Vai al contenuto

eric

Scrittore
  • Numero contenuti

    41
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

14 Piacevole

1 Seguace

Su eric

  • Rank
    Enzo Riccio
  • Compleanno 25 febbraio

Informazioni Profilo

  • Provenienza
    Lombardia
  • Interessi
    Leggere, scrivere e fai da te con legno

Visite recenti

940 visite nel profilo
  1. The Italian Literary Agency

    Infatti non mi stavo riferendo a questo. Ma visto che queste pseudo agenzie letterarie si fregiano di tale titolo e poi fanno solo una mercenaria lettura del testo e vantano di inviarti una scheda, nessuno mi dice che possano appoggiarsi a un qualsiasi prof di passaggio. Quindi non le reputo Agenzie Letterarie, ma solo dei piccoli team di lettura a pagamento. Totale: non servono a nulla ai fini di una valutazione per rappresentanza.
  2. The Italian Literary Agency

    In ultima analisi, ci tengo a dire, che inviare un proprio lavoro ad "agenzie letterarie" di questa risma, equivale a farsi leggere, a pagamento esoso e ricevere un parere. Io un parere posso averlo gratis o pagando un caffè da qualsiasi Professore e/o insegnante alle superiori che sia un attimino capace. Se mi rivolgo a una Agenzia Letteraria, è perché voglio che mi rappresenti. Non ha senso, secondo me, che mi legga e mi dia una sua scheda e poi se ne lavi le mani. Non si identifichi come Agenzia Letteraria, in questo caso ma, piuttosto, team di lettura a pagamento. Che potrei benissimo organizzarlo anche io con tre ragazzi delle medie.
  3. The Italian Literary Agency

    Sì l'ha detto, tra le righe, parlandone come di una eventualità abbastanza remota. Accampava scuse secondo cui la loro selezione è oculata ed effettuata da professionisti scelti direttamente dalla Balzarotti.
  4. The Italian Literary Agency

    Ho inviato solo la richiesta di rappresentanza a questa agenzia. Nella mia mail chiedevo esplicitamente d'essere letto e rappresentato alle CE non a pagamento. Mi ha risposto la dott.essa Valentina Balzarotti anticipando che quanto mi proponeva non sarebbe stato di mio gradimento. Infatti nella mail, in allegato, figuravano 3 file dove mi si diceva che avrebbero letto il testo e mi avrebbero inviato una scheda corposa. Il tutto con pagamento di 420€ per manoscritto con un massimo di 360 battute spazi inclusi. Ecco la mia risposta alla dottoressa: "La ringrazio dott.essa Valentina per l'attenzione che mi ha riservato e per la premura dimostrata nell'inviarmi la proposta in allegato, ma devo darle ragione. La proposta in questione non risulta, nel modo più assoluta, di mio gradimento. Dal mio punto di vista, quindi se vuole del tutto soggettivo, un'Agenzia Letteraria non deve mai chiedere soldi agli autori, come dovrebbe fare qualsiasi Casa Editrice che si rispetti. Legge il manoscritto e, se idoneo, lo propone alle CE. L'Agenzia Letteraria si rifà sulle Royalty derivanti dalla promozione-vendita dell'opera. Lei mi capisce che, sempre secondo il mio parere, chiunque in questo modo potrebbe tirare su un'agenzia letteraria. Mette insieme due cui piace leggere dando loro un piccolo compenso e poi emette una scheda sul testo, senza mettersi in gioco minimamente. Anche le CE a pagamento usano la stessa politica, ma sappiamo entrambi che nella stragrande maggioranza dei casi, queste, sono solo degli squallidi mercenari. Perciò detto, ringraziandola ancora per la sua attenzione, rifiuto categoricamente questo modus operandi che ritengo oltremodo dannoso per l'editoria nazionale. Augurandole buon anno nuovo le invio i miei cordiali saluti." A questa mail ha risposto subito dicendo che essendo sommersi di testi devono fare così. Ma io rimango dello stesso parere.
  5. LFA Publisher

    Qualcuno può dirci se questa CE paga le Royalty a tempo debito?
  6. Gruppo Editoriale Mauri Spagnol

    Si sta parlando della Longanesi. Se a far passare le proposte editoriali, ci mettono "un vecchio che non sopporta le nuove tecnologie", forse è per questo che l'editoria italiana si fonda sempre più su quei pochi noti personaggi della TV che stanno facendo diventare anche "l'editoria spazzatura"?
  7. Gruppo Editoriale Mauri Spagnol

    Ho inviato la sinossi e il primo capitolo a Longanesi. Penso non l'abbiano nemmeno letto. Mi hanno risposto così: "Gentile signore, la casa editrice Longanesi sarà lieta di valutare la sua opera. Può inviare una ventina di cartelle, una breve sinossi e curriculum con tutti i dati alla sede della casa editrice, tutto in formato cartaceo e specificando sulla busta “All’attenzione della segreteria letteraria”. Nel giro di quattro o cinque mesi dal ricevimento della proposta, in caso di interesse, verrà contattato." Io mi sono sentito in diritto di replicare in questo modo: "Mi dispiace, ma non invio in cartaceo. Non ritengo corretto che una casa editrice del vostro spessore si avvalga ancora di questi mezzi a dir poco obsoleti. Inoltre, dovrei inviarlo in cartaceo, quindi provvedere a stamparlo andare in posta e inviarvi il plico e voi, nel caso non siate interessati, non vi degnereste nemmeno di farmelo sapere. Grazie, ma come casa editrice non fate per me. Cordialità"
  8. Edizioni Europa

    sono alla canna del gas...
  9. Internationalbooks

    Lo chiedevo solo per capire se la si potesse contattate telefonicamente...
  10. Internationalbooks

    @Valentina Vizzi Potresti darci il num. verde che ti hanno trasmesso? Grazie
  11. Tempesta Editore

    I rischi si corrono mettendosi in gioco. Se non voglio mettermi in gioco, non correrò mai nessun rischio, ma almeno nessuno mi vede...
  12. Tempesta Editore

    Mi chiedo quanti e quali scrittori avrebbero raggiunto la fama di notorietà, che hanno attualmente, con conseguente fama e introiti per le CE che hanno accettato di rischiare, se avessero dovuto tener presente che si viene pubblicati solo se già affermati...
  13. Edizioni Europa

    Hanno inviato anche a me un contratto di pubblicazione dicendomi che viene richiesto l'acquisto di cento copie del libro Sono profondamente deluso. Le case editrici non a pagamento, non rispondono nemmeno alle mail, all'invio del dattilo o della sinossi. Quelle a pagamento rispondono tutte con richieste di soldi. E' veramente frustrante questa situazione
  14. Eretica Edizioni

    Sono Enzo Riccio e purtroppo, non conoscendo bene il pc, in generale, non sono capace di mettere una mi foto. Anche se ho tentato diverse volte di caricarne una semplice. Mi chiede che devono essere gpg o altre sigle e non so come si faccia.
  15. Eretica Edizioni

    Ok. In verità mi ero riservato di non continuare a scrivere in riferimento a Eretica Edizioni perché, essendomi sentito raggirato, se avessi esposto subito la mia esperienza, avrei corso il rischio di usare toni poco consoni al sito in cui sono stato ospitato gentilmente quindi, ho preferito far decantare per qualche tempo la mia rabbia e la cocente delusione che ho vissuto. 1) diciamo subito che non ritengo questa ce una casa editrice free. In quanto fanno delle pressioni per acquistare almeno 40/50 libri. Io, per esempio, quando è stato stampato il mio libro, ne volevo solo una decina e ho ricevuto delle pressioni per comprarne almeno 40/50, così che mi avessero potuto fare un prezzo speciale. 2) Del mio libro, ne hanno stampato 80 copie della prima e unica edizione, 51 di queste copie le ho dovute comprare io. Mi dite come si faccia ad arrivare a venderne almeno a 30 copie per poter ricevere almeno la percentuale che mi spettava se il minimo sindacale sono 30 copie? Dopo sei mesi, in cui il mio libro è stato stampato, mi viene comunicato che non è prevista una seconda edizione. Ho dovuto lottare perché si pensasse a ristamparlo, come ci si aspetterebbe e, secondo le promesse ottenute con difficoltà e aver rivisto il testo, si conviene per la seconda edizione. Sarebbe stato necessario un mese, eravamo in maggio/giugno. Ad agosto mi viene detto che non avendo rinnovato l'adesione come socio dell'associazione, sarebbe decaduta anche la possibilità di una seconda edizione. Ma a me a cosa serviva essere socio se erano già passati più di due mesi e non avevano ristampato il libro? Non vuol dire niente essere piccole ce o grandi. Quello che fa la differenza è la serietà e l'onestà. Ma veniamo la 3° punto. Il mio libro, essendo un saggio di circa 300 cartelle, è composto di sette capitoli ed ha una corposa bibliografia. Non è stato messo né l'indice né la bibliografia. Pur avendo fatto presente questo particolare e avendo inviato un file con il testo completo di tutto, la mail che mi venne inviata, fu che non potevo permettermi di mettere in discussione "la severa linea editoriale che adottiamo". Difatti, quando mi è arrivato il pacco con i 51 libri, mi sono cadute letteralmente le braccia, nel constatare che era di "qualità pessima" (parole usate dal critico letterario che mi ha fatto la prefazione). Ecco, in parte, la mia disastrosa esperienza...
×