Armandillo

Utente
  • Numero contenuti

    165
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

6 Neutrale

Su Armandillo

  • Rank
    Sognatore
  1. Il futuro, figlio delle proposte editoriali

    chi conosce il buono scrivere alla fine emerge, non che sempre si arricchisca, ma riesce a vivere, d'altra parte, l'avidità di danaro è inversamente proporzionale all'abilità: non si vedono forse emeriti incapaci fare scandalo, prestarsi alle più bieche operazioni commerciali, PRETENDERE una CO-CONDUZIONE TV imperocché lo danaro già intascato non basta loro? la fortuna è che questi tizi prima o poi, cadono nel dimenticatoio, però poi se ne dovrebbero bruciare i non-libri quel che voi dite. dimostra almeno che avete un certo rispetto per lo scrivere che v'impedisce di pensare solo ai soldi: quei che ci pensa, ma non sa scrivere, ha sol due modi per poterli fare: - gridare allo scandalo - far lo scandaloso tutte cose che non hanno nulla a che vedere con lo scrivere Importa molto infatti il MODO in cui SI FANNO I SOLDI ASIA CARRERA ha fatto i soldi, ma, diventata madre, ha dovuto fuggirsene in uno stato in cui la pornografia fosse vietata e duramente repressa, per non essere pubblicamente attaccata e additata ogni volta che si faceva vedere in giro Se voi pure fate i soldi, ma non sapete scrivere e vi PROSTITUITE (da qui l'analogia) vendendo la vostra dignità, per farli inventando scandalose panzane per fregare la gente irriflessiva, quelli che invece riflettono, come credete che vi stimeranno? diranno: ecco colui il quale fa i soldi ingannando la gente facendosi passare per ciò che non è Tanti sono gli editori in Italia che uno, possedendo davvero lo scrivere e potendo sottoscrivere quanti contratti vuole, può legittimamente aspirare a viver bene Non si può scrivere nel tempo libero, o lo si fa a tempo pieno o nulla. Siete voi sicuri del vostro talento? licenziatevi e dedicatevi allo scrivere: e dopo sarà o successo o morte, non si danno mezze misure, non esiste lo SCRITTORE-PART-TIME e per ragioni tecniche prima che filosofiche gli è che la lingua la si deve coltivare: se essa viene imbarbarita dal lavoro che fate per vivere e se lo fate 8 ore al giorno e nelle altre 16, 8-9 ne dormite, due le usate per i pasti, pretendete di FAR LO SCRITTORE nelle rimanenti 6 o 7 ?
  2. Il futuro, figlio delle proposte editoriali

    Ahhh.... Ecco dunque disvelato l'arcano... Non si ama lo scrivere, né si desidera acquisire una solida tecnica, ma lo vile denaro! quello conta! Ma allora tanto vale rapinare le banche! Lo denaro non ti farà migliore. Uno scopiazzatore-plagiatore-vittimista (gne gne mi voliono uccidere-che non è vero, ma dicendolo mi intasco più danari alla faccia dei fessi che accattano lo cartaceo che non scrissi ma taglincollai), rimarrà uno scopiazzatore-plagiatore-vittimista viva la sincerità! simili individui fanno come la figlia che dice alla mamma: la figlia: mamma, voglio fare i soldi la madre: devi lavorare sodo e studiare la figlia: mamma, ma Jenna Jameson ha fatto un sacco di soldi mostrando la sua VULVA al cinema e in TV, interessandomi solo i soldi anche io mosterrò la VULVA e farò i soldi
  3. Il futuro, figlio delle proposte editoriali

    il Cardinale (forse ex ora a Napoli dovrebbe esserci Sepe) MIchele Giordano non sapevo che scrivesse e che avesse fatto i soldi con la Mondadori, quell'altro chi sarebbe? Ricordatevi che più di un fenomeno da baraccone non-scrittore, appropriatore di idee altrui, scopiazzatore senza ritegno né dignità letteraria è uscito dalla Mondadori
  4. Prima Edizione Concorso Letterario Pi Greco Sign

    ma che è una ripicca? :-) (faccina) che c'azzecca lo esemplo (incommensurabile) de lo contratto? i contratti si firmano anche a distanza sapete? (tanto ora non potrei andare nemmeno all'edicola sottocasa) ma che cattivi loici che vi sono al mondo... cioé: noi qualche soldo te lo diamo, ma devi spenderne altrettanto o di più per venire a prenderteli. (quasi una revanche psicologica). Interessante, senza contare che così gli impossibilitati fisici (quale sono io adesso) sono eclusi, e magari quelli sono i migliori... Mi diceva tempo fa un professore costretto in carrozzina e solo, di aver vinto diversi concorsi con denari che gli avrebbero fatto comodo, ma di aver rinunciato: - perché pretendevano la sua presenza per dargli il premio (come se non fosse l'opera ad essere premiata) - perché (egli un tempo camminava), non voleva farsi vedere in carrozzina (e ne ha tutto il diritto) continuiamo così... P.S. Ci sono concorsi che lo inviano il premio (senza pensare che il non voler o poter partecipare sia uno spregio all'organizzazione)
  5. Prima Edizione Concorso Letterario Pi Greco Sign

    Mica pretendete (come cattivo costume di altri concorsi), la presenza obbligatoria per ricevere il premio?, Perché per un incidente di moto mi trovo la gamba ingessata e ne avrò per parecchio questa cosa della presenza obbligatoria (in altri concorsi) è sempre fastidiosa
  6. Romanzo erotico, a chi proporlo?

    Io mi interrogo e seriamente chiedo, nell'epoca dell'immagine, cosa antitetica al raccontare, quale mai disgustosità pornografica possa uscire dalla penna di uno
  7. failtuolibro

    Nome POD: faiiltuolibro Sito: http://failtuolibro.it/ Lingua: Italiano  Informazioni sui costi: http://failtuolibro.it/stampa-il-tuo-libro/quanto-costa-il-tuo-libro/ Facebook: https://www.facebook.com/fai.iltuolibro/  
  8. Libritalia.net

    la vera vanità è quella di essere giudicati dal nome dell'editore piuttosto che dalle proprie capacità. Non si vedono forse emeriti incapaci pubblimarketingizzati? Queste iniziative, smitizzando il nome dell'editore e l'ISBN come elemento distintivo dei buoni libri, certo rodono il fegato a quanti non per propria bravura,ma da questi elementi accessori vorrebbero esser detti scrittori, poiché non basterà più dire, Io Mondadori, Io Rizzoli, Io Bompiani ecc... ma bisognerà dimostrarlo coi fatti
  9. Eboogle

    puoi informarti qui: http://www.ip-adress.com/whois/eboogle.it sui titolari del dominio e poi fare tutte le tue ricerche in camera di commercio
  10. Iris 4 Edizioni

    ha bei libri, ma siamo sicuri che cerchino nuovi autoi?
  11. Mondadori e gli altri colossi

    i fondi li avrebbero, ma gli uomini sono ciò che manca. Intendo i selezionatori. Mancando questi, si affidano ciecamente al marketing, all'autore che ha già venduto, all'individuo da trasformare in un fenomeno da baraccone ecc... tutte cose in cui la letteratura non c'entra non è rimasto più nessuno a conoscere le lettere in queste grandi case editrici.
  12. Mondadori e gli altri colossi

    la maggior parte delle produzioni cartacee mondadori degli ultimi tempi, non ha avuto nulla a che fare con la letteratura (vedi quelli che piagnono che li voliono ucidere che non è vero solo per impietosire la gente e distogliere l'attenzione dal libro che se lo leggessero scoprirebbero quanto fa schifo) in questo caso ricordato tra parentesi, abbiamo individui che pur di intascarsi soldi si abbassano alle più bieche operazioni di convincimento mediatico ma questo non è scrivere libri e non è scrittore chi così agisce
  13. Steampunk

    di quelli che non avendo fantasia originale scopiazzano (da Monkey Island in questo caso) e poi vengono proposti perciò che non sono (previo marketingitizzamento)
  14. preciso solo che la tecnica offset è quella della stampa litografica (per grandi tirature), la stampa digitale è un'altra cosa il criterio è: si capisce? lo si lascia Non si capisce? si cambia, tutto è bono insino a ché si cumprende la lingua viva è per l'appunto varietà; sfetta lo pane, mo' m'inuscio in casa, vo' a pigliar diletto ecc... è questo un vivido discorseggiare non quello morto di una mente gelida che ho mostrato sopra
  15. questo se le vendite di un testo dipendessero solo dalla sua bontà, ma purtroppo oggi i marketingisti prospettano all'editore di poter vendere di tutto: e prova ne sia il fatto che scritti di una nullità assoluta, smercino copie su copie sospinti da motivi d'acquisto CHE NULLA A CHE FARE hanno con la letteratura: nel caso del Ferraris, visto che lo si è tirato in ballo, uno editore, se leggesse il testo, certo direbbe: bono, a me piacere, io fare piccola cerca di sbagli di digitazione e stampare as is sempre lo scrivere sulle grammatiche si fonda e basa ma c'è una grammatica elementare, quella povera e basilare dei temi scolastici e ce n'è una superiore che conosce anacoluti, costrutti simmetrici e asimmetrici, prolessi dei pronomi, piccole acirologie (d'ogni luce muto), metafore ecc... che fanno ricca la lingua ed il linguaggio, il guaio è che i cosiddetti editor che tanti guai fanno sui testi sopra i quali mettono le grinfie, mostrano di conoscere solo la grammatica della scuola dell'obbligo ed appiattiscono tutto non ci credi? leggi qui: http://www.u-book.it/editing.htm «Peppino entrò in casa di corsa in preda a un raccapricciante terrore aprendo la porta, poi la chiuse con violenza dando tutte le mandate a tutte le serrature. Si tolse frettolosamente il cappotto firmato e la sciarpa di seta e li appese all’appendiabiti, si sfilò velocemente i guanti di cachemire e li poggiò sul tavolo di legno bruno. Poi si diresse a larghi passi verso il grande divano e vi si sedette; il pericolo incombente sembrava essersi dileguato e finalmente si concesse un po’ di respiro». diventa: «Peppino corse in casa e si serrò dietro la porta. In pochi attimi si era liberato dei suoi lussuosi abiti per abbandonarsi sul divano. Solo allora, sentendosi al sicuro, iniziò a calmarsi». O MIO DIO!!!