Banner_Sondaggio.jpg

Molly

Utente
  • Numero contenuti

    3
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

1 Neutrale

Su Molly

  • Rank
    Sognatore
  1. Sono nuova, e mi sono iscritta praticamente solo per capire se per caso sono un'incapace io oppure davvero il mio dubbio è fondato. Non scrivo molto, ma quei pochi racconti che riesco a cavare fuor dalla penna non riesco a capire in che genere possano essere inclusi. Soffro di depressione e nonostante tutta la bruttura e l'altalena di emozioni a volte riesco a fermarmi, prendere carta e penna e "dipingere" un racconto, spesso molto breve, di quello che sento e riesco a fare ciò nei momenti più bui, quando mi sento sola e come se dentro avessi una mietitrebbia che devasta ogni cosa che buona che penso. Mentre scrivo piango e, infatti, faccio errori grossolani e macchio i fogli, ma è come se quella scintilla viva dentro di me si scaricasse attraverso la mano e l'inchiostro e si riversasse tra le fibre confermando che forse non c'è solo male in me. Ed è per questo che non riesco a classificarli: uno è la descrizione in prima persona di un'anima chiusa in una vetrina che batte sui vetri e che riesco solo a cogliere occhiate fugaci e divertite di chi passa in strada, un'altro è più o meno uguale, tranne che la ragazza si trova rapita al buio in una stanza ammuffita. Ce ne sono altri, di cui un paio ambientati su un mondo "fantascientifico", ma non sono così strettamente fantascientifici. In breve il problema è questo: dipinti con parole che escono direttamente dalla parte più oscura e comunque più in luce di noi che non rientrano in alcun genere. E secondo voi potrebbero essere accettati da qualche rivista? Forse sono troppo crudi, o sciapi o forse non valgono proprio niente, ma sarebbe possibile?
  2. Grazie mille del benvenuto, non mi aspettavo delle risposte in così poco tempo! E grazie dei complimenti, sono commossa!
  3. Mi perdonerete se uso un nome di fantasia, piuttosto banale a dirla tutta, ma che mi sta molto a cuore, perciò... Buongiorno a tutti, sono Molly e mi sono iscritta più o meno un'ora fa e nonostante il tempo speso ancora mi sento un po' spaesata. Sono qui principalmente per un solo dilemma e credo che non rimarrà da solo molto a lungo. Ho frequentato l'accademia di belle arti e la scrittura non è un medium che mi appartiene, e credo di usarlo impropriamente dal momento che per me le parole sono esattamente come colori e il loro significato sfumature e contrasti. Spero di riuscire a raccapezzarmi presto e di non combinare troppi disastri. Buona giornata e buona lettura a tutti.