Gigi

Scrittore
  • Numero contenuti

    604
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

3 Neutrale

4 Seguaci

Su Gigi

  • Rank
    Scrittore
  • Compleanno 04/03/1982

Informazioni Profilo

  • Genere
    Maschio
  • Provenienza
    Foggia
  1. A volte penso

    A volte penso. Credo di essere semplicemente vittima di uno scherzo. Di cattivo gusto certo, che fa troppo male per strappare una risata. Vivo pensando e intanto vago, giorni di pace non se ne assaggiano. Il mio lamento si fa carne: fa male l'essere incatenato. In bui vagoni di treni malandati, che viaggiano su rotte ormai senza destinazione. Solo sale sulle mie ferite: brucia l'anima quanto brucia l'esistenza. A volte penso. Non dovrei farlo ma difficile é abbandonarsi, alla commozione quando come me si è perso l'equilibrio.
  2. Il Sereno

    La poesia è ben scritta e strutturata. Non mi dispiace per niente anche se la trovo molto lontana dal contemporaneo e questo per me è un grosso difetto. Emana belle emozioni però secondo me nel 2015 bisogna fare altro tipo di poesia, certo a meno che non ci si diletti per semplice gusto. Non mi piace nemmeno tanto la scelta delle rime baciate solo per metà componimento. Secondo me saresti bravo anche se ti scrollassi di dosso qualche secolo. A rileggerti.
  3. Spleen

    Non mi dispiace. Strutturalmente perfetta direi. Poche emozioni però. Alla prossima.
  4. Sperare, forse

    Tutto ha un senso? No, io credo sia la vita a non avercelo. Fame, sete e sorrisi speranzosi, che pena ritrovarsi stanchi quando nasce un nuovo sole. Sarà forse un sogno a farmi rinascere?
  5. Non sai leggere

    Mi è piaciuta molto! Non sono d'accordo con nessuno dei commenti negativi. Questa poesia dai versi liberi mi ha provocato un senso di smarrimento lasciando trasparire un'ingenuità tangibile sotto tutti i punti di vista. Anche l'assenza di un ritmo ben delineato non è un difetto bensì un valore aggiunto per questa poesia. Avete mai letto bukowki? Ritmo assente eppure grandissime poesie. Davvero bravo!
  6. Perché a me?

    Perché a me? é la domanda preferita da chi soffre. Accanto al dolore solo dolore e lacrime piegate al volere della gravità. Sono solo io nel vuoto di questo non amarsi, che danza senza osservare chi discute sul da farsi. Cerca nel destino di che deve al fato il gusto amaro della scoperta. Piegati vecchio orgoglio sbiadito essere dalle mille forme, lascia alla coscienza l'essenza vera del desiderio. Fuma la vita e brucia l'esistenza io sono ancora qui a chiedermi se è vero, che il dolore non ha forma ma solo un animo avventuriero.
  7. Giorni in prestito

    Mi piace molto il tuo modo di scrivere poesia perché condividiamo lo stesso amore per il verso libero. Secondo me questo genere è molto più difficile da creare nonostante la libertà che certamente il poeta ha nello scrivere. Il parallelo tra arte e amore mi intriga tanto, tu hai spiegato bene il tutto miscelando con cautela. Inoltre sono d'accordo con te riguardo alla questione musicalità: bisogna leggerla bene una poesia a verso libero per carpirne l'essenza. Bravo. Unico appunto: nel linguaggio non la trovo abbastanza moderna.
  8. 3 versi

    bellissima!
  9. Compulsioni

    E se fosse vero? Allora verificare si fa opportuno. Ma è questo l'errore in cui si cade, trovare una risposta e che poi sia pace. La mente inganna e gioca a farsi seria, in ogni suo aspetto brucia forte il non sapere il vero. Via non so mandarvi perché forse un pò servite, a dare luce a un giorno che di luce sopravvive. Sento forte il bisogno di essere ancora vivo, dentro questo amaro esistere che ancora me lo dice. Di provere e riprovare se c'é errore in quel che poni, Domande su domande premono così forte e spine dentro al cuore feriscono ogni intento, di vivere tranquillo di quello che son fatto e buttare via quei dubbi che nascono dal nulla. Ma se fosse vero? E ricomincia tutto.
  10. Raso rosso

    Buondì. La poesia è parecchio semplice ma nonostante questo musicalità e stile ricercati me la fanno apprezzare un bel pò. Mi piace l'idea che hai sviscerato con eleganza e parsimonia. L'essere combattuto è stato spiegato abbastanza bene e c'é anche abbastanza trasporto emozionale. Esplorare è tutto in poesia e questi versi esplorano molto bene ciò che il contenuto suggerisce. Alla prossima. Luigi.
  11. Alfredo Scaricamazza ha quasi trent'anni, un lavoro stabile, una fidanzata con la quale a breve convolerà a nozze e due amici fidati su cui poter sempre contare. Nulla sembra turbarlo. Un giorno però la sua esistenza subisce un brusco sbandamento. Complice il forfait della promessa sposa, e dopo aver guardato un film sulla Sacra Bibbia e un documentario sulla teoria del Big Bang, va in confusione. Il suo mondo prende a sgretolarsi nel tentativo di capire dove risieda la verità. Comincia quindi a passare notti insonni e a compiere azioni scellerate e scelte sbagliate, ma le sue domande restano sempre senza risposta fino a che anche il pensiero del suicidio fa capolino. Ma quel che il giovane non sa, è che il peggio deve ancora venire, e che la vita dà sempre una seconda possibilità.
  12. [Curatore editoriale] Giulio Mozzi

    Chiedo scusa dove è possibile inviare un manoscritto a giulio mozzi?
  13. Montag

    è venuto alla luce il mio romanzo con la suddetta casa editrice. Che dire: esperienza positivissima fin'ora! I libri sono bellissimi da vedere, di ottima qualità. Come ho già detto in precedenza non ho sborsato un solo euro per pubblicare. Soddisfattissimo!
  14. Se

    commento Ancora una volta troppi se. é forse sbagliato darmi una possibilità? Sono una fuga nascosta dietro un ritorno, mastico sogni nei miei risvegli malinconici. Se, solo questo mi viene da dire, e forse tacere sarebbe un pò come viaggiare. Dentro una vita fatta di sbadigli, ululati di rese ancor prive di rabbia. Dimmelo ancora se non ti dispiace, infelice è un respiro che tuona sospiri?
  15. Incontro

    Molto carina dorothy. Ottima la scelta metrica e soprattutto molto incisivi alcuni passaggi. Sei stata davvero capace di farmi vivere l'emozione di ciò che ti sei proposta di raccontare. Non ho nessuna critica da muoverti, perché credo che il componimento sia perfetto così come è. Bravissima. La chiusa è davvero molto piacevole. Una domanda: è qualcosa di vissuto? Perché così mi è parso dall'intensità del testo. Saluti.