Floriana

Sostenitore
  • Numero contenuti

    1.010
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

83 Popolare

Su Floriana

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 30/11/1985

Informazioni Profilo

  • Genere
    Donna
  • Provenienza
    Varese
  • Interessi
    Scrivere ciò che mi suggerisce la mia anima..

Visite recenti

4.585 visite nel profilo
  1. Scrivere un fantasy: da dove cominciare?

    Buona sera @theluz , se posso dirti la mia, il mio fantasy è nato da una canzone metal. Ho prima immaginato le scene per un paio di mesi, ho raccolto e annotato su carta gli appunti e dopo ho iniziato il romanzo non ancora terminato (purtroppo). Trama e scenografia vengono da sè, man mano che scrivi. Ricordati: se scrivi ai le idee già abbastanza chiare. Tutti pensano che scrivere un fantasy è facile, si è facile perchè sleghi la fantasia però la devi saper gestire. Dosa la tua fantasia, non troppo banale e non troppo surreale. Il giusto.
  2. Billi

    Buona sera Roberto, Perchè travestita? vestita no? Refuso? punto non virgola Conclusione: racconto scritto molto bene, scorrevole, ordinato ed elegante. Avrei anch'io optato per il corsivo invece che le tonde. Sono un pò dura di comprendonio, non riesco a capire che messaggio lasci al lettore. Scusami Floriana
  3. Santeria - rivisitato

    Buona domenica @camparino commento questo mini racconto. Più che un racconto, mi pare un frammento. Ha le basi molto solide per diventare qualcosa di più. Mi trovo d'accordo con @Sinoe , sintetico ma di gran classe. L'incipit mi da un senso di timore, vedo un pizzico di satanismo. In certi punti, mi ha fatto impressione. A rileggerti. Flo
  4. Nessun errore

    Buon sabato @Sandro Bonera vedo che è un nuovo utente, quindi le dò il mio benvenuto nel WD! Toglierei: un Troppe che Che cosa vuol dire? Riscriverei. Frase incomprensibile. Rivedi. Come per gli altri. -Sono un uomo. Sempre la maiuscola. Aggiungerei: mano mangina Conclusione: testo con un tema caotico, in certi punti sei scorrevole ma non del tutto chiaro. Si vede che sei all'inizi. Devi metterti nei panni del lettore, essere chiaro il più possibile, scrivere con l'obiettivo di lasciare qualcosa. Sono sicura che con un pò di esercitazione, ce l'ha puoi fare. A rileggerti. Floriana
  5. La foresta amazzonica

    Commento: Chesta città di Joyopi Non so narrare il volto di un bimbo che non sa ancora camminare, Adagio. Non farlo spaventate! Con una mano vien sorretto. Una madre matura. La natura. Sorride il piccolo mondo, da sempre impara dall’origine al percorrere l’instante. Con un piedino inizia a pestare quel verde maestrale. È così ossigena ogni creatura che giunge fin qui, a piedi nudi per adorare la sua madre-terra. Il bimbo si guarda attorno, ride fino al cielo troppo in alto per toccarlo. Per sognarlo. Ora cammina solo, è un uomo senza scandalo tiene per mano ancora la sua fonte. Osserva e circonda ogni tronco d’amore come un tocco privo di grande pensiero. Respira figliolo, respira tesoro mio, apri i polmoni e vedrai i colori veri della terra. Basterà ancora gattonare, per conoscere ciò che non stupisce. La ricchezza assoluta è la polvere che non ingrana foreste e benessere. Ed è qui il premio più grande sotto i nostri piedi nudi e danzanti, famigliari come le nostre belle origini. Tu sorridi ancora Amore mio, reggiti forte alle mie dita e desidera di cavalcare sponde colme di libertà. Non crescere in fretta sai, versa su di me quella fragilità che solo tu sai. Il voler crescere. E raccontami storie dove il tempo non mi sa ancora svegliare. Le tue avventure. Ho fatto millenni con te, ormai mi sono accorta che sei grande ma mai importuno. Eppure ora non conforta più il sentire la tua voce, le tue storie, il tuo sorriso, e la tua felicità. Tutto questo dov’è finito? Rimane un mucchio di ricordi che incoraggia un mondo diverso. Povera me! È giunto il tempo di tremare, trafiggono parte del mio cuore i bei volti delle ruspe con le loro case in cantiere Il male. Lento scivolo come sapienza, tutto ciò che ho creato si sbriciola con me stessa. Piango disperata, “O sola rimasta” non far volar via quei semi in parti non mie. Grandi e possenti son mani folli. Scavano nelle mie stesse ossa, rivoltano me stessa e fanno cadere quel velo immacolato che è stato sempre al naturale. Povera me!, Povera me! esclama colei che è in ostaggio. Nessuno ferma mai quelle mani nulle di veri propositi, donna non è… ….la loro affermazione…. Ma credo che tutto si traveste dietro al trucco della prassi. E noi lattanti come sempre, restiam ad ossigenarci con i diti in bocca in frutti amari. Ben seminati come contentini di un umore non nostro. Oggi si rada al suolo tutto senza l’idea di “un’altra ME” Son io la difesa dei vostri figli non viceversa, e voi che fate? Son foresta di quel dì che resta, sfiduciata da chi ho scelto e amato. Voi radici e nettare alla meraviglia, al cosmo cosa date? Inciviltà per non respirare più. Che cosa volete ricevere da me? Sorrisi spenti e silenzi daranno forse una definizione di ciò che rimane. Ero l’orizzonte dell’universo colorato e volenteroso… ogni futura mattina cercatemi in una forma bizzarra, tranne quella di una foresta. Un mobile oggetto senza respiro.
  6. Chesta città

    Buongiorno @Joyopi , buona festa dell'immacolata. Spero che la passerai bene. Premio il tuo coraggio a scrivere una poesia in napoletano. Io da ignorante rincorro alla traduzione Conclusioni: mi complimento con te caro Joyopi, questa poesia merita di vincere qualcosa. Poesia con un tema ben sviluppato. Alcuni versi in rima sono musicali di grazia e di delicatezza. Grazie d'aver tradotto questa perla, se no non riuscivo a comprendere nulla. (scrivevo soltanto: Che cosa vuol dire?) Un caro saluto Floriana
  7. Le descrizioni – Usare i cinque sensi

    Caro Marcello, se posso dire la mia... Anch'io amo descrivere i luoghi nei miei raccontini, oltre ad essere una precisina, mi piace che gli altri vedono ciò che vedo io. Certo, la descrizione non dev'essere lunga o noiosa ma essenziale per mandare il lettore al quel "determinato" punto. Oltre la vista, giustamente come dici te, il lettore deve sentire, toccare ecct.. Certo sarà complicato descrivere i sensi, questa è una difficoltà dello scrittore ma sono certa che chi scrive dopo sarà fiero di se stesso. Ciao - Ciao
  8. ...E da giorni che la tua nostalgia si fa sentire e mi distrugge... Mi manchi così tanto che respiro male. Vorrei essere libera di dirti quanto TVB ma non posso. La sera resto sveglia, vorrei perdermi nelle tue braccia ma come ti posso spiegare che esiste davvero un'amore senza un rapporto fisico? Mi basti tu, che vivi!

    1. Unius

      Unius

      Esiste l'Amore senza rapporto fisico.

      Quello che fa dire a un uomo, semplicemente, solennemente:

      "Adoro l'ombra deliziosa di Colei che vuole che io viva..."

  9. Elegia

    Buongiorno @Hendrixvr1992 ti posso dire che hai un nickname davvero strano. Cos'è da buriana? Eliminerei il punto e virgola. Scriverei: eravamo silenzi, brina su vetri, troppi treni. Sembra che fa più effetto. Conclusione: questa breve ma intensa elegia mi manda ad un appuntamento speciale, forse mancato. C'è un pizzico di tristezza che non rovina l'attesa. Il poeta immagina il suo arrivo e, anche se "Lei" non arriverà mai, trasmette la sua gioia e le sue emozioni. La poesia è scritta con parole semplici. Rivedi la punteggiatura. A rileggerti. Floriana
  10. SuperQuak

    Buon pomeriggio@Macleo spero che stai bene. L'unico refuso: al di Concludo gia sei proprio un matacchione Macleo che dirti.. questo lavoro non fa per me lascio il compito e "la mano" a te. Che cosa ti devo dire? Scrivi bene ma questo documentario è un pò troppo osè. Ti auguro una buona serata Flo P.S. ti consiglio a marzo\aprile 2018 aprire un topic!
  11. Momentaneo

    Ciao lusew Bellissimo verso. Momentaneo proprio come un bisogno Faccio fatica a collocare "l'amaca mia". A cosa ti riferisci? Verso comprensibile ma difficile da interpretare. Io avrei scritto: se lo sconfitto spera uguale. Non c'è vittoria in "qualcosa di momentaneo". La persona spera comunque in bene e in male. Conclusioni: una poesia breve ma schietta, scritta con parole semplici ma fin troppo chiare. Non sono d'accordo con l'utente precedente. Per me questa poesia non deve lasciare nessuna emozione. E' il suo vero scopo, descrive qui un momento passeggero. "Qualcosa di momentaneo" secondo me, non lascia mai un' emozione nel tempo ma semmai una sensazione che sparisce subito dopo. Mi ha fatto piacere leggerti, visto l'ora, buon appetito Floriana
  12. Il re di cuori

    Ciao @Komorebi molto bella la tua poesia, solo che secondo me è troppo concentrata. Conclusioni: Dovresti mettere più "a capi" e allergerire qualche frase. La poesia in se mi piace anche se non riesco a cogliere un messaggio. In certi punti sei egnimatico e difficile. A rileggerti. Floriana
  13. Il gallerista due

    Buongiorno @sergio mari Invertirei: lo feci al pc, l'opera d'arte che ha fatto germogliare lo zero sul mio conto corrente. Non mi piace, suona male. Riscriverei: Il prezzo è di soli quindici milioni. Quando un pezzo è strano e la cifra è contenuta vuoldire soltanto una cosa: o è un falso o è un affare. Frase poco comprensibile. Perchè lo strano prezzo? Inserirei più punteggiatura. Attento ai che. Conclusione: frammento abbastanza carino. In certi punti più scorrevole che in altri. Storia di mafia (non è il mio genere) Hai buone idee ma si nota che fai fatica a scrivere sulla carta. Buona continuazione. Flo
  14. Il peso di un errore

    Giorno @Ina molto rara, come una perla, la tua poesia. Scorrevole e allo stesso tempo elegante. Menzogne capitali cioè? Interessante questo verso.Far finta di nulla sempre e comunque. Preferirei: e non ti chiedi Qui c'è un eccezione. Puoi chiudere gli occhi tranne quando si patla dell'amore. Fai una grande fatica a lasciar scorrere. E' proprio vero. La poesia mi è piaciuta. A presto Floriana
  15. Una stupida ossessione

    Buona domenica @AryaSophia ben trovata! Scriverei: ma i miei erano nascosti. Per fortuna che mio padre non lo sapeva se no mi avrebbe diseredato. Perchè nauseabondo? Direi: era nauseante Aggiungerei virgola dopo voce. Conclusioni: racconto ossessivo ben descritto, scorrevole e senza refusi. Brava, brava, AryaSophia. Storia ben sviluppata, personaggi lineari con la narrazione. Solo una cosa non ho capito: Qui secondo me, salti troppo velocemente da una parte all'altra. Ho avvertito un distacco netto ma forse è solo la mia impressione. Un caro saluto Flo