Banner_Sondaggio.jpg

Pouzinha

Scrittore
  • Numero contenuti

    244
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

39 Piacevole

3 Seguaci

Su Pouzinha

  • Rank
    Realista Cruda

Contatti & Social

Informazioni Profilo

  • Genere
    Donna
  • Interessi
    lingue straniere, letteratura, ciclismo, gatti, conigli, Pou...
  1. Incredibile, se pensiamo che office costa una fucilata, mentre il "fratello" openoffice è gratis. Vabbé che è poco intuitivo, ma con un poco di sforzo (nonostante mi abbia fatto sudare non poco per la configurazione delle pagine e ancor più per la formattazione di ogni documento) ce la si può fare...
  2. certo Dike, hai ragione, ma la mia voleva essere una risposta "nuda e cruda" per Nik che si chiedeva appunto quale fosse l'andamento di quella che si può definire come "compera d'impulso". Non intendevo allargarmi sul da fare per pubblicizzarsi. Personalmente è cosa che non posso più fare da un pezzo perchè ho dovuto operare una scelta: o la laurea brasiliana, che comporta una massiccia pratica scolastica con tanto di burocrazia (gli studenti che sgarrano di un millimetro come ad es. inviare un file non in pdf possono vedersi annullato senza pietà un intero semestre di pratica), i miei studenti da insegnante privata e qualche altro lavoretto(e siamo a posto) o la pubblicità ai miei libri. Ovviamente sono consapevole delle conseguenze di zero pubblicità. Che una volta esaurita la cerchia di amicizie devo contare su queste improbabilissime e fantomatiche "compere d'impulso". Non intendo lamentarmene. Dovevo fare una scelta e l'ho fatta a favore di quella che mi darà più stabilità nel futuro (purtroppo le bollette non si pagano di mero amore per la scrittura, credo ne converrai), ma anche (e spero) una carriera che qui in Brasile è socialmente utile. Se non erro però negli States la cosiddetta "compera d'impulso" funzionerebbe ancora, in Italia è ovvio che no o non più.
  3. ops, scusate, ho scordato di chiudere la prima parentesi, m'è proprio sfuggito, dovevo chiuderla dopo "conoscenze", tastiera che lascia a desiderare a parte
  4. Un tempo forse lo faceva chi avesse l'abitudine di comprare d'impulso perchè attratto dal titolo, dalla copertina o dalla trama. Oggi forse avviene negli States, ma in Italia si comprano nomi. Specie adesso con questa crisi persistente. Poi qualcuno l'ha fatto con il mio mini e-book per bimbi piccoli vedendolo su uno degli e-store in cui è presente, forse attratto dai disegni, me ne sono accorta vedendo i report. Ma si tratta appunto di una copia (non so chi l'abbia comprato, il resto delle vendite è avvenuto, come die Dike, per mezzo di conoscenze. Forse questo fatto che "svergola" è dovuto proprio al genere storia per bimbi piccoli (al giallo non è capitato, infatti).
  5. L'hai fatto rimuovere? Non è che in quel sito lo distribuiscono gratuitamente (o peggio, ci guadagnano loro) alle tue spalle? Certo che oramai non si può più stare sicuri
  6. ...e per allergici...soffro di una terrificante allergia ai prodotti caseari...però bellissime le ricette I fagottini sarebbero perfetti per me, quelli con la pasta sfoglia senza burro, ma bisogna vedere se in Brasile è reperibile (i prodotti per intolleranti/allergici al lattosio cominciano timidamente ad affacciarsi, ma rispetto all'Europa, da questo punto di vista, qui siamo ancora all'età della pietra).
  7. Beatrice della Divina Commedia di Dante... Elisabeth Bennet di Orgoglio e Pregiudizio... Amy March di Piccole Donne Crescono... zia scolastica de Il Fu Mattia Pascal (scherzo)
  8. Qual é il genere? Pensi quindi di darlo al pubblico senza pubblicare (infelice gioco di parole, ma tant'è...)? Sicuro di wattpad e efp?
  9. caro Dike, è ovvio e lampante che le CE fanno il bene delle proprie tasche, innanzi tutto. La dura legge del mercato. E si sa che i romanzi importanti dagli States sono denaro ambulante. Sono secoli che gli States si impongono e primeggiano nel globo e qualunque pregio o difetto che da lì arrivi è fonte di dindin.
  10. 1700 euro mi paiono troppe
  11. mi accodo al dispiacere generale. Forza e coraggio. Di amici, pur virtuali, qui ne troverai.
  12. Il vantaggio più grande del Friuli lo vedo nell'essere una regione autonoma, il che vuol dire davvero tanto. Può autogestirsi, avere normative proprie che possono allontanare la regione dal malessere che ha risucchiato tutte quelle non autonome (cioè la maggior parte). Non è obbligata (almeno spero) a inviare tutti i fondi possibili e immaginabili a Roma ladrona. Quando viaggiavo dal Piemonte al Trentino (Bolzano per l'esattezza), altra regione superautonoma, lo vedevo, respiravo altra aria. Ok, Trentino e Friuli avranno differenti culture e il primo lo conosco di più, ma i vantaggi saranno identici
  13. voler tornare alle montagne ben volentieri, il difficile è semmai il dover vincere alla megasena per poterlo fare (è una sorta di gratta e vinci brasiliano, si chiama così, ma ho l'abitudine di rifuggire come dalla peste ai mezzi aleatori per guadagnare soldi), perchè i viaggi intercontinentali costano una fucilata e mentre dall'area euro al Brasile si guadagna al 3,5 causa cambio (che oscilla vertiginosamente, ma il real sta sempre sotto l'euro), all'inverso la vedo dura. Qui stiamo subendo un'inflazione che vede stipendi in reais e prezzi di parecchi beni di consumo in euro se non addirittura in sterline...E' cambiato come il Friuli, nel frattempo? pure io cosa darei per tornare indietro nel tempo (anni 80 si, ma alla fine, non mi va di tornare ad avere 3 anni...ma con la preconoscenza odierna
  14. Buona domenica flammiere. In Friuli tanto tempo fa ci avevo lavorato, quando ancora vivevo in Italia e senza idea che sarei finita "fuori continente". Belle montagne, paesaggi da vacanza.
  15. Un capo simile è stato aggiunto al diritto d'autore (legge sul...) italiano molto di recente, anche se riguarda nello specifico le citazioni attraverso Internet e l'uso a scopo didattico o scientifico. In ogni caso, le così dette "Opere derivate" sono consentite se rientrano in modo paelese e lampante tra le opere d'ingegno dotate di una propria originalità (tra cui un seguito, come anche una fan art o fanfiction, parodie, adattamenti) e non costituiscano plagio. Opere "ispirate a..." sono ammissibili ed esistono anche in Italia. Grazie per la info, mi hai tolto un peso dall'anima (anche se peso per me "virtuale", dato che vivo in Brasile, dove si può fare e disfare -ovviamente anche qui, senza plagiare-, ma per chi vive in Italia, in caso che non lo sappia, molto meno virtuale e più reale)