  3. Gruppo Albatros: testimonianze
  4. Contro l’editoria a pagamento
  5. I costi reali  e i contributi richiesti
  6. Quando i sogni hanno un prezzo
Related Posts
11 Comments
  • Reply

    Cari signori, il mio nome e Giuseppe. Sono nato io credo, col dono della narrazione come credo molti di voi. Ora dopo anni senza voler apparire ridicolo, dato che non sono certo Umberto Eco, diciamo che ho deciso di scrivere la mia prima opera di poesie e lo mandata a diverse case editrici. Tra queste con facilità impressionante e sospetta -direi- mi hanno, risposto le seguenti case editrici: Albatros, Kimerik, selezione testi ho edizioni creative. Tutte ovviamente richiedenti corrispettivi in denaro e molto disponibili a pubblicare questa mia opera…siccome io non sono nato ieri e la cosa mi puzza parecchio di presa per il di dietro potreste dirmi se tra queste tre elencate ce ne una veramente seria? E se conviene pagare per farti pubblicare qualcosa? Oppure qualcuno potrebbe darmi una lista di case editrici serie? Vi ringrazio molto.

  • walter medola
    Reply

    ho appena finito di scrivere 2 libri e la booksprint dceva era tutto gratuito nella pubblicita’ io sono un portatore di handicap sono 2 anni sopra una sedia rotelle ho cominciato a scrivere per passare il tempo poi piacevano i miei libri ed ho fatto 2 libri il brutto anatroccolo e l’eterno desiderio beh mi hanno chiesto penso poco 1048 euro di contributo spese io prendo una pensione di 270 euro capisci bene che per me diventava un problema se volete una copia del contratto ve la mando ciao adesso ho 2 bi libri che non so piu’ cosa fare il primo parla di una donna bruttissima che veniva derisa dai suoi cittadini per l’aspetto io amavo questa donna che era in podssesso di qualitq’ spirituali da renerla l’essere piu’ affascinante del pianeta il secondo libro invece parla di un amore sbocciato tra 2 potatori di handicap sto facendo il terzo libro che e’ la storia di un duello chi e’ piu’ forte l’amore o la magia la luna a fare da arbitro. come vedi ho le idee ma se nessuno mi da la possibilita’ di faro vedere va be ciao spero che qualcuno mi dia la possibilita’.

  • Reply

    Vedo che non fai altro che andare in giro a ripetere su post dove non ti è stata data risposta – smentendo e smontando ogni tua affermazione – a ribadire i soliti concetti privi di sostanza.
    Se ti diverti continua pure, non ti correrò dietro per soddisfare evidenti manie di protagonismo.

    Due cose due: in questo blog – al contrario di quanto tu sostieni – siamo andati spesso contro l’atteggiamento di quegli autori che tutto vogliono e tutto pretendono.
    La seconda cosa, hai scritto che non ci si preoccupa di aver scritto qualcosa di valido. Tu non ti preoccupi nemmeno di controllare la correttezza di un commento…

  • baugnuf
    Reply

    …perchè non pubblicare a pagamento ? …Ma ovvio ! …Perchè ce lo sconsiglia addirittura Sandrone .
    Qualche riflessione in libertè egalitè e poca fraternitè ( Ayame – l’ho vista su e bay – è una bella ragazza ma mi sta proprio sugli ammennicoli )
    Vraiters drim drim è un sito che normalmente ospita gli sfoghi di taluni che si preoccupano di come venga pubblicata la pronosticabilissima pappardella che hanno scritto . Mica ci si preoccupa d’aver scritto qualcosa di dignitoso , di buon livello..No , no , di ‘ste cose sembra un importi un ciufolo a nessuno…Lo Scrittore si preoccupa solamente del percorso compiuto per arrivare alla pubblicazione…Tutto deve essere fair , artistico , onorevole…Poi nella maggior parte dei casi si presentano all’editore scritti indecenti , una vera istigazione al suicidio per l’eventuale lettore…
    Poi , l’altro fatto curioso è che l’Autore che batte il suolo di Vraiters vuole subito guadagnarci con quello che ha buttato giù…Si fanno raccapriccianti calcoli da mercanti…Non ho trovato uno che abbia affermato di scrivere per hobby , per passione – e gli hobby si sa spesso costano qualche centesimo – macchè , …tutti che scrivono per guadagnare…Tutti che da grandi vogliono fare gli Scrittori , ricchi possibilmente, un po’ come quei cialtroni di scrittori americani , Ken Follett in testa , che in carriera hanno scritto solo fregnacce zeppe di bang bang , splash , fuck ecc. e nonostante questo o grazie soprattutto a questo sono diventati dei nababbi..
    Infine ancora Ayame , dura e pura , che sembra ne faccia una questione di principio – pagare per pubblicare ? Giammai ! Non si deve mai sborsare un centesimo per il proprio sudore della fronte ! E’ l’editore che , bla bla bla , deve pagare per l’Opera , ecc. – ma poi ,in qualche angolino nascosto , suggerisce l’idea dell’autopubblicazione…Già , perchè autopubblicarsi non significa secondo Ayame tirare fuori dei soldini…Tutte ste chiacchiere si rivelano alla fine soltanto un’ ipocrita questione di prezzi e niente affatto una questione di principio , come parrebbe a prima vista .
    E’ un po’ come dire a qualcuno che confessa di andare a puttane – …Ma non ti vergogni…? ..Mai pagare per stare con una donna..L’amore non si paga mica…E poi quanto spendi ? Cosa ? 150 ? …Ma sei pazzo?…150 euro per scopare ?…No , no , così non fa…-
    Ma poi aggiunge -…Beh …, se proprio non ce la fai a resistere , ho una mia amica che per 20 euro il servizietto te lo fa… –
    Conclusione . Ho visto che questo sito è consigliato anche da Il Giornale . Ditemi che non è vero .

  • Vasco libri
    Reply

    Segue il primo spazio: può darsi che a lungo andare forse qualche centesimo arriverà, ma credo che non valga la pena scrivere sino alle tre di notte per poi pagare. Ho avuto il consenso dalla valatuazione della commissione di lettura a pubblicare altri sei libri, probabilmente ci vorrà un mutuo e per forza di logica dovrò rinunciare.
    Se effettivamente, qualche editore, previa valutazione vorrà pubblicare i miei libri, fatemelo sapere, almeno la soddisfazione di far conoscere ai lettori le storie dei miei romanzi, polizieschi, d’amore, saggistica e storici, oltre ad un libro religioso dal titolo Il Viaggio nella Luce misteriosa, che un paio di Sacerdoti hanno apprezzato, ma non pubblicato. Grazie da Vascolibri

  • Reply

    Beh, Vasco, credici :) https://www.writersdream.org/blog/editori-di-genere/ 160 editori che non chiedono contributi divisi in base al genere di pubblicazione.

  • Vasco libri
    Reply

    Quasi non credo che ci sia la possibilità di pubblicare libri senza pagare. So al trentesimo libro:
    ho scritto libri storici, me ne hanno pubblicato uno: La Mattanza Americana, nel 2009, non ho vito un centesimo, mi hanno pubblicato un romanzo “Requiem”, non ho visto un centesimo, in questo mese di settembre mi hanno pubblicato Maschere di Uomini e Dei, saggistica di 750 pagine, non vedrò un centesimo, di questi libri ho pagato il famoso contributo. Ne ho pronto altri quindici e mi sono ripromesso di non darne più agli editori. Sto preparando un libro speciale storico, tratto da un libro scritto nel 1943 in piena Guerra di Liberazione da 49 autori dal titolo “Perfida Inghilterra” del 13 giugno 1943 salvato dall’inondazione di Firenze del 1966 ed è un unico esemplare non in vendita e di cui ho il microfilm e libro stampato, traendo i concetti storici e critici il mio si intitolerà “I Massacratori dei Popoli” con la copertina già pronta dei sei Dittatori, ma temo che gli editori vorranno il contributo. In questi giorni ho terminato un romanzo di 340 pagine, “Il Caronte d’Argento”, ambientato nel periodo del proibizionismo ma temo che faccia la stessa fine.

  • Reply

    […] Contro l’editoria a pagamento Sandrone Dazieri, Loredana Lipperini, Lara Manni, D’Andrea GL; i nomi noti che in questi giorni stanno schierandosi contro l’editoria a pagamento – citando Writer’s Dream – mi danno la possibilità di scrivere questo messaggio, per la serie “ripetere non fa mai male”. L’editoria a pagamento, signori, danneggia tutti quanti. blog: Scrittori esordienti | leggi l'articolo […]

  • Reply

    […] Contro l’editoria a pagamento Sandrone Dazieri, Loredana Lipperini, Lara Manni, D’Andrea GL; i nomi noti che in questi giorni stanno schierandosi contro l’editoria a pagamento – citando Writer’s Dream – mi danno la possibilità di scrivere questo messaggio, per la serie “ripetere non fa mai male”. L’editoria a pagamento, signori, danneggia tutti quanti. blog: Scrittori esordienti | leggi l'articolo […]

  • Reply

    […] Contro l’editoria a pagamento Sandrone Dazieri, Loredana Lipperini, Lara Manni, D’Andrea GL; i nomi noti che in questi giorni stanno schierandosi contro l’editoria a pagamento – citando Writer’s Dream – mi danno la possibilità di scrivere questo messaggio, per la serie “ripetere non fa mai male”. L’editoria a pagamento, signori, danneggia tutti quanti. blog: Scrittori esordienti | leggi l'articolo […]

  • Reply

    Aspettando l’eBook…
    Grazie per il sito, per la lista e per la voglia di fare chiarezza.

Leave Your Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.