White LionHeart

Utente
  • Numero contenuti

    475
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

1 Neutrale

2 Seguaci

Su White LionHeart

  • Rank
    Sostenitore

Informazioni Profilo

  • Provenienza
    Veneto
  • Interessi
    Leggere (saggi, poesia, thriller) scrivere - viaggiare - volontarizzare ^ ^
  1. Veramente molto tenero e delizioso. Mi ha fatto pensare all'ode di P.Neruda (Ode al cane), e magari qualcuno te lo ha già detto nei commenti precedenti...non li ho letti. E presa dalla natura dolce del tema, ci ho messo un po' a capire che si tratta di un sonetto. Lo trovo un ottimo esercizio di empatia, perché tu scrivendo impersoni il cane e non il padrone. Oppure non fai una descrizione esterna di chi osserva cane e padrone passeggiare, tu qui sei proprio il cane. Per questo trovo questa poesia calda e avvolgente. I miei sinceri apprezzamenti e te lo dice una che non ha molta passione per gli animali White
  2. Sweet Gigi ^ ^ rieccoti finalmente. Felicità, una ricerca che corrode l'anima. Leggo amarezza, un poco di cinismo. Delusione verso la natura umana, la stessa natura appartiene a ognuno di noi. Ci rende patetici forse, questa affannosa ricerca...probabilmente è così. Ma se smettessimo di cercare invece, cosa ci resta? E se ci accontentassimo di risposte basiche, che tipo di soddisfazione otteremmo? Non so a cosa tu alludessi con questi versi, ma mi hanno portato a questa riflessione magari anche molto lontana da ciò a cui pensavi. Ad ogni modo, è molto bello rileggerti. Un caro saluto, White.
  3. se potessi, tornerei nel passato per poter parlare con "me-bambina". Magari quando piangeva la notte...e nessuno capiva perché. Lei così piccola e confusa. Così piccola..eppure con un senso di solitudine troppo grande. Gli accarezzerei i capelli, e le direi va tutto bene. Non c'è nulla da cambiare. Vorrei molto bene a quella bambina. Se un giorno potessi abbracciarla, sarebbe il più bello dei regali.
  4. Consuetudine - il Grana sulla pasta Mi parli d'amore, come fosse consuetudine - il Grana sulla pasta. Ma non comprendi i miei ricci senza piani. Afferra, gratta questa foresta incolta. Forse, proprio nell'impulso di una frazione senza tempo potrei un giorno amarti.
  5. Ringrazio tutti quanti, fa sempre piacere ricevere complimenti sinceri. corri a recuperare allora, cosa aspetti=)a parte gil scherzi, su quella "l", è una bella osservazione dato che oceano l'ho scritto con la "o" piccola. Però mi rallenta troppo il ritmo, inceppo nella lettura...questione di orecchio, gusti insomma. E ancora grazie, White
  6. Ho appena inviato la mia poesia per il concorso. avevo partecipato anche alla prima poesia, ed ero stata pubblicata nell'antologia, adesso vediamo cosa ne pensano. auguri e via alla sfida
  7. grazie del bellissimo commento enoch, e sul quel "hai visto"...posso immaginare che è superfluo. Ma questa è l'ennesima poesia dedicata allo stesso ragazzo, fra queste una era proprio intitolata "hai visto" (l'ho anche postata qui al WD) e quindi per me queste 2 parole sono la continuazione di un sentimento che non ho mai smesso di provare. E no, non ne vale la pena, ma allo stesso tempo vale tutta la pena che posso provare, tutto il cuore che posso versare. E' un po' complicato. comunque Grazie ancora, ricambio l'abbraccio. White.
  8. ohibo mi vergogno, io nemmeno sapevo che cos'è una sincope. A questo punto, se la metrica era pensata ritiro tutto . Ciao
  9. ho cambiato avatar (prima avevo un leone) perché fosse più chiaro che sono una ragazza, ma forse è colpa del nick ^ ^ Non ho mai pubblicato un libro tutto mio, ma ho lasciato le mie tracce in qualche antologia. Modestamente=) mi hai fatto un elogio paragonandomi a Pavase, però questo ancora non lo merito^^ E al momento non ho nessuna intenzione di pubblicare, ma solo di continuare a scrivere. Che posso dire, grazie ancora. Alla prossima, White.
  10. non so se è "perfetta", ma grazie per l'apprezzamento.
  11. Breve, ma assolutamente efficace. Emozioni condensate in poche parole, quanto basta per esprimersi. Pochi dettagli, ma solo il concetto, la linfa della poesia. Bella la metafora cuore-cometa, mi ha fatto pensare ai deliri di onnipotenza tipici dell'adolescenza...scie che si esauriscono sin troppo presto in un "minimo cuore" Solo un appunto ho da fare: la metrica. Come mai mi hai spezzato così i versi? il secondo verso è troppo lungo. Per dare un immagine ermetica al tutto bisogna che i versi siano di una lunghezza mediamente simile. E poi dato che il tema c'è e le parole anche, spezzando al punto giusto riusciresti a dare quella cadenza giusta...e una forza nuova. Ma intanto grazie per questa bella poesia, White.
  12. Peso che tu, ultimamente, ti diverta molto a scrivere secondo questa metrica. L'ho notato in diverse composizioni che hai postato di recente. Ho passato anch'io questa fase, penso si tratti di una ricerca di stile, del proprio stile...e mi piace. Argentarario - bellissima parola, di per sé ricca di assonanze e consonanze. Comunque trovo l'intera poesia un esercizio di musicalità, piena di allitterazioni, un ritmo davvero piacevole. Mi astengo dall'interpretazione del significato. Nel complesso piacevole, White.
  13. Perdendo la vittoria, per amore della speranza. Come osservando vasi di terracotta franstumarsi al suolo. Io ti amo, per amore delle stelle... di qualcosa che non so contare. Come cenere piango il giorno della tua assenza. Piango come oceano ai sospiri della tua indecisione. Si amano persino gli alberi, come memorie di un tempo stabile, hai visto... Si amano persino i cigni su un lago di compianta passione. Che ti succede mio sole, mia terra? Mille volte morrei per poi rialzarmi in cerca del tuo viso - l'impossibile. Che ti succede astro del mio cielo? ti sei perso nella tua scia ed io nella tua visione.
  14. mi piacciono molto le poesie sulla pioggia, di solito ogni poeta ne scrive almeno una...come le poesie alla luna. Ma proprio per questo è difficile sorprendere, esprimere le proprie emozioni con originalità. L'attacco e la chiusa funzionano bene secondo me, è un po' deludente la parte centrale. Si coglie una ricercatezza nei vocaboli, poi d'un tratto quel "E se non la vedi, la indovini" ...boh, secondo me accozza molto. Però ci sono anche molti accostamenti originali "mantra ciclico"..."discrezione morbida". Comunque, l'ho trovata tenera e consolatoria, come solo la pioggia sa essere. Bravo. White.
  15. Bello questo tuo contemplare, meravigliosi versi. Inizialmente mi sono chiesta perché hai voluto spezzare così tanto i versi, una descrizioni troppe volte interrotta può dare fastidio. Però rileggendola ho provato a immedesimarmi in te, un ragazzo affascinato "da galassie", talmente stupito che le parole tardano ad uscire, seguono il ritmo di pensieri che, non riuscendo a comporsi per realizzare ciò che il cuore implora, rallentano...anche essi persi nell'ammirare realtà dalle distanze incalcolabili. Ecco perché: