Nuwanda

Scrittore
  • Numero contenuti

    2.149
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni vinti

    2

Nuwanda ha vinto il 6 maggio 2016

Nuwanda ha inserito il contenuto più apprezzato di quel giorno!

Reputazione Forum

395 Straordinario

Su Nuwanda

  • Rank
    Spirito indiano
  • Compleanno 14 febbraio

Contatti & Social

  • Sito personale
    http://eadessochecosaseidispostoafare.blogspot.it/

Informazioni Profilo

  • Genere
    Non lo dice
  • Provenienza
    Napoli

Visite recenti

6.544 visite nel profilo
  1. Molto interessante la piega che ha preso questo topic… Ci siamo staccati un po’ dalla qualità dei libri, dalle vendite, per passare a una similitudine tra un Self-publisher contrapposto a una piccola o media CE. Questi due potrebbero, per un singolo libro, ottenere gli stessi dati di vendita, se non prevalere sull’altro. Resta il fatto che tra i due litiganti, chi ci guadagna sempre di più, sono le piattaforme, le quali permettono di raggiungere questo mercato online. Ribadisco che Amazon e affini sono delle “vetrine” per esporre il proprio prodotto, quindi delle moderne “librerie”. Credo, però, che tutta questa “guerra” accennata non esiste: è pura invenzione. L’autopubblicato non conosciuto, così come la piccola CE che non fa promozione, resterà lì nell’ombra, solo per “piccoli affezionati”. Invece, l’autore che inizia a produrre buoni dati di vendita ha già un suo target ideale, così come le CE che hanno i loro lettori di fiducia, quindi ognuno vende a un suo pubblico. La capacità di attrarre lettori diversi, non è un “rubare” qualcosa ad un altro, ma semplicemente una maggiore facoltà di essere competitivi. Online non ci sono “spazi esclusivi”, la capacità di vendita decide la classifica e di conseguenza la maggiore visibilità. Quindi, occorrerebbe preoccuparsi delle vendite, senza sgomitare per un parcheggio libero, quando i posti sono tantissimi.
  2. Ottimo Le citazioni di Bukowski, ad esempio, nel topic in cui aveva già commentato Nanni, sono possibili? Qui ci sono dei link: https://it.wikiquote.org/wiki/Charles_Bukowski Le parti difficili da trovare in rete, che possono avere contenuti giudicabili forti, sono da evitare? Difficile comunque farlo in un topic dove si parla di emozioni... Grazie nuovamente.
  3. Pienamente d'accordo, ci vuole rispetto per la sensibilità di tutti e sono felice tu ti ponga come garante Mi sembrava però che la questione fosse un'altra... Ad esempio, non potremo aprire un topic in cui si parla di Charlie Hebdo? Ci sono topic che toccano già i temi da te indicati... Sulle citazioni, un autore come Charles Bukowski come potrebbe essere gestito? Forse, oltre ai racconti, alcune discussioni dovrebbero essere spostate in over 18? Grazie.
  4. Il problema è stato solo aggirato... Resta il problema sulle citazioni di testi famosi non linkabili?
  5. Purtroppo esistono degli eventi reali, così incredibili, che si fatica a farli passare per veri. Non ho compreso se, comunque, vuoi basare la tua storia su fatti che sono avvenuti davvero, perchè in caso contrario potresti apporre le modifiche consigliate. Giusto per tenere alta l'attenzione dei lettori, evitando che si smarriscano su cose poi distanti dal messaggio "reale" della storia, di certo non identificabile con il posto dove dormiva la protagonista.
  6. Grazie @Marcello, valuterò questa possibilità.
  7. Complimenti Ma-dai! Scusa @matrai Io, ad esempio, non saprei rispondere alla domanda target ideale... Più facile indicare il lettore ideale Attendiamo degli aggiornamenti quando ci saranno ;-)
  8. Credo che le soubrette isteriche debbano essere evitate in generale da tutti, mi sembra però che abbiano un certo seguito da parte dei calciatori. Io evito chi si lagna, perché mi rallenta. Ho fatto un mio un aforisma: In generale, sconsiglio sempre di investire “troppi soldi”, soprattutto se esordienti. Si possono testare le proprie ambizioni senza indebitarsi. Molti potrebbero approfittare dei nostri sogni vestendo i panni del gatto e la volpe. Campi dei miracoli non esistono, giusto ad “Acchiappa - citrulli”.
  9. Perchè incompetenti?
  10. Ecco una mia emozione: Accelerò un poco, e decise di salutare la prima bella ragazza che avrebbe visto. Ma prima di qualsiasi bella ragazza incontrarono il piccolo italiano. Era una caricatura di italiano, piccolo, grosso, con baffi neri a manubrio e un vecchio feltro in testa. Stava in piedi vicino a una giardinetta con lo sportello posteriore aperto e agitava le braccia sorridendo con denti incredibilmente bianchi e perfetti. Un telo isolante era stato teso sul fondo della giardinetta e sopra, dentro a un mucchio di ghiaccio frantumato, spuntava qua e là il sorriso rosa e bianco di parecchie angurie. Garraty si sentì contrarre lo stomaco, come capita quando si salta da un trampolino. Sul tetto della giardinetta c'era un cartello che diceva: DOM LANZIO SALUTA I MARCIATORI, ANGURIE GRATIS!!! Parecchi ragazzi, fra cui Abraham e Collie Parker, partirono al trotto verso la banchina, e furono tutti ammoniti. Marciavano a più di sei chilometri all'ora, ma nella direzione sbagliata. Dom Lanzio li vide arrivare e scoppiò in una risata spontanea, ingenua, cristallina. Batté le mani, si tuffò nel ghiaccio e ne emerse con due grosse angurie. Garraty serrò i denti per non cedere. Non poteva. Non avrebbero permesso al barista di vendergli una gazosa. Perdio, com'era buona! Ma sarebbe stato chiedere troppo... ma, fra parentesi, dove aveva trovato le angurie quel Lanzio? Le angurie in maggio? "La lunga marcia" Richard Bachman (Stephen King).
  11. Io ho sempre ricevuto “boati di silenzio”. Diciamo che quando si sottopone un testo a “critica”, l’esperto interpellato si aspetta una accettazione “incondizionata”, a volte ribattendo: “Allora, lei perché ha chiesto un mio parere, se già ne aveva formulato uno in proprio?” . Quando la sua “opinione” è un po’ distorta, occorrerebbe capire cosa ha provocato nel recensore questo “fuori strada”. Magari, approfondendo questi aspetti, si può rendere il testo più “scorrevole”. L’editing, invece, apre il dialogo permettendo di lavorare insieme sui problemi riscontrati. La scheda di valutazione, quando non “dibattuta”, “dialogata”, presenta dei grossi limiti. Forse sarebbe il caso che nel “contratto”, in cui viene deciso il prezzo, si possa aggiungere una clausola, chiedendo la possibilità di eventuali chiarimenti.
  12. Muoio... Diciamo che hai messo i lettori sulla pista giusta... Il quadro che fa la ola, lo voglio anch'io!
  13. Complimenti Marcello Un pò di curiosità... Quale superalcolico si nasconde in quei bicchieri? Cosa puoi dirci di porteghese? Infine, sono previsti dei romanzi diversi o sarai ancora impegnato con Gretije de Witt? Grazie.
  14. La cosa incuriosisce... Ma voi cosa scrivete nella lettera di rifiuto?
  15. Mica stai parlando di E.L. James Anche lei diventata famosa prima sul web