Vai al contenuto

Accomodati pure!

Writer's Dream è la più grande community italiana dedicata alla scrittura e all'editoria.
Entra a farne parte anche tu: accedi o iscriviti per accedere a tutte le possibilità che WD ti offre.

Close

Concordanza dei nomi collettivi


10 risposte a questa discussione

#1 Guest__*

Guest__*
  • Guests

Inviato 04 ottobre 2011 - 15:23

Ebbene sì stavolta sono io ad avere un dubbio amletico e chiedere a voi. (capirai che novità XD)

Come ci si comporta di fronte a nomi collettivi (la gente, un gruppo di persone, un gregge di pecore ecc.)?

Un gruppo di persone si radunò in piazza

oppure

Un gruppo di persone si radunarono in piazza

Qual è la forma migliore o più corretta?
Mi pareva di aver letto da qualche parte che fossero accettabili entrambe ma sta cosa mi mette continuamente in crisi :facepalm:
  • 0

#2 divinozeus

divinozeus

    Pennuto

  • Utenti
  • 220 messaggi
7
Neutrale
  • ProvenienzaMonza

Inviato 04 ottobre 2011 - 15:35

{SMILIES_PATH}/icon_cheesygrin.gif Copio da Wikipedia:

Il nome collettivo, invece, pur essendo al singolare designa gruppi o insiemi di persone (folla), cose (fogliame) o animali (mandria). Quando il nome collettivo è in funzione di soggetto, il verbo di solito va al singolare; si potrebbe considerare corretto l'uso del plurale nel solo caso in cui il nome collettivo sia seguito da un complemento di specificazione.

Quindi direi che tranne casi specifici vada utilizzato al singolare.
  • 0

#3 Guest__*

Guest__*
  • Guests

Inviato 04 ottobre 2011 - 15:49

Non risolve molto il mio dubbio però "seguito da complemento di specificazione" vuol dire che "gruppo di persone" ammetterebbe l'uso del plurale e_e
  • 0

#4 divinozeus

divinozeus

    Pennuto

  • Utenti
  • 220 messaggi
7
Neutrale
  • ProvenienzaMonza

Inviato 04 ottobre 2011 - 15:57

Dovrebbe essere cosi:

Un gruppo si radunò in piazza - un vasto gruppo si radunò in piazza ecc... Senza complemento di specificazione.
Un gruppo di persone si radunò in piazza - Un gruppo di persone si radunarono in piazza. In questo caso c'è la specificazione (relativa al nome collettivo) e quindi può essere utilizzato in entrambi i casi.

Considerando che normalmente si usano al singolare, e che anche con il complemento possono essere utilizzati al singolare, io opterei per continuare ad utilizzarli in questo modo.
  • 0

#5 Alain.Voudì

Alain.Voudì

    Sostenitore

  • Utenti
  • 2318 messaggi
7
Neutrale

Inviato 04 ottobre 2011 - 16:01

si potrebbe considerare corretto l'uso del plurale nel solo caso in cui il nome collettivo sia seguito da un complemento di specificazione.

Questa parte mi suona aliena: nel caso portato da Ice, io userei sempre e solo il singolare, senza esitazioni.

L'unico plurale orecchiabile potrebbe essere "un migliaio di persone si radunarono"; però "si erano radunate un migliaio di persone" è inaccettabile: la versione corretta è "si ERA RADUNATO un migliaio di persone".
...e tanto poi "migliaio" non vale come nome collettivo {SMILIES_PATH}/surprice.gif
--
Alain
  • 0

#6 divinozeus

divinozeus

    Pennuto

  • Utenti
  • 220 messaggi
7
Neutrale
  • ProvenienzaMonza

Inviato 04 ottobre 2011 - 16:04

Infatti, le regole vogliono che possa essere utilizzato in alcuni casi ma personalmente io opto sempre per il singolare.
  • 0

#7 swetty

swetty

    Tigre Sbadigliona

  • Tecnico
  • 7692 messaggi
1046
Divinità della community
  • ProvenienzaVenezia

Inviato 04 ottobre 2011 - 16:57

Anch'io direi singolare a go go, però quando il soggetto segue, non mi infastidisce il plurale: si erano radunate un migliaio di persone. Ma non mi dà fastidio neanche si era radunato un migliaio di persone, quindi anche in questo caso direi che nel dubbio va al singolare.
  • 0

#8 maximod

maximod

    Conte di Latveria

  • In ferie
  • 1624 messaggi
98
Talmente eccezionale da essere indescrivibile

Inviato 04 ottobre 2011 - 17:06

Assolutamente il singolare. Non c'è dubbio. :)

Il plurale non va mai usato con i nomi collettivi, la cosa non è soggettiva, ma oggettiva. Suona bene, suona male, è così. :)

Non ho il manuale di linguistica sottomano purtroppo, altrimenti ne avrei postato un estratto.
  • 0

#9 Jack Shark

Jack Shark

    Guerriero di cristallo

  • Sostenitori
  • 11431 messaggi
866
Divinità della community
  • ProvenienzaCastiglione del Lago (PG)

Inviato 04 ottobre 2011 - 18:47

Mi accodo a quanto già detto: assolutamente il singolare.
  • 0

#10 divinozeus

divinozeus

    Pennuto

  • Utenti
  • 220 messaggi
7
Neutrale
  • ProvenienzaMonza

Inviato 04 ottobre 2011 - 19:13

Assolutamente il singolare. Non c'è dubbio. :)

Il plurale non va mai usato con i nomi collettivi, la cosa non è soggettiva, ma oggettiva. Suona bene, suona male, è così. :)

Non ho il manuale di linguistica sottomano purtroppo, altrimenti ne avrei postato un estratto.



Io, oltre al primo postato ho trovato anche questo estratto:

...la regola è questa: quando un nome collettivo singolare sia seguito da un complemento di specificazione (per es. una folla d’uomini, uno sciame d’api, un migliaio d’anni, un’infinità di eccezioni) potremo usare tanto il verbo nel singolare, concordandolo col numero singolare del collettivo, quanto il verbo al plurale, concordandolo a senso col valore plurale del collettivo stesso. Potremo cioè dire: «Una folla d’uomini invase la piazza», «Uno sciame d’api si levò in volo», «Passerà un migliaio d’anni prima che questo avvenga»; «C’è un paio di osterie», «C’era una ventina di persone», «Sarà una dozzina d’anni», ma potremo anche dire «Una folla d’uomini invasero la piazza», «Uno sciame d’api si levarono in volo», «Passeranno un migliaio d’anni prima che questo avvenga»; «Ci sono un paio di osterie», «C’erano una ventina di persone», «Saranno una dozzina d’anni».
(da Il museo degli errori di A. Gabrielli)

Quindi? Oltre a scegliere di utilizzare il nome collettivo al singolare sembrerebbe che si possa utilizzare anche al plurale, dico bene? {SMILIES_PATH}/icon_wink.gif
  • 0

#11 maximod

maximod

    Conte di Latveria

  • In ferie
  • 1624 messaggi
98
Talmente eccezionale da essere indescrivibile

Inviato 04 ottobre 2011 - 19:43

Allora la concordanza a senso(così è chiamata la particolare situazione in cui si usa il plurale con un nome collettivo) rientra tra quelle che Paolo D'achille fa rientrare nelle eccezioni d'uso del parlato nel suo L'italiano contemporaneo.
Appunto del parlato, non dello scritto. Nello scritto è sbagliato grammaticalmente. E' nell'uso? Sì, sicuramente e tra qualche anno, forse, le due forme conviveranno senza che una sia più corretta dell'altra(sinceramente spero di no). Ma per il momento la concordanza a senso va usata unicamente nel parlato(se proprio la si vuole usare). Sono l'unico che la pensa così? No, c'è anche qualche linguista ben più titolato di me. :)
  • 0




0 utente(i) stanno visualizzando questo forum

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi