Dianella Bardelli

Scrittore
  • Numero contenuti

    13
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

1 Neutrale

Su Dianella Bardelli

  • Rank
    Sognatore

Contatti & Social

  • Sito personale
    https://poesiaprosaspontanea.wordpress.com/ e http://lascrittura.altervista.org/

Informazioni Profilo

  • Genere
    Donna
  • Interessi
    la scrittura in generale, la poesia e prosa spontanea, i romanzi, la letteratura della beat e hippy generation americana, in particolare Allen Ginsberg, Jack Kerouac e Lenore Kandel sui cui ho scritto un romanzo ancora inedito
  1. Grazie , magari faccio così
  2. Buon sera, ho mandato il mio manoscritto a questa mail clownbianco@gmail.com invece che a manoscritti.clownbianco@gmail.com, e questo a fine agosto, mi domando se sia il caso di mandarlo di nuovo all'indirizzo giusto
  3. peccato che vogliano solo il cartaceo per i manoscritti
  4. Grazie, vorrei proporre a questa casa editrice qualcosa di mio
  5. al momento qualcuno sa se è ancora attiva?
  6. Grazie mille
  7. salve, a chi ha già partecipato a questo concorso chiedo: è obbligatorio leggere i testi degli altri concorrenti? O si può partecipare senza questo obbligo? Grazie Dianella
  8. Ciao, nel sito della Meucci c'è scritto che i manoscritti mandati fuori dal primo del mese verranno cestinati. Invece capita che vengano accettati? Da cosa può dipendere secondo voi? Grazie Dianella
  9. Ciao Plata, grazie del tuo saluto Dianella
  10. Ciao Anglares, Breton mi affascina moltissimo, trovo Nadja stupendo, anche L'Amour fu; in queste due opere c'è stile e immediatezza, due cose difficili da trovare insieme; sono due libri che rileggo sempre; tra l'altro c'è questa Parigi prima della vera modernità, prima delle automobili e del traffico che ho ritrovato in Patrick Modiano che ho scoperto da poco, di cui mi piace soprattutto Nel Caffè della gioventù perduta. Gli scrittori beat sono un'altra cosa, sono così tipicamente americani. A risentirci presto Dianella
  11. Grazie delle vostre risposte, e grazie del benvenuta; cara Anglares, prosa spontanea è la dicitura che Kerouac diede alla propria scrittura a partire dal suo romanzo Sulla strada; Il suo amico Allen Ginsberg imparò da lui ad improvvisare e lui lo fece con la poesia per tutto il resto della sua vita. L'improvvisazione di scrittura non ha vere e proprie regole; è diversa dal flusso di coscienza e dalla scrittura automatica, perché ha uno scopo letterario, cioè è uno stile, un canone; di Kerouac ci sono due libri sulla sua teoria della prosa spontanea, uno si intitola Un mondo battuto dal vento, l'altro Scrivere bop. In quest'ultimo c'è un saggio intitolato Dottrina e tecnica della prosa moderna, è un elenco di suggerimenti, si trova anche in internet. Personalmente ho imparato dai romanzi e saggi di Keoruac ( oltre che da Ginsberg per la poesia ); bisogna trovare la propria voce, altrimenti si corre il rischio dell'imitazione. Nella poesia è più facile, ma si può fare anche nella prosa, si scrive di seguito dandosi un tema oppure senza, e poi si va di seguito finché arrivano spontaneamente parole e frasi; senza correggere; solo alla fine si legge quello che si è scritto. Kerouac per poterlo fare mentre scriveva Sulla strada mise un rotolo nella macchina da scrivere per non dover infilare nel rullo ogni volta il foglio. Naturalmente lui era genio , almeno secondo me, in questo stile ha scritto tutti i suoi romanzi, poesie e haiku. Io lo amo molto. Improvvisare dà molta soddisfazione. Ma a molti i risultati non piacciono, lo trovano troppo colloquiale.
  12. Grazie delle vostre risposte, buon Natale a tutti
  13. Buona sera, mi sono iscritta oggi a questo sito così utile, mi chiamo Dianella, mi piace scrivere poesie, romanzi, anche recensioni; come lettrice la mia grande passione è la letteratura della beat generation americana, soprattutto Jack Kerouac e Allen Ginsberg, ma leggo anche letteratura contemporanea. A volte mi piace scrivere improvvisazioni secondo il metodo della poesia e prosa spontanea.