wendy

Utente
  • Numero contenuti

    50
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

0 Neutrale

Su wendy

  • Rank
    Sognatore
  1. Beh, và, non era male, a mio padre ne hanno chiesti 6500... 1700 sono un affarone! :mrgreen:
  2. Concordo con te, anch'io condivido in pieno il ragionamento di Azoto Liquido. Anche perché ricordo il caso di una ragazza, che aveva pubblicato solo in e-book su Lulu (quindi niente editing nè correzione bozze, anche se in qualche caso una limatina sarebbe servita) e tra l'altro e-book gratuito. L'ho trovata citata un po' in giro per il web ed è anche apparsa in alcune tv locali: un sacco di gente aveva letto i suoi libri, anch'io, e scriveva veramente bene. Tutto sommato è una strada che non scarterei a priori.
  3. Guarda che io non intendevo che quello sia l'unico modo... Però, siccome si parlava di free piccoli, e il mio libro in ogni caso è stato pubblicato con una casa editrice, almeno a mio avviso, piccola, la pubblicità è quella che è. Io facevo confronti tra un Pod e una Ce di piccole dimensioni. Non potrai negare che, se ti tocca sobbarcarti la maggior parte della pubblicità, sono cavoli amari riuscire a vendere anche una sola copia! Poi se riesci a pubblicare con case editrici più grandi, va be', allora il discorso cambia... Io però non ci ho neanche provato perché non sapevo a chi rivolgermi (conoscevo solo Albatros come CE grande, fai conto tu) adesso che lo so almeno ci provo.
  4. A me ne sono arrivate ben 4 con scritto solo test... Mi dite se è successo anche a voi, o è un problema della mia posta elettronica? Se no glielo segnalo.
  5. Per quello che riguarda editing e correzione bozze ti dò ragione... per quello che riguarda la promozione no perché non tutti i piccoli editori ti fanno promozione, ti tocca comunque arrangiarti, e lì sono dolori di panza, lo dico per esperienza personale (non che abbia scritto niente di sensazionale, ma visti i risultati...) Se devo guardarla da quel punto di vista, Pod o casa editrice piccola, la differenza è ben poca... Comunque, per quel che diceva Ayame non c'è inadempienza contrattuale: l'impegno a pubblicare (così non scontentiamo nessuno) non parlava ne' di un numero di copie da comprare, ne' che la casa editrice si impegnava a promuovere il romanzo, ne' altro: parlava solo di come doveva essere impaginato il testo e del fatto che ci si impegnava a cedere i diritti del libro alla CE per sei mesi dalla data di uscita del libro. Quindi non credo si possa parlare di inadempienza... Al limite si può dire che manca un contratto, ma penso che l'impegno alla pubblicazione abbia lo stesso valore! Se hai dei dubbi ne ho una copia e te lo posso inviare, così vedi di cosa si tratta.
  6. Sì, però, come mi è stato fatto notare dalla signora Lovati, che tra l'altro si ostina a chiamarmi con un nome non mio (che provi a farlo anche con la Jolie, già che c'è) il nostro non è un contratto, ma un impegno alla pubblicazione, credo non abbia lo stesso valore. Anche tu con gli stessi problemi? Meno male che a sentire una delle curatrici a parte me nessuna aveva creato il benché minimo problema! Benvenuta nel club.
  7. Ho visto anch'io, accipicchiola! Ma che voi sappiate... A noi autori selezionati fanno uno sconto, o paghiamo tutti il prezzo pieno? Se no mi tocca aspettare per ordinarla...
  8. Sì, volentieri, perché no? A proposito, come si fa a creare un gruppo su Facebook? Io ho imparato adesso a condividere le foto e i link... :?
  9. A me è arrivata la risposta ieri... Il mio racconto è stato selezionato! :mrgreen:
  10. Anch'io con Lulu mi sono trovata bene, l'unica cosa che mi lascia perplessa sono le copertine, l'ultima volta ho dovuto optare per una di quelle "vecchio stile" perché quelle di tipo nuovo non riuscivo ad usarle, a caricare le immagini ecc, bisogna anche tener presente che io per certe cose sono negata! :roll: Comunque veramente, come qualità di stampa non è male, se uno vuole veder stampato il suo libro mi sento di consigliarlo.
  11. Ma tu personalmente compreresti mai il libro di uno sconosciuto stampato con un POD? Io no. Sì, ma tu sai cos'è Lulu e cos'è Il Filo, tantissima gente che compra i libri manco sa cosa sia l'editoria a pagamento il print on demand... Vede la copertina, gli piace la trama, e compra. Sai quanta gente lo fa? Se uno si fa una buona pubblicità, il primo lo smercia (non tra gli scrittori ) il secondo magari meno...
  12. La collana chiude definitivamente, è nato un parapiglia proprio per quello che vi avevo raccontato: il fatto che non abbiamo, ne io ne un'altra autrice, comprato le nostre copie "opzionali-obbligatorie" e l'abbiamo comunicato a chi ci aveva scritto. Chi dirige la casa editrice se l'è presa con le curatrici, e hanno chiuso lì. Non entro nel merito della discussione perché non è compito mio, ma ci sono rimasta parecchio male. Comunque sul sito della collana e sul blog c'è scritto che chiudono... (se interessa... ma sono solo due parole collanarossocuore.blogspot.com
  13. Io ho sentito tutti parlare maluccio di Boopen... Ho sentito addirittura di gente che aspetta la prima copia da quasi un anno... Ma se devo aspettare dieci mesi per avere qualcosa, preferisco una risposta da una CE di quelle buone, piuttosto che la copia promozionale di un POD! Insomma, c'è Lulu, il servizio è lo stesso... Io comunque non li vedo poi così negativi, ho letto un paio di romanzi editi su LUlu, (scaricati a gratis) non erano mica malaccio! Certo, un po' di editing gli avrebbe giovato, ma anche così li ho apprezzati.
  14. Ti ringrazio, è che ti giuro c'ero rimasta così male che non l'aveste neppure ricevuto! Intanto perché siete una delle poche case con una collana per il Chick-lit, e poi perché ho visto le copertine e i lavori che fate e speravo proprio di riuscire a pubblicare con voi... Spero che il prossimo che sto scrivendo vi piacerà! @Jack Shark: Hai straragione. Qualche giorno fa difatti gironzolavo per il web e facendo una ricerca sulla 0111 è venuta fuori la recensione ad un romanzo in cui si diceva peste e corna, non tanto dell'autrice, quanto della CE. In effetti, a leggerlo cadono le braccia: ci sono dei passaggi in cui addirittura non si capisce se si parli della casa o della persona che in quella casa ci abita. Io avevo letto solo qualcosa di MP Black, per questo mi ero fidata della 0111, ma a questo punto se era ben scritto non lo imputo certo a chi gliel'ha revisionato, si vede che è brava lei punto e basta... A proposito, volete saperla l'ultima? La collana rosso cuore non esiste più. :roll:
  15. Ci sto facendo un giretto anch'io (con l'aiuto di Google translator! :mrgreen: ) e non è mica malaccio! Ci sto facendo un pensierino, anche perché, dopo certe recensioni che ho avuto al mio libro, sto pensando di rivolgermi al POD per il prossimo: tradotto, me lo scrivo me lo stampo e me lo leggo... Quando non si ha talento meglio rinunciare :cry: Ops, botta di autocommiserazione basta! Comunque non mi dispiace, visto così sembra un po' meglio di LUlu