Aljena

Lettore
  • Numero contenuti

    20
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

6 Neutrale

Su Aljena

  • Rank
    Sognatore
  1. Ecco, infatti, anche quel "Con noi pubblichi gratis" sbandierato sul sito, con la ragazza belloccia che tiene una pila di libri in mano, mi fa un po' troppo pensare al "compri adesso e paghi nel 2020" di certe pubblicità di materassi...
  2. Io avevo inviato a Castelvecchi, dal quale non avevo ricevuto alcuna risposta, neppure un rifiuto. Due giorni fa, invece, mi è arrivata l'email del Seme Bianco negli stessi termini riportati sopra. In generale sono molto scettica nei confronti delle case editrici che attingono, per così dire, al materiale scartato da marchi più importanti. Il sistema delle 100 copie online, poi, mi sconforta: in pratica il mio libro verrebbe "pubblicato" ma non esisterebbe materialmente prima della centesima copia venduta. Ma non è un po' un controsenso aspettare di aver venduto un libro prima di stamparlo? Dico così, da inesperta, naturalmente...
  3. Il mio è un commento lampo. La scrittura è scorrevole. L'inizio mi piace perché, come è già stato sottolineato, mostra subito con un'immagine chiara la situazione di cui si sta parlando. Poi però, più vado avanti con la letturae più mi sembra che non si tratti più di un racconto, cioè di una finzione, ma di una pagina di vita vissuta. È come se non ci fosse più alcuna separazione fra voce narrante e autore, e l'autore/autrice ci stesse raccontando della propria angoscia in tempo reale. Questo non è bene. Il lettore non dovrebbe mai avere l'impressione di trovarsi sotto gli occhi un diario intimo. Anche la realtà dev'essere filtrata attraverso un punto di vista narrativo per poter diventare racconto. Se poi questo frammento è finzione dalla prima parola all'ultima la sostanza non cambia, perché suona ugualmente come la riflessione di un momento di dolore reale. Questa è la mia opinione.
  4. Probabilmente la mia testimonianza non aggiunge niente a quanto è stato già detto nelle precedenti pagine... ma tant'è, ve lo racconto lo stesso. Anch'io avevo spedito il mio manoscritto alla Giulio Perrone, e dopo forse nemmeno un mese ricevo un'email da L'Erudita. Naturalmente conteneva l'invito a recarmi a Roma per definire i dettagli. A quel punto io decido di telefonare e mi risponde il gentile direttore, di cui non ricordo il nome. E non appena gli faccio notare che io vivo all'estero e quindi non posso così facilmente "andare a Roma", lui subito mi dice che "gli spiace tanto, ma non se ne farà nulla". Di conseguenza ho tratto le mie conclusioni, confermate poi da quanto ho letto in questa discussione: all'autore è addossata tutta la responsabilità della promozione e vendita del libro, e un autore che abita a duemila chilometri di distanza risulta da questo punto di vista assolutamente inutile.
  5. Commento lampo. Bruno Traven, ho l'impressione che tu non rilegga abbastanza i tuoi testi, perché se lo facessi, sicuramente eviteresti brutte ripetizioni come in questa frase: Una simile raffica di ripetizioni fa passare la voglia di leggere.
  6. Per quanto mi riguarda, qualsiasi progetto che metta insieme creatività, originalità e scrittura non può che incontrare la mia approvazione; purtroppo il mondo dell'editoria è quello che è: viene dato sempre più spazio a opere mediocri solo perché firmate da grandi nomi che spesso con la cultura non hanno nulla a che vedere (per esempio calciatori o personaggi dello spettacolo). Per chi ha come unica risorsa il proprio talento, i mezzi più a portata di mano sono i social e internet, quindi tanto vale farne uso. L'idea poi è buona; ti consiglierei, però, di mantenere comunque lo stile della scrittura a un certo livello. Se ti interessa, mi propongo come lettrice.
  7. Hai ragione per quanto riguarda il "muro di testo": confesso di aver compattato tutto per farlo stare nelle 3500 battute... Ed è anche vero che tendo ad esagerare con la punteggiatura: però i due punti e il punto e virgola sono sacri...! Grazie per le critiche!
  8. Il mio nome è Edith; sono nata a Z*, la città libera più vicina alla Foresta di Nadelwald. Sono io che ho tradotto le cronache di Nadelwald dal Dialetto Antico: da anni, ormai, mi dedico a questo lavoro, al punto che, nella Foresta, mi chiamano quella che copia: il che non mi dispiace. Le cronache che ho deciso di riportare, risalgono agli anni critici della divisione e della guerra: ho conosciuto personalmente la cronista che le ha scritte. Ci tengo a dire che non mi importa molto di creare un'opera di alto valore letterario: in fondo non sono una scrittrice, e se ho potuto conoscere così bene le creature alate di Nadelwald, è soltanto perché ho vissuto in mezzo a loro, osservandone da vicino abitudini e carattere. Forse, un giorno, si comincerà ad avere una conoscenza più profonda della Foresta e delle sue creature; finora se n'è parlato male, o non se ne è parlato affatto, e questo perché se ne aveva una gran paura, e si sperava che tutto, le creature alate, le loro armi, i loro metodi, restasse confinato entro gli stretti limiti della Foresta. Spesso si parla di loro come se fossero solo una strana razza di bestie: quelle creature che camminano come gli uomini e volano come gli uccelli, dette anche scolte, per via della loro abitudine di fare la guardia sui rami, restano ancora un mistero, anche se non del tutto impenetrabile: si fingono bestie o lo sono davvero? Sanno ragionare, ricordare e raccontare; ma poi finiscono per agire d'istinto, e diventano crudeli senza nemmeno rendersene conto... Le Figlie di Nadelwald si rivolgono l'una all'altra chiamandosi sorelle, fossero anche le peggiori nemiche; per loro, gli uomini comuni si dividono semplicemente in due categorie: i contadini, cioè quelli delle fattorie attorno alla Foresta, e gli uomini di città, e cioè i bottegai, o notai. Dalla nascita fino ai dodici anni circa, vengono allevate insieme in luoghi chiamati Recinti, semplici costruzioni in legno, in cui le piccole dormono e mangiano sempre insieme, sotto la guida costante di una o due bègeelders (guide); questa è l'unica forma di casa che le creature alate conosceranno nella loro vita, perché, per il resto, dormono mangiano e vivono quasi sempre all'aperto. Entro i confini della Foresta si parlano indifferentemente due lingue: il Dialetto Antico e il Dialetto Dolce; il primo è un idioma di origine nordica, dal suono molto gutturale; l'altro, invece, è un idioma più dolce, appunto, e più raffinato nell'espressione. Molte parole, poi, hanno un'origine mista, cioè una radice “antica” e una terminazione “dolce”, come ambtena: funzionaria. Ogni Recinto sceglie l'una o l'altra come lingua principale, e ciascuna sorella deciderà poi di esprimersi come preferisce. La Foresta di Nadelwald è formalmente un regno, visto che è posta sotto l'autorità di una regina; tuttavia non vi si trova un vero e proprio apparato amministrativo, e le creature alate non praticano ciò che si chiama normalmente attività politica; ciascuna di loro avrà il ruolo cui è predisposta per natura: guerriera, soldato, danzatrice o maestra. Le rivalità tra l'una e l'altra sono piuttosto frequenti, ma il piccolo organismo sociale risulta, nel complesso, abbastanza equilibrato e compatto: specialmente dopo che il periodo critico della guerra è stato superato... ma non voglio anticipare nulla.
  9. La trama è coerente, il presupposto mi pare chiaro: si parla di fate, e l'io narrante è proprio una fata, creatura dal genere apparentemente femminile, o almeno questo è ciò che si evince dal racconto. Lo stile è fluido, e anche la scelta lessicale rende gradevole la lettura: niente grossolanità o spigolature. Ho solo due cose da dire. 1) Ella è un pronome pressoché caduto in disuso, chissà perché. Ma non si usa più, e potrebbe suonare obsoleto. 2) La forma corretta è: al quale solo esseri fatati potevano accedere. Per il resto, sintassi, grammatica e scelta lessicale sono ineccepibili. Detto questo, il tema e il contenuto mi fanno un po' arricciare il naso, ma questa è soltanto un'opinione personale, sia chiaro. Non mi piace il moralismo che sottende il racconto: esseri fatati e liberi, dotati di poteri particolari e di una propria storia, cadono, è il caso di dire "fatalmente", nell'inghippo di sentirsi attratti dai sentimenti e dalle perversità umane: ma perché...? Come se gli esseri umani fossero poi creature così affascinanti e dopo tutto superiori: tutto ciò mi pare un po' scontato. E "Le coppie che si dichiaravano amore sulle sponde" mi suona quanto meno come un eufemismo... Il personaggio, però, è ben definito, e in effetti viene anche a me la curiosità di sapere come continua il racconto. Renderei però un po' meno scontata la descrizione di Elia, o lascerei un po' più nell'ombra le sue doti fisiche: in fondo non abbiamo bisogno di sapere che era "alto e con i capelli corvini"...
  10. Ciao, io ti dico la mia, poi puoi anche pensare che non abbia senso. Anche molti racconti di G.de Maupassant, uno dei miei autori preferiti, sono costruiti in questo modo: due personaggi si incontrano, uno dei due si interessa all'altro per qualche ragione, e gli chiede di raccontare la propria storia. È un'espediente molto usuale, nella letteratura dell'800. Considera che, a quell'epoca, l'unico modo per ascoltare delle storie era quello di farsele raccontare; il mercato dell'intrattenimento ruotava su due cardini principali: teatro, per chi poteva permetterselo, e libri. In questo contesto, le "storie" e gli spunti erano merce rara e preziosa, ovvio perciò che l'oralità del racconto fornisse poi anche lo spunto per impostare la cornice di un romanzo. Oggi come oggi, forse, l'espediente potrebbe suonare obsoleto: ma naturalmente, tutto dipende da come l'autore sa porgere la propria storia.
  11. Anche a me hanno risposto, quindi tutto bene, per adesso...!
  12. Nulla, la partecipazione al concorso è gratuita.
  13. Ovviamente ho fatto anche questo; il concorso sarebbe soltanto una delle possibilità. Finora comunque non ho mai partecipato a concorsi a pagamento.
  14. @Marco Scaldini Per me che vivo all'estero la spedizione sarà molto più cara...
  15. Circa un mese fa ho ricevuto una proposta di pubblicazione da parte di Montag; il contratto mi è parso serio e cristallino, e perciò ho deciso di firmare. Oltretutto, mi aveva convinto la serietà e correttezza con cui l'editore ha risposto ai vari quesiti posti su questo forum. Insomma, spedisco la mia copia del contratto e Montag mi rimanda la sua, regolarmente firmata, il 20 Giugno. Dopodiché non si sono più fatti sentire: secondo voi è normale...? Io ho scritto per chiedere notizie, ma non ho ricevuto risposta. A qualcuno di voi è successa la stessa cosa?