doco

Scrittore
  • Numero contenuti

    29
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

4 Neutrale

Su doco

  • Rank
    Sognatore

Informazioni Profilo

  • Genere
    Non lo dice

Visite recenti

1.622 visite nel profilo
  1. Ciao a tutti la fandango è distribuita da Messaggerie.
  2. confermo la richiesta di contributi per un acquisto di 100 copie.
  3. peccato, non era male! grande elleryq
  4. anche io dopo circa un anno, ho ricevuto il loro esito positivo e cominceranno la lavorazione del mio testo fra un mese. su distribuzione e promozione vedremo in itinere, ma è una piccola casa editrice che cerca di fare il massimo per te, nei limiti del possibile. quindi flying down and be humble. tutto quello che ad oggi posso dire è che sono corretti e trasparenti come indicato nella loro mission aziendale. a chi è in fremente feedback, dico solo di pazientare. chi legge troppo in fretta e in tempi ridicoli, non vi assicura di certo un buon lavoro o addirittura di averlo letto, e prima di mandare un testo sinceratevi della linea editoriale dell'editore ma soprattutto siate autocritici sull'operato, solo leggendo migliaia di libri e maturando si scrivono cose decenti.
  5. mi sa che ha chiuso, il sito non è più raggiungibile
  6. perdonami ellery ho sbagliato casa editrice mi riferivo all'indiana, ho fatto confusione con le schermate...
  7. ha chiuso sito non più raggiungibile
  8. grazie ragazzi per le ulteriori spiegazioni. mi confermate quanto intuito. ennesimo meccanismo virtuoso che va all'italiana... meglio. saltato il fosso
  9. secondo me tentare si può tentare. ma il risultato è randomico e il saper scrivere non c'entra un tubo. al netto della possibilità distributiva che hanno alle spalle, messaggerie, di un buon editing e di qualche aggancio "serio nel mondo editoriale", non credo che la scelta dei testi sia realmente basata sulla qualità, ma sulla vendibilità e l'aggancio all'italiana. accettano tantissime proposte. leggono a mio avviso in tempi troppo brevi per esprimere un giudizio serio su un manoscritto e sebbene ti dicano si alla prima fase, si alla seconda - intera spedizione dell'opera - , possono dirti dopo 2 si, anche no al passaggio finale, motivandotelo come non adatto all'attività di crowdfunding. quindi ciò che nemmeno in 15 gg fa stava diventando un libro "da fondi", in meno di 1 gg diventa un libro non più adatto. una schizofrenia interna: gli stessi che ti dicono di si prima, sono gli stessi che improvvisamente ti dicono di no dopo. questa è reale capacità di giudizio letterario? secondo me no, ma c'è tanto marketing che serve a riempire un prestabilito di testi che gli permetterà di raggiungere il guadagno aziendale mensile. talmente marketing, che se andate a vedere le recensioni sui bookstore digitali sono tutti a 5 stelle!
  10. Ciao Niko, ho eseguito l'invio tramite form informativo. Ma nulla di più.
  11. Nome: Carmignani Editrice Genere: Infanzia, narrativa, poesia, saggistica, scrivere donna, profondo giallo, progetto puslar, progetto doc Modalità di invio manoscritti: http://eshop.carmignanieditrice.it/epages/63777.sf/it_IT/?ObjectPath=/Shops/63777/Categories/Invia_un_manoscritto Sito web: http://eshop.carmignanieditrice.it/ Facebook: https://www.facebook.com/carmiganieditrice/?fref=ts Ho scritto per avere informazioni a riguardo specificando se pubblicano sotto contributo o meno. Nessuna risposta per il momento. Passo la palla a voi esperti in materia.
  12. @lexus dopo circa 6 mesi mi ha scritto il direttore editoriale, chiedendomi se avevo ancora inedita l'opera accennatagli nel questionario. dopodichè mi ha detto che si "saremmo sentiti presto". deduco voglia l'opera completa per una possibile pubblicazione.
  13. ciao sono stato contattato per il dopo questionario, sono già al corrente dei termini e fruizione del contratto. saprò di più nel corso dei tempi. comunque se avete un riscontro positivo non tentennate troppo, al netto del mercato dell'editoria e della lettura libri in italia, trovare editori trasparenti, free e onesti è difficilissimo. legarsi 20 anni o meno è una scelta che non dovrebbe spaventarvi più di tanto. se loro san fare l'editore, voi preoccupatevi di saper fare gli scrittori.
  14. grazie
  15. lorenzo concordo con quello che dici, ma la questione non è volersi o non volersi sbattere, un coinvolgimento su posto è anche ben accetto e si fa nei modi e nei limiti che uno dispone, ma è sull'implicita e travestita storia delle copie da vendere, che come dici anche tu forse serve a giustificare l'investimento. tutto qui.