Vai al contenuto

Accomodati pure!

Writer's Dream è la più grande community italiana dedicata alla scrittura e all'editoria.
Entra a farne parte anche tu: accedi o iscriviti per accedere a tutte le possibilità che WD ti offre.

Close
Foto

Anticlimax


  • Per cortesia connettiti per rispondere
8 risposte a questa discussione

#1 Nanni

Nanni

    Sostenitore

  • Sostenitori
  • 6225 messaggi
678
Divinità della community

Inviato 22 aprile 2011 - 09:21

Mi è stato fatto notare, l’ultima volta per il racconto “Gorilla”, ma è successo parecchie altre volte, che i miei testi tendono a perdere tensione nel finale. In effetti mi capita spesso di cercare dei finali in diminuendo, o che diano un effetto di dissolvenza.
Nelle mie intenzioni dovrebbe trattarsi di una sorta di “chillout”. Come scrivevo a proposito del Barong indonesiano, alla fine si fa un piccolo sacrificio per esorcizzare gli spiriti che potrebbero essere stati evocati. Questo però viene percepito come un vero e proprio anticlimax.
Ma, se il climax di una storia non coincide materialmente con la fine (e non vedo perché debba essere sempre e necessariamente così) come si fa a evitare questo effetto?
Insomma, l’anticlimax è qualcosa che va sempre evitato come la peste o lo si può anche utilizzare, magari con le dovute precauzioni? E quali dovrebbero essere queste precauzioni?
  • 0

#2 Sygrid

Sygrid

    Sostenitore

  • Sostenitori
  • 1980 messaggi
93
Talmente eccezionale da essere indescrivibile

Inviato 22 aprile 2011 - 16:47

Mi trovo di fronte a un problema del genere per il mio secondo romanzo, che, al momento, si conclude veramente solo un capitolo dopo la scena più drammatica di tutto il testo; sono ancora indecisa se cambiarlo o no, proprio per paura che il lettore possa trovare inutile un finale così 'morbido'.
Leggendo l'ultimo romanzo di una scrittrice che qui nel WD non va per la maggiore (diciamo il quarto libro della saga di vampiri più famosa in questi anni {SMILIES_PATH}/icon_cheesygrin.gif ) ricordo di aver provato una furia incontenibile scoprendo che l'autrice, dopo essersi affannata per pagine e pagine a far crescere la tensione, lasciando intendere che alla fine ci sarebbe stato uno scontro epocale tra buoni e cattivi, mandava in frantumi la suspense concludendo il romanzo con una semplice chiacchierata tra i protagonisti e i loro avversari epocali.
Credo che tutto dipenda dal modo in cui imposti il tono del racconto; se fai crescere l'ansia del lettore generando parola dopo parola un'attesa spasmodica non puoi poi deluderlo con un finale insipiente. Se invece lo stile di scrittura è più fluido dall'inizio alla fine non ci sono problemi, perché non tradisci alcuna aspettativa.
Tra l'altro, credo che un discorso del genere sia comunque più accettabile nel caso dei romanzo, visto che la storia ha uno spazio più ampio e il lettore ha più di un'occasione per assistere a un climax e a un successivo denouement. Purtroppo, nei racconti si ha poco spazio e bisogna sparare tutte le proprie cartucce.
  • 0

#3 swetty

swetty

    Tigre Sbadigliona

  • Tecnico
  • 7692 messaggi
1046
Divinità della community
  • ProvenienzaVenezia

Inviato 26 aprile 2011 - 12:00

Nelle mie intenzioni dovrebbe trattarsi di una sorta di “chillout”. Come scrivevo a proposito del Barong indonesiano, alla fine si fa un piccolo sacrificio per esorcizzare gli spiriti che potrebbero essere stati evocati. Questo però viene percepito come un vero e proprio anticlimax.


Secondo me è che non hai raggiunto il picco del climax, non che il climax non ci sia. Il "sacrificio" finale è l'ultimo capitolo o l'epilogo, dove si recupera la situazione iniziale (le "nozze" per dirla con Propp), perché l'andamento dev'essere all'incirca trapezoidale (con la base minore inclinata verso l'alto) o volendo come un elefante mangiato da un boa. {SMILIES_PATH}/icon_cheesygrin.gif

Però io non percepisco questo nei tuoi racconti, soprattutto non in quello del Gorilla (mi pare di averlo anche scritto).

Prova a leggere qui:
http://www.bonifacci.it/
  • 0

#4 Nanni

Nanni

    Sostenitore

  • Sostenitori
  • 6225 messaggi
678
Divinità della community

Inviato 26 aprile 2011 - 13:21

Scusa, dov'è che dovrei leggere? Spero che tu non mi proponga di leggere tutto il corso, che io sono un po' allergico a queste cose.
  • 0

#5 swetty

swetty

    Tigre Sbadigliona

  • Tecnico
  • 7692 messaggi
1046
Divinità della community
  • ProvenienzaVenezia

Inviato 26 aprile 2011 - 13:42

Scusa, dov'è che dovrei leggere? Spero che tu non mi proponga di leggere tutto il corso, che io sono un po' allergico a queste cose.


Sono credo 4 o 5 lezioni in tutto ed è la cosa più utile che abbia mai letto. Comunque leggi la lezione 2.

Non è che propongo robe a caso, ne'. {SMILIES_PATH}/icon_wink.gif
  • 0

#6 Sygrid

Sygrid

    Sostenitore

  • Sostenitori
  • 1980 messaggi
93
Talmente eccezionale da essere indescrivibile

Inviato 26 aprile 2011 - 18:13

Dài nanni, fidati di swetty. Questo corso è utile, scritto bene ed è pure simpatico. Vedrai che lo leggerai in un batter d'occhio e non vedrai l'ora che escano le prossime puntate.
  • 0

#7 Nanni

Nanni

    Sostenitore

  • Sostenitori
  • 6225 messaggi
678
Divinità della community

Inviato 26 aprile 2011 - 23:06

Ho letto una parte del capitolo indicatomi. E' interessante, ma fino a un certo punto. Sono comunque cose su cui ho già riflettuto. Piuttosto mi hanno interessato le ragioni che da a se stesso del suo "blocco", cioé la psicologia della creazione artistica.
Comunque proverò a leggerne un'altro poco.
  • 0

#8 nerinacodamozza

nerinacodamozza

    Sostenitore

  • Utenti
  • 4848 messaggi
468
Divinità della community

Inviato 27 aprile 2011 - 00:07

Grazie del link, non lo conoscevo e lo sto leggendo.
Finora ho letto questo:
http://www.bonifacci.it/?cat=36
{SMILIES_PATH}/icon_cheesygrin.gif
Non so se assomiglio più al disturbo "carenza di storia" o "eccesso di storia" ma sono lì in mezzo {SMILIES_PATH}/icon_lol.gif
  • 0

#9 swetty

swetty

    Tigre Sbadigliona

  • Tecnico
  • 7692 messaggi
1046
Divinità della community
  • ProvenienzaVenezia

Inviato 27 aprile 2011 - 00:17

Nerina, essere in mezzo vuol dire fare la cosa giusta. :facepalm:
  • 0




0 utente(i) stanno visualizzando questo forum

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi