Bill Denbrough

Utente
  • Numero contenuti

    9
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

5 Neutrale

Su Bill Denbrough

  • Rank
    Sognatore
  1. A mio personale parere eri prevenuto per l'aut-aut imposto. Lo sarei stato anche io. Ma quanto accaduto avrà comunque un risvolto positivo: d'ora innanzi, prima di utilizzare un avverbio, penseremo a te, e non lo faremo!
  2. Prosegue, inizio un racconto, poi mi fermo e mi viene in mente un'altra idea...appena sono contento di uno lo invio a tappeto!
  3. grazie davvero a tutti!
  4. Grazie a tutti!!! su inchiostro ho trovato (pochi) pareri contrastanti, voi che ne dite? Bill
  5. Grazie, Utilissimo!!!
  6. Salve a tutti, volevo cimentarmi con il genere dei racconti brevi. A vostro avviso quali sono le riviste più serie e "probanti" per la pubblicazione di inediti di questo genere? non mi interessa retribuzione, cessione diritti etc., grazie Bill
  7. anche no!
  8. Prima recensione, perdonate eventuali incompletezze. In astrato il tema del mondo della finanza (sia la finanza d'assalto anni 80 sia quella "involuta" e allo sbando post 2008) non è nuovo e presta il fianco a molti cliché (e in tutta sincerità a me non piace). Il testo è comunque molto interessante e mi ha avvinto; non ho trovato luoghi comuni (a parte due punti sui quali tornerò). Date le premesse di cui sopra, questo è sicuramente un motivo di plauso. La narrazione scorre bene, ritmata, e anche il salto temporale non lascia vuoti, permettendo di intuire le dinamiche sviluppatesi nel periodo intermedio. Vi sono dei punti aperti, ma servo a riflettere sul brano e ad aumentare l'interesse suscitato dallo stesso. Uniche note, a mio avviso, negative: la descrizione della virago e il suo dialogo. Forse si cade nel cliché di cui prima e, in ultima analisi, probabilmente non aggiunge nulla alla resa dell'atmosfera. Altro punto che non mi è piaciuto è il riferimento al Baum & Mercier post funerale. Richiesta che riecheggia Gordon & Gekko e anche questa non essenziale alla narrazione. Il tema del "bell'orologio" (che ricompare in chiusura) avrebbe potuto essere introdotto diversamente, o forse lasciato solo alla chiusura. Ciao e a rileggerti!!!
  9. Cari, sono nuovo, anche della scrittura. Non ho mai scritto nulla in vita mia ma adesso, alla soglia dei 35, sento l'esigenza di dare forma ad una serie di storie immaginarie che da sempre mi accompagnano. Spero di trovare in questo forum un luogo di reciproco sostegno! Bill