Alvise Canal

Scrittore
  • Numero contenuti

    6
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

1 Neutrale

Su Alvise Canal

  • Rank
    Scrittore - Correttore di bozze - SEO
  • Compleanno 17/06/1994

Contatti & Social

  • Sito personale
    https://www.lancelotcopywriting.it

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo

Visite recenti

92 visite nel profilo
  1. Lettori/scrittori, chi mi da qualche consiglio su come muovermi? Ho visto TANTA roba interessante e non saprei da dove iniziare. Si accettano suggerimenti
  2. @Di Radisea @AryaSophia @Black Intanto grazie a tutti di cuore per l'accoglienza Piuttosto mi chiedevo... Ma davvero c'è qualche folle che ha letto per intero il mio sproloquio? ahahahah pazzi
  3. Ciao @Nuwanda Sul mio sito trovi le recensioni di alcuni professionisti con i quali ho collaborato, tra cui anche una scrittrice. Per altri, però, non posso riportare alcuna loro dichiarazione, né affermare di aver lavorato con loro. Questo per due semplici ragioni. La prima è che, lavorando come ghostwriter, non sempre ottengo l'autorizzazione per poter affermare che un libro è stato redatto da me. La seconda è che si sono rivolti a me scrittori che già collaborano con case editrici, ma che avevano bisogno di un secondo feedback perché non soddisfatte del lavoro svolto. Non ho però la presunzione di aver lavorato con nessuno di veramente, veramente importante e noto. Riguardo la seconda domanda forse devo riprendere in mano il testo perché, evidentemente, non è molto chiaro. Ho voluto fare un attimo un excursus, mostrando che tipi di editing esistono, ma io mi occupo solo di editing formale e contenutistico. Semplice e complesso, invece, sono distinzioni che riguardano la "profondità" delle correzioni eseguite, ovvero di quanto forma e stile vengono cambiate. Solitamente è una cosa che decido assieme al cliente dopo aver sfogliato alcune pagine del suo manoscritto. Spero di essere stato chiaro
  4. Salve a tutti, è davvero un piacere essere qui Presumo dovrei presentarmi, anche se in realtà parlare di me è una cosa che non sopporto. Preferisco di gran lunga far parlare i protagonisti dei miei racconti, i narratori dei miei libri, ma questa è tutta un'altra storia. Chi sono? A farla semplice mi chiamo Alvise, ho 23 anni e sono di Mestre. Immagino, però, che sia giunto quel momento, vero? Devo cominciare a romanzare la mia vita passata per far finta di essere una persona interessante? Se è questo che vuole l'etichetta va bene, ci provo, in fondo la fantasia è il mio regno. Da dove iniziare? Ah si, ora che ci penso so proprio da dove partire, anche se dobbiamo fare un lungo passo nel passato. Fino ai nove anni ho sempre desiderato fare il pompiere. Mi piaceva l'idea di poter salvare le persone e divenire un eroe. Poi però, a dieci anni, feci l'errore più grande della mia vita. Era una giornata di sole e come sempre mi ero rintanato nel sottotetto a leggere. In testa cominciava però a balenarmi un'idea, una storia, e così, come vi stavo dicendo, feci quel grosso errore nominato prima: presi in mano una matita. Non vi dico quanto mi divertii. Scrissi le prime 30 pagine di quello che credevo sarebbe diventato il mio primo romanzo fantasy in 2 giorni. Ancora ricordo il titolo: "La profezia dell'elfo vendicativo". Inutile dire che fu un completo disastro, per quanto ancora oggi mi alletti l'idea di riprenderlo in mano. Da quel giorno non smisi mai di scrivere. Riempivo ogni spazio bianco mi capitasse a tiro con parole confuse e fantasiose, dando vita a decine e decine di mondi diversi. Vi sto annoiando? Colpa vostra: odio presentarmi, ve l'avevo detto. E se saltassimo qualche anno? Quelli più noiosi magari, tanto di episodi di bullismo e solitudine ai tempi edlle scuole medie ne siamo pieni fino alle tasche. Facciamo così allora? Posso andare avanti, tutti d'accordo? Alle superiori trovai una delle donne più importanti della mia vita: la mia professoressa di italiano. Lasciamo perdere per un secondo la folle cotta che mi ero preso per lei. Cinquant'anni, elegante, amante della letteratura, colta, affascinante: prendere appunti era difficile quando ti perdevi per ore a fissarla con occhi sognanti. Si da il caso, però, che lei fu una delle prime a farmi capire che avevo qualcosa da dire, che avevo delle buone capacità e che dovevo metterle a frutto, e così è stato. A 16 anni arrivò il primo momento importante della mia vita. La prof mi chiamò alla cattedra e mi mostrò un volantino. Era il bando per un concorso nazionale indetto dall'AVAPO. Il tema? Il cancro. Scadenza del bando? 7 giorni. Insomma, avevo sette giorni per scrivere un racconto di 10 cartelle sul cancro per un concorso nazionale: una follia. E infatti mi arresi. A due giorni dalla scadenza, però, decisi di provarci. Non sapevo nulla di cancro, ma provai ad immedesimarmi. Inviai tutto il giorno dopo, per paura di non fare in tempo. Un mese più tardi ero chiamato dalla giuria, premiato con un Premio Speciale di Considerazione Creativa. Ero al settimo, anzi no, all'ottavo cielo. E così ogni giorno continuai a scrivere. Questo fin quando un'azienda non notò i miei scritti e non mi chiese di lavorare per loro. Così cominciai a scrivere articoli per blog, piccoli ebook informativi, contenuti istituzionali e via discorrendo. Mentre lavoravo continuavo a formarmi, a studiare l'editoria e la scrittura, fin quando non decisi di mettermi in privato, come Freelance. Ecco, ora sono sei mesi che lavoro con l'attività da me creata, Lancelot Copywriting, dove mi occupo di Web Marketing e, prevalentemente, di servizi editoriali. Sono solo un piccolo pesce, un ragazzo che non ha mai smesso di credere a sé stesso e di sognare, ma un ragazzo felice, che ama ciò che fa. Ho redatto centinaia di articoli diversi, corretto inediti, scritto ebook e racconti. E continuerò a farlo, continuerò a scrivere e a fare ciò che più mi piace, ovvero aiutare gli altri a realizzare i propri sogni, soprattutto quelli legati al mondo dell'editoria. Ecco, questo sono io. Questo è Alvise Canal.
  5. Salve a tutti Ogni giorno mi arrivano circa 1-2 richieste di preventivi per i servizi di correzione bozze su Lancelot Copywriting, eppure quasi nessuno mi riporta il numero esatto di cartelle. Nella pagina di descrizione del servizio ho scritto anche due brevi righe sul come calcolare da quanti caratteri è composto il proprio manoscritto e, conseguentemente, da quante cartelle. Quello che mi fa strano è che ho corretto manoscritti anche per scrittori piuttosto affermati, o quantomeno che già avevano pubblicato libri per CE importanti, eppure questi non sapevano neanche dell'esistenza delle cartelle editoriali. Possibile?
  6. Nome: Alvise Canal Professione: Curatore editoriale - correttore di bozze - editor Servizi editoriali svolti: correzione bozze - editing - valutazione di manoscritti e racconti inediti - sviluppo di soggetti e sceneggiature - ghostwriting Sito: Lancelot Copywriting Social: Facebook - LinkedIn Dopo aver lavorato per un'agenzia ho scelto, all'età di 23 anni, di mettermi in proprio come freelance, aprendo la mia attività sotto il nome di Lancelot Copywriting. Da mesi mi occupo quindi di svolgere servizi editoriali, benché mi occupi anche di altro, come di SEO e ghostwriting. Quello che metto a disposizione, oltre alla mia disponibilità, professionalità e competenza, sono principalmente tre diversi servizi: - La correzione bozze - L'editing - La valutazione di Inediti Ho lavorato sia per scrittori emergenti, aiutandoli a trovare nuove idee e nuovi sviluppi e a migliorare la propria forma, sia per scrittori già affermati, i quali avevano unicamente bisogno di una correzione rapida prima di mandare il loro manoscritto in stampa. Ho anche lavorato per professionisti di settori diversi da quello editoriale, scrivendo e pubblicando per loro diversi ebook.