mauropi

Utente
  • Numero contenuti

    28
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

3 Neutrale

Su mauropi

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 26/08/1960

Informazioni Profilo

  • Genere
    Maschio

Visite recenti

1.377 visite nel profilo
  1. Ciao Mauropi, sono un utente di questo forum che ha letto la tua preziosa testimonianza sull'agenzia di Loredana Rotundo. Non ho ben capito se, una volta ricevuta la tua scheda di valutazione, la Rotundo ti ha proposto un contratto di rappresentanza e, se sì, come è andata dopo. Te lo chiedo poiché l'ho contattata giusto ieri e ho appreso il costo della scheda di valutazione, decisamente alto. Perciò, prima di affidarmi a lei, mi piacerebbe saperne qualcosa di più, se hai voglia di parlarne.

  2. Io sto leggendo il settimo, che si preannuncia lunghissimo e pallosissimo. Vado avanti per curiosità, più che altro. Finora non ne ho trovato uno degno di pubblicazione, neanche a lavorarci sopra.
  3. Descrizione: lettura critica di romanzi e racconti, editing, corsi di scrittura, writing coach Costi (se previsti): per l'editing base (che include indicazioni su come collocare il testo all’interno del mercato editoriale e l’individuazione del target/lettori di riferimento) 180 euro; per l'editing premium 300 euro. Sito web: http://ilmestierediscrivere.wordpress.com/ Facebook: https://it-it.facebook.com/ilmestierediscrivere/ Esperienza personale (se esistente): / Non ho trovato in questo forum notizie circa "Il mestiere di scrivere" di Francesco Izzo, che offre anche servizi di lettura manoscritti. Qualcuno ha notizie in merito?
  4. Le notizie alle quali fate riferimento voi sono quelle di oggi, ma io il servizio l'ho chiesto nell'estate 2012. A quel tempo da nessuna parte era scritto che l'agenzia avrebbe fatto svolgere il lavoro da altri. Se il servizio l'avessi chiesto direttamente ad "altri" (cosa che al tempo era possibile, come ho scoperto dopo), avrei speso la metà e avrei avuto la stessa identica cosa. All'epoca il servizio di valutazione era unico, non c'era possibilità di scelta. Il giudizio è firmato dall'agente letteraria che l'ha steso, non c'è alcun riferimento all'agenzia della signora Rotundo, che non l'ha - passatemi il termine - "controfirmato". Avevo scelto questa agenzia perché, dalle informazioni in rete, mi era sembrata molto valida e aveva appena curato la pubblicazione di "Se Steve Jobs fosse nato a Napoli". Il mio testo era di genere simile. Ribadisco comunque che la scheda di analisi del romanzo mi ha soddisfatto, anche se non completamente, nel senso che a mio parere non ha preso in considerazione alcuni elementi del testo che io ritenevo "critici". La cosa che mi ha lasciato un po' disarmato è stata che con metà euro avrei avuto lo stesso risultato (allora, oggi ho visto anch'io che non è più possibile).
  5. Vorrei raccontare la mia esperienza con questa agenzia letteraria. A inizio luglio 2012 ho chiesto un preventivo per una valutazione di un mio manoscritto. Avevo scelto questa agenzia perché mi sembrava che tra quelle di un certo "peso" avesse trattato anche il genere in cui mi ero cimentato io (satira politica). Ho ricevuto il preventivo in una mail dove veniva precisato che "dato il periodo estivo, è probabile che il tempo richiesto per la valutazione sarà più lungo del previsto". Ora, io sono un semplice scribacchino, ma quel "sarà" piantato in quella frase mi ha lasciato alquanto perplesso.Ho versato la cifra richiesta e ho inviato mandato di lettura, copia del bonifico, sinossi, cenni biografici e manoscritto via mail. Nella mail avevo chiesto cortesemente se poteva darmi conferma del ricevimento del materiale. Ovviamente non ho ricevuto alcuna conferma, se non dopo avere sollecitato con un'altra mail. Dopo una decina di giorni mi è arrivata un'altra mail, con la quale mi si avvisava che la scheda di valutazione sarebbe arrivata "verso fine settembre". Sempre da scribacchino, io una frase così, in un rapporto contrattuale, non l'avrei scritta. Passata la fine di settembre senza avere ricevuto alcunché, ho chiesto spiegazioni. La risposta è stata: "verifichiamo immediatamente". Altra perplessità... Con un'altra mail nella stessa giornata mi è stato scritto che l'editor prevedeva la consegna entro la settimana. Il 5 ottobre mi è arrivata la scheda di valutazione. Io avevo richiesto il servizio per avere una valutazione professionale del mio manoscritto. Sapevo che aveva dei punti deboli e volevo sapere se questo giudizio veniva confermato; ma sopratutto volevo sapere se e quali altri punti deboli vi erano. Ho ricevuto una scheda di valutazione di otto pagine (sette e mezza, a dire la verità), abbastanza ben articolata e che mi è stata molto utile. Quello che mi ha lasciato ulteriormente perplesso è che questa scheda di valutazione è firmata da una agente letteraria (abbastanza nota) che aveva a sua volta una propria agenzia. Nessuno mi aveva avvertito che si sarebbe trattato di una sorta di "subappalto"... Se mi rivolgo a Tizio, perché Tizio dice di svolgere un determinato lavoro, è perché quel lavoro voglio che lo svolga lui. Se poi Tizio il lavoro lo fa fare da Caio, allora da Caio c'andavo anche da solo, no?
  6. Risolto il problema. Dall'assistenza mi hanno detto di scaricare l'aggiornamento dal sito IBS. Una volta installato l'aggiornamento, le impostazioni precedenti sono state cancellate. Meno male... (però potevano anche scriverlo nel manuale, no?)
  7. Ovvio. Ho scritto tutto il romanzo a mano, poi l'ho fotocopiato e ho fatto un bel pidieffe (che non è un partito come il pidi o il pidielle) e l'ho spedito...
  8. Concordo.
  9. M'è partito il messaggio prima del tempo. Credo che il modello al quale ti riferisci tu non sia più in vendita. Il nuovo Tochh Lux 2 HD non ha presa audio e soprattutto non ha alcun tasto di reset. E' completamente blindato. Le istruzioni secondo me non sono aggiornate, perché parlano di cambio batteria, mentre il dispositivo non si può aprire.
  10. Credo che il modello al quale ti riferisci tu non sia più in vendita. Il nuovo Tochh Lux 2
  11. Io ho firmato la famosa lettera d'impegno e sto leggendo il secondo romanzo. A me sono capitati un sacco di romanzi storici. Il primo era partito bene, ma nella seconda parte mi ha deluso e il suo livello (anche grammaticale) è scaduto. Il secondo è partito bene anch'esso e spero prosegua così. Diciamo che se tutti e dieci fossero su questo livello, non dovrei fare troppa fatica a leggerli. Mi sono armato di e-reader e blocco appunti. Soprattutto sono curioso di vedere i giudizi degli altri sul mio manoscritto.
  12. Mi sono permesso di dire che il metodo utilizzato dalla signora Meucci a mio parere non è "un buon sistema" per un motivo molto semplice. Al di là della velocità che un povero cristo deve avere per riuscire a utilizzare il suo form, io credo che: a) una buona sinossi vuol dire semplicemente che uno sa scrivere sinossi. Punto;. Si potrebbe aprire una attività di "sinossaro", se questo fosse un grimaldello per farsi leggere; b) un buon incipit vuol dire che uno sa scrivere un buon incipit. Punto. Quanti incipit ci sono ne "Se una notte d'inverno un viaggiatore" di Calvino? Certo, lui forse sarebbe anche riuscito a portarli avanti (e chi può saperlo?); c) dall'incipit e dalla sinossi si può vedere se uno sa "usare" la grammatica, questo sì, ma sicuramente non si vede se uno sa costruire una storia, come sviluppa l'intreccio narrativo, se e come gestisce i flashback, quanto dedica alle descrizioni e quanto ai dialoghi, ecc. Se lei mantiene questo sistema, vuol dire che dal suo punto di vista è efficace; perché non le sottrae troppe energie nella ricerca di nuovi talenti, che comunque forse da una parte o dall'altra saltano fuori ugualmente. Vuol dire probabilmente che lei dalla sinossi e dall'incipit riesce a capire ugualmente se uno ha "talento". Può anche darsi. Rimane il fatto, inconfutabile, che uno che ha talento ma è negato con internet, con lei avrà le porte chiuse.
  13. Salve a tutte/i. Ho acquistato qualche settimana fa un IBS Leggo Touch Lux 2. Complessivamente, non sono insoddisfatto, ma purtroppo è accaduto un imprevisto. Ho impostato la password delle impostazioni, che purtroppo ho perso. Il lettore funziona ugualmente, ma non si possono più modificare le impostazioni inserite, comprese quelle di IBS, del modem, ecc. Il dispositivo, purtroppo, non dispone di alcun tasto di reset. Ho inviato una mail al servizio di assistenza IBS, che mi ha risposto dopo due giorni dimostrando di non avere capito il problema, in quanto mi ha indicato come recuperare le password di IBS o di Adobe. Ho risposto subito, spiegando ancora cosa mi era successo, ma finora nessuna risposta. Dovrò telefonare, sperando di non dover rispedire il dispositivo a IBS.
  14. Grazie all'infallibile sistema di notifiche, ho avuto modo di seguire questa discussione e quindi a un certo punto (questo) ho sentito il bisogno di dire la mia. Mi spiace (ma in un certo senso mi fa anche sorridere) immaginare tante persone che allo scoccare della mezzanotte dell'ultimo giorno del mese si travestono da pistoleri per riuscire, più veloci della luce, a inviare il loro testo a questa agenzia letteraria. Molti dei quali rimangono delusi e pare anche un po' frustrati, aspettando altri trenta o trentuno giorni per riprovarci. Ovviamente ci ho provato anch'io a suo tempo. La prima volta, non sapendo come funziona, sono arrivato tardi (erano quasi le dodici e mezza!). La seconda volta, invece, sono stato più fortunato. Il fatto è, secondo me, che chi scrive (forse non tutti, ma la stragrande maggioranza) insegue un sogno: pubblicare e diventare famoso. Guai a non avere e non inseguire i propri sogni. Il fatto è che moltissimi di quelli che scrivono farebbero bene a cambiare hobby e sono loro che intasano editori, agenzie, editor e chi più ne ha più ne metta. Io non credo che quello messo in piedi da Silvia Meucci sia un buon sistema per selezionare eventuali nuovi autori. Ovviamente lo dico dal mio punto di vista, che vale poco più di zero. Io credo che questi specchietti per le allodole lascino il tempo che trovano. Sarebbe più corretto se questa signora scrivesse sul suo sito che accetta solo segnalazioni da parte di chi già lavora nel settore dell'editoria e quindi è in grado di fare una prima selezione delle opere. Questo sistema è un terno al lotto. Anzi, è come vincere al superenalotto...
  15. Non ho mai letto i suoi racconti (credo lo farò presto), però possiedo da anni il suo "ricettario": http://www.ibs.it/code/9788808090515/brugnolo-stefano-mozzi-giulio/ricettario-di-scrittura-creativa.html