StefanoWriter

Scrittore
  • Numero contenuti

    35
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

15 Piacevole

Su StefanoWriter

  • Rank
    Sognatore
  1. @Dale no in Italia si parla di contatti con librai. La cosa della firma copie me l'ha proposta Moraglia direttamente. Sono sul Mondadori Store, ma è il distributore e non le librerie Mondadori.
  2. Torno ad aggiornare anche io, purtroppo sempre in modo negativo. Ero rimasto alla antologia mal presentata, acquistata al costo di 17 euro. Chiuso quel capitolo, mi sono interessato alla collana dei libri sulle città, ed essendo appassionato di Londra, non vedendola in catalogo, ho provato a farci un pensiero. Come doveva però essere struttrato un libro così? Mera guida turistica? Romanzo? Racconti con sfondo Londra? Per capirlo ho voluto acquistare un libro della collana, su Dublino. Solo 5 euro compresa la spedizione. Dopo diversi giorni ancora non mi era arrivato nulla. Scrivo, e vengo a sapere che il libro non è disponibile. Non solo non è disponibile ma proprio non arriverà. Allora mi dico, perché metterlo vendibile sul sito? Fortunatamente ho richiesto il rimborso, non tanto per i 5 euro quanto per principio. Se una cosa non è disponibile il minimo è segnalarlo. Il rimborso di 5 euro è arrivato (se non mi fossi fatto vivo non credo non si sarebbero mai fatti vivi loro), ma con questo la mia esperienza con Historica é proprio chiusa.
  3. Torno ad aggiornarvi per la mia raccolta di racconti pubblicata il 24 maggio. Mi sto dando da fare per le presentazioni contattando diversi posti e soprattutto dandomi da fare con gli stabilimenti balneari, dato che abito in riviera. A me organizzare piace, per cui non è un problema. Sono stato a san Remo il 10 giugno, impervio raggiungerla per me che vengo dalla Romagna, ma era necessario. Moraglia mi ha accolto benissimo negli uffici della Leucotea vicino al lungomare e abbiamo parlato di distribuzione e promozione. Mi ha consigliato di chiedere contatti a seconda dei miei spostamenti (esempio: vado 10 giorni in vacanza in Toscana, chi abbiamo.come casa editrice da contattare per eventuali presentazioni?) in più anche la soluzione " firma copie". Nel mio caso, in una libreria di Lugo di Romagna con cui hanno a che fare, si può organizzare un'oretta di presenza alla cassa con tanto di video e foto, cercando di farsi conoscere alla gente esponendo brevemente il proprio libro. Mi ha confermato che il circuito della Feltrinelli è buono poiché è ben fornito dai loro distributori. A Torino hanno fatto sostanzialmente cosi, facendo video e foto agli autori che passavano dallo stand e parlavano 5 o 10 minuti ciascuno del proprio libro.
  4. Esce oggi il mio libro. *Editato dallo Staff* Sono molto contento, peccato che le copie non fossero disponibili per il Salone di Torino, dove sono passato a salutare il direttore Matteo Moraglia.
  5. Torno ad aggiornare il topic con la mia esperienza. Firmato il contratto ho ricevuto indietro le indicazioni per fare alcune correzioni sul testo attenendosi ad esse... In seconda battuta poi mi hanno inviato di nuovo indietro il testo come sarà impaginato. Ho scelto la copertina tra quelle proposte e il libro è andato in stampa, prima tiratura di 50 copie. Mi hanno inoltre chiesto di scrivere un file con le tematiche dell'opera, la descrizione delle ambientazioni e qualche brano significativo. Il tutto per avere una valida documentazione da poter inviare agli organi di informazione. Sono molto soddisfatto di tutto e della loro serietà e velocità nelle risposte, per cui confermo il gradimento generale.
  6. Aggiornamento: stamane mi è arrivato il contratto definitivo, da restituire via posta. Inoltre hanno piacere di incontrarmi a Sanremo nella loro sede per discutere sul testo e sulla promozione. Tutto benissimo finora.
  7. @Alessandro Pedretta me ne sono accorto immediatamente dopo che te l'ho scritto! Ieri sera ho sentito per telefono Matteo, persona molto cordiale. Ti trovi sempre bene tu?
  8. Io sto per pubblicare una raccolta di racconti con la Leucotea, una casa editrice media che ha presenza in fiera e una buona distribuzione online (anche ebook). L'ho mandata sinora a una settantina di case editrici, segno che comunque non c'è sempre totale chiusura nei confronti del genere. Come lettore, non faccio differenza tra raccolta di racconti e romanzi o saggistica. Ho letto Carver e Irvine Welsh, mi sono piaciuti e non ho molti limiti essendo un lettore compulsivo!
  9. Mi sembra una cosa ben poco sensata...
  10. Ho sentito Matteo al telefono, nonostante la comunicazione fosse disturbata è stata una piacevole chiacchierata. Molto gentile e disponibile. Mi riservo ancora un paio di giorni ma credo che accetterò. Mi ha concesso anche la possibilità di una copia omaggio, non è un problema per loro.
  11. Si ma a parte questo, mi interessava la distribuzione e capire se non sono solo strumento di pubblicazione e basta. Il titolare si è detto disposto a sentirci al telefono anche dopo l'orario di chiusura. Peccato per le commissioni basse ma l'importante è la serietà e la buona distribuzione, nonché valorizzare i loro autori. Sono un po' scettico sulle copertine, per esempio quella di "Borderline" mi sembra un po' scarna e fredda, spero in una bella immagine perlomeno in copertina...
  12. A proposito dell'editing vi invio, mail di questa mattina, la loro specifica al riguardo: "Quando riceveremo ­il contratto firmato ­le invieremo un disci­plinare a cui conform­are il testo. Quando ­ce lo riinvierà contr­olleremo che questo s­ia corretto nell'orto­grafia e conformato (­ ij caso contrario gl­ielo sottoporremo nuo­vamente); una volta c­he avremo il testo "p­ulito" inizieremo l'e­diting al termine del­ quale le gireremo nu­ovamente il tutto per­ la sua approvazione ­e/o i suoi rilievi. Nel caso andasse tutt­o bene le invieremo a­lle stampe, diversame­nte lo ripeteremo il ­passaggio" Per cui mi sembra che sia un lavoro fatto di concerto con l'autore. A proposito delle copie, mi scrivono: "Anche nel caso in cui­ dovesse scegliere un­a location differente­ dalle librerie i li­bri le saranno fornit­i in conto deposito. ­A presentazione avven­uta ci comunicherà qu­ante copie ha venduto­ e pagherà solo quell­e mentre ci renderà l­e copie invendute. Normalmente inviamo i­n conto deposito all'­autore fino a 20 copi­e." Mi sembrano chiari e affidabili credo che accetterò.
  13. @Alessandro Pedretta Grazie, la distribuzione è la cosa più importante credo, ho letto molte cose positive qui, la gran parte, ma devo far loro alcune domande. Hai avuto esperienze con loro? Hai pubblicato?
  14. Anche io oggi ho ricevuto una proposta di contratto dalla Leucotea e la devo valutare. Devo dire che posso confermare la buona impressione di gentilezza e cortesia, non mi hanno chiesto vincoli per le presentazioni, semplicemente mi hanno inviato una proposta, totalmente free, di pubblicazione. Confermo il 5% di percentuale, e l'acquisto al 30% non obbligatorio di un numero di copie. Seguo con interesse questa discussione poiché anche io sono in una fase iniziale di riflessione. Mi sembra comunque una buona cosa per un esordiente, ho già pubblicato due libri di calcio con un'altra casa editrice, e questa è la prima volta che passa un libro che parla di tutt'altro, e peraltro si tratta di una raccolta di racconti. I tempi di valutazione sono stati veloci, l'ho inviato il 17 febbraio e oggi mi è arrivata la risposta affermativa. Naturalmente sono prontissimo a organizzare presentazioni anche perché lo sto già facendo per il mio primo libro e lo dovrò fare anche per il secondo. Qualcuno mi può dire se sono su Amazon? Non credo, vero?
  15. Conosco Giorgio Pozzi, l'unico deputato a reggere la CE e a leggere i manoscritti, la Fernandel è di Ravenna, la mia città. E' una persona molto a modo e molto intelligente. Ho pubblicato un mio racconto in una antologia che la CE fa sempre alla fine del corso di scrittura creativa di secondo livello a Bologna, che ho frequentato, promosso dall'associazione culturale Canto31. Ho mandato anche io una mia personale raccolta di racconti, vedremo cosa accadrà.