Vai al contenuto

Arkady

Scrittore
  • Numero contenuti

    55
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

127 Popolare

Su Arkady

  • Rank
    Sognatore
  1. Il Trampolino

    Qua bisogna essere chiari: o hai verificato, e allora lo specifichi, oppure la smettiamo di scrivere questa bufala. Io ho verificato in tre Mondadori Book Store fisici, e neanche sanno cosa sia il Trampolino. Quindi ho verificato nel Mondadori Book Store online, cioè il sito di vendita, e ti sfido a far comparire un loro titolo e autore. E ancora continua a girare questa storia che sono presenti nelle librerie Mondadori. Ma almeno davanti all'evidenza arrendetevi!
  2. Il Trampolino

    A conti fatti è stressante la vita di questo editore. Telefona a ogni autore e, considerando il numero di opere arrivate a valanga, ormai me l'immagino ridotto a una sorta di call center. E come se non bastasse ogni autore richiede variazioni sul proprio contratto e da lì parte il mercanteggiamento. Ma solo a me sono capitate case editrici che avevano contratti precisi perché quella era la loro politica? Se metti una scadenza dei diritti, per dirne una, è perché dietro hai un ragionamento commerciale che hai fatto. Basta che l'autore voglia cambiarlo e tu lo fai? Tanto vale mettere spazi bianchi da compilare a piacimento dell'autore. @DanZac: "Intendi che dicono a tutti va bene, ti pubblico?" Il post è stato aperto da una loro autrice il 28 settembre, che prima esistesse Il Trampolino dubito lo sapesse qualcuno, affermando tu che hanno una novantina circa di romanzi in rampa di lancio su un totale di 120, direi che ti sei risposto da solo, a meno che questa casa editrice non abbia avuto la fortuna di pescare tutti Hemingway che non avevano scritto alle altre.
  3. Il Trampolino

    @Bambolanon comprendo cosa ci sia da chiarire. L'autore se vuol fare una presentazione deve per forza prendersele da solo, suppongo, visto che a parte Amazon un libraio non so dove possa rifornirsene (a parte chiederle all'editore perché la distribuzione non s'è capita). Quanto al catalogo in posizione defilata, credo sia stato già risposto in precedenza. Una curiosità che ho notato riguardo al codice ISBN (e che spero qualcuno soddisfi): i libri italiani, nel senso di registrati in Italia, hanno il codice identificativo per gruppo linguistico che inizia per 88, quello del dottor Romano per 09. Cioè lingua inglese. Ora, non credo che il libro sia stato scritto in inglese, quindi vuol dire che è stato registrato in Inghilterra visto che la casa editrice ha sede là? Forse, e dico forse (attendo lumi), ciò spiegherebbe il perché dell'assenza in tutti gli store online dato che quando un libro viene registrato presso la società ISBN italiana è la stessa che provvede a inviare la scheda a tutti. Quindi il libro non vedrà mai la luce online? A parte Amazon che ha una gestione tutta sua, diciamo internazionale. Ciò è ancora più curioso dato che la casa erditrice afferma di avere una partnership con Mondadori, ma non s'è capito di cosa visto che nel Mondadori Store e nei Mondadori Book store reali, dove chiesi tempo fa, i loro libri non sanno neanche cosa siano. Scusate, ma sono abituato a pormi domande.
  4. Il Trampolino

    Amazon alternativo? Mah... può essere. Dimenticavo: non è che insultare in latino ti renda più chic o ti dia un tono eh...
  5. Il Trampolino

    Su IBS, la Feltrinelli e InMondadori? Mi sembrava di aver scritto chiaramente, non mi riferivo ad Amazon. Mica tutti acquistano lì. E in tutte le altre librerie online non c'è. Probabilmente è una questione di tempistiche di aggiornamento. Nulla di che, perdonate la puntualizzazione.
  6. Il Trampolino

    Ho la fidelity card di IBS e LaFeltrinelli, ma per ora l'unico risultato che mi danno col titolo *Editato dallo Staff* è un cd di Malgioglio. Attenderò. Tienici informati quanto all'uscita dell'ebook. Molti lettori con ereader lo preferiscono.
  7. Piemme

    @Lorella Tagliabue, preciso, più che altro col Battello a Vapore, ma la situazione è generale a quanto ho capito.
  8. Piemme

    Mi capita di interagire con la loro redazione e con altri contatti.
  9. Piemme

    La vedo dura tra ristrutturazioni organizzative del personale e organici sotto il limite di guardia.
  10. Il Trampolino

    Cara Bambola, è qui da poco, farebbe bene a leggere le pagine precedenti. Se va su Amazon (o da qualsiasi altra parte) e digita "Il Trampolino", vengono fuori solo giochi per bambini.
  11. Il Trampolino

    Direi che le risposte ai tuoi dubbi siano già inserite nel tuo messaggio. Un ristorante, un hotel, un negozio qualsiasi... fanno pubblicità per attirare clienti. Il cliente è sempre il destinatario del messaggio. In teoria il cliente di un editore dovrebbe essere il lettore. Ma se non trovi un catalogo e invece spuntano solo lucine stroboscopiche per gli autori, un motivo ci sarà, no? Direi che non c'è bisogno di un'esperta per arrivarci. È non è una cosa strana. Dipende da chi considera cliente l'editore.
  12. Il Trampolino

    Peccato. La minaccia di querela è sempre la pietra tombale di qualsiasi confronto. Cade la maschera, si chiude il sipario e finisce qui.
  13. Mondadori

    La prima regola è: mai barare. Illudersi con pensieri tipo "Lo mando così e li frego poi quando scopriranno dei seguiti...". Lietissimi, come no. Opere monche sono sempre le prime candidate al cestinamento, a meno che non si creda che in una redazione ci siano persone talmente stupide da acquistare qualcosa a scatola chiusa quanto al seguito. Il mio consiglio è di presentare, oltre al primo romanzo, anche un progetto dettagliato dei seguiti: caratterizzazione, logline, sinossi, personaggi, a che punto si è con la stesura... Con tutte le informazioni in mano, qualcuno deciderà se può valere la pena o meno (ammesso arrivi a essere letto). In caso contrario, semplicemente, non deciderà. Avrà perso tempo lui e lo avrai perso tu.
  14. Il Trampolino

    Ecco, questo è un aspetto che mi interesserebbe molto conoscere. Capire quale sia la politca di una CE, serve anche per capire a chi si invia un proprio lavoro, e in questo caso mi incuriosisce capire il perché di certe scelte palesemente assurde. Mi spiego. Quando una casa editrice inizia l'attività (una di livello alto quale si pregia di essere Il Trampolino, sia chiaro, quindi con investimenti consistenti) ha già pronto un catalogo per immettersi subito sul mercato. Il perché, è ovvio (esempio La nave di Teseo, che fu fondata nel novembre del 2015 e nel 2016 iniziò con le pubblicazioni avendo già un piano editoriale stabilito nel periodo precedente - cioè il lavoro si programma, non si improvvisa). In questo caso, abbiamo una casa editrice che si organizza per due anni (per fare il sito? Aprire sedi all'estero? Organizzare il tour di scouting? Boh...) e quando poi si palesa, annunciando novità che stravolgeranno il mercato, non ha un catalogo, ma tre libri che non si trovano (checché ne dica Bastet che ne ha avvistata "una" pila a Roma) neanche nelle librerie Mondadori (partner esibita in sede di presentazione). Scusate, ma è come se affittassi un locale commerciale, annunciassi l'apertura di un negozio di abbigliamento, facessi l'inaugurazione e, come ultimo atto, andassi in giro per trovare capi di abbigliamento col quale riempirlo dato che è vuoto. Se ritenete sia cosa normale, alzo le mani e mi scuso in anticipo. Ora, credo che porre una domanda basata su un aspetto logico e di buon senso non sia fare polemica (del resto si è qua per porre domande, anche se di risposte neanche l'ombra), nella speranza ciò non provochi la solita reazione dei futuri autori ai quali, per inciso, auguro ogni successo.
  15. Mondadori

    Se avete opere dedicate ai ragazzi, vi consiglio di partecipare al premio Battello a Vapore piuttosto che inviare random (fattibile ma dura). Oltre a essere una collana dedicata esclusivamente ai ragazzi, leggono di certo ciò che arriva. Le altre redazioni sono oberate e sotto personale (se non consideriamo le recenti ri-strutturazioni, leggi tagli). A parte le email di prammatica, dubito si possa sperare in altro.
×