Niko

Community Manager
  • Numero contenuti

    8.728
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni vinti

    129

Niko ha vinto il 28 giugno

Niko ha inserito il contenuto più apprezzato di quel giorno!

Reputazione Forum

5.167 Divinità della community

Su Niko

  • Rank
    StakaNiko
  • Compleanno 02/05/1990

Contatti & Social

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo
  • Provenienza
    Napoli
  • Interessi
    Leggere, scrivere, viaggiare.

Visite recenti

6.144 visite nel profilo
  1. E' ufficiale: a breve partirà la discussione sul libro di Francesco Grandis, "Sulla strada giusta". Chiunque voglia unirsi è il benvenuto e può iscriversi cliccando sulla discussione sotto riportata
  2. Non conta da dove sei partito, ma dove hai scelto di andare. Il viaggio è negli occhi, nel cuore e nella testa, e non finisce mai. Da una scogliera a picco sul Mar Glaciale Artico, un uomo respira finalmente la libertà. Intorno ha solo il silenzio e davanti l’orizzonte infinito e limpido. Appena qualche mese prima non l’avrebbe mai creduto possibile. Aveva trentun anni e un lavoro stabile: il sogno di molti, ma non il suo. Così un giorno ha detto basta e si è messo in cammino su sentieri sconosciuti, per cercare una risposta ai confini del mondo, senza ancora sapere se quello alla vita di prima sarebbe stato un arrivederci o un addio. Dal Sudamerica a Budapest, dall’India alla Scandinavia, tra paesaggi mozzafiato e momenti di intima condivisione, Francesco vive esperienze inattese che gli mostrano chi è davvero, un giorno dopo l’altro. Lontano da casa o tra la propria gente, l’importante è mettersi in gioco. Dopo il successo del blog Wandering Wil e i tantissimi lettori incontrati in Rete, Francesco Grandis è riuscito nell’impresa di pubblicare la sua storia. Sulla strada giusta è un “urlo nel silenzio” per svegliarci dal torpore della routine e ricordarci che se non insegui la felicità non avrai chance di trovarla. La discussione sarà aperta il: ??/??/2017 Animatore: @Niko Per iscriversi al gruppo: collegamento alla proposta Attenzione! La discussione contiene spoiler!
  3. @matrai Anche io penso che adesso, dopo la stesura, sia meglio avvalersi di soli consigli informali da parte di esperti del settore. Ma ti consiglio di affidarti a un agente per un prossimo contratto.
  4. Bene! Allora direi di cominciare. Butto lì tre date per cominciare la discussione (la lettura comincia da oggi), decidiamo insieme. Ovviamente chiunque voglia unirsi può farlo senza problemi scrivendo qui! @Francesco Wil Grandis @matrai @queffe @Rica @Quokka @Emy Votate: 15 luglio 1 agosto 1 settembre
  5. @Aljena Grazie per la tua testimonianza Puoi presentarti in Ingresso (clicca qui)? Di solito lo chiediamo ai nuovi arrivati prima che interagiscano con il forum! E benvenuta.
  6. @darktianos Oddio, attento a quello che scrivi! 40% alla SIAE? Ma no, no. Nel processo tradizionale (CE) se un libro vale 10 euro, dai 4 ai 5 vanno al distributore, che se li divide con la libreria, e con il resto la CE deve: Pagare le royalties all'autore; Pagare i servizi editoriali se fatti da terzi (editing, impaginazione, grafica, ISBN, ecc); Pagare la tipografia (la stampa fisica); Pagare sé stessa (guadagnare). Ho banalizzato, ma più o meno è così. Che sia messo a verbale, per favore
  7. Vero, però vale anche al contrario. Suppongo che se io cominciassi a parlar male o magari snobbare le piccole CE, tu te la potresti anche prendere personalmente. Ovvio che se dai un parere soggettivo sul self, qualcuno che l'ha provato o ci ha lavorato ti può rispondere a tono. E' come se io dicessi che con le piccole CE non si può mai arrivare da nessuna parte, che possono essere peggio pure del Self in quanto a visibilità, talvolta. Sto parlando in generale, ma non penso che tu non ti risenta di affermazioni del genere No? Per me questo è bellissimo: E non capisco come mai, però, non si dia giusta importanza al self e lo si etichetti sempre come roba di basso livello. Anche tra le piccole CE ho visto roba di basso livello (da sanguinamento agli occhi) eppure non penso che tutte le CE piccole siano inutili o poco serie. Perché non vale lo stesso ragionamento per il Self? E si fa sempre il discorso dell'eccezione? Anche la piccola CE seria e professionale è un'eccezione, allora.
  8. Siamo io come animatore, l'autore, @queffe @Rica @Emy @Quokka Se si aggiunge almeno un'altra persona, partiamo con la definizione definitiva della data
  9. @Davide Genova Hanno rinnovato un po' il sito e non c'è più la pagina dei contatti. C'è solo una mail a fondo pagina, ma bisognerebbe capire se è tramite quella mail che accettano manoscritti in visione.
  10. Unito alla discussione sul passaparola.
  11. @LilyRose Ti chiedo di rimanere in tema: si parla di Mondadori. Adesso invito anche a evitare di continuare a bombardare il povero @matrai di domande; ormai ha chiarito tutto quello che poteva. Torniamo a parlare della Mondadori, insomma, e di esperienze dirette
  12. @galgano Giusto, il tuo porti questa domanda ti pone già sopra la media, sai? Molti aspiranti nemmeno si pongono queste domande e, proprio come hai accennato tu Un autore dovrebbe seguire certi passaggi per rendere il suo libro quanto più vicino alla perfezione (formale, contenutistica) prima di proporsi ad agenzie, CE o al pubblico Self. Ad esempio tramite editing (autonomo o professionale che sia). L'autore in questione dovrebbe avere bene in mente a chi è diretto, bene in mente il come presentarlo, come promuoverlo. Come presentare sé stesso. Conoscere cosa potrebbe essere appetibile nel mercato attuale, o anche osare e andare "fuori dagli schemi" ma presentando la propria idea innovativa nel modo migliore possibile. Bisogna sapersi vendere e saper vendere il libro. Sapersi presentare alle CE (o al pubblico di lettori). E tanto altro. Io ho scritto qualcosa al riguardo, qui, per dare consigli spero sensati (la discussione è incentrata sulle CE, ma rende l'idea dell'approccio). Tutto questo è obbligatorio? No. Ma si hanno più possibilità se si ha un bel bagaglio di conoscenze e buon senso sulle spalle Se scendiamo nel tecnico, l'autore tradizionale non può entrare nel merito del bilancio del reso. Ma esserne consapevoli è tanta roba.
  13. @Nuwanda Dipende dalla citazione, ovviamente. Se solo colorita, non ci vedo niente di male. Se pesante, basta mettere un link esterno, come nel caso di wikiquote. Sì, lo sono. Ma nessuno ti vieta di indicare il titolo del libro e perfino la pagina. Chi è interessato se la andrà a leggere e lo farà di sua sponte. Non capisco perché crearsi tanti problemi. Alcuni considerano arte anche film porno, o più banalmente (e quella sì, è arte) foto di nudo, bodypainting, eccetera. Ora, il mio esempio è banale, ma sebbene sia "arte" non apro un post con un primo piano su una vagina o su un membro colorato, per dire. Capisco che il buon senso è tanto importante quanto difficile da "definire" e circoscrivere; suppongo che lo Staff serva anche a questo.
  14. @Nuwanda No, l'over 18 è stata pensata per la Narrativa e tale rimarrà; per tutte le discussioni pubbliche io, sinceramente, non vedo nessun problema. L'importante è porsi nel modo appropriato. Possiamo parlare di tutto quello che vogliamo, l'importante è il modo. E quello va valutato di caso in caso, non possiamo decidere a priori. Se si apre un topic su Charlie Hebdo in un modo che potrebbe urtare la sensibilità (tramite parole, tesi, video, immagini) interveniamo; se viene fatto con tatto e buon senso, va benissimo. Ripeto: dipende da caso a caso.
  15. @galgano Visto, ti ringrazio. Buona parte di quanto detto, per chi ha un po' di familiarità nel settore, non sono però cosette che nessuno dice mai. Piuttosto sono cose di cui agli aspiranti frega poco (e fanno male, ovviamente, perché comprendere le dinamiche editoriali ti rende più consapevole della strategia da attuare come autore).