lapidus

Scrittore
  • Numero contenuti

    158
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di lapidus

  1. Qui mi sei piaciuto. E anche tanto...
  2. Interessante notare le pippe mentali che ci si riesce a fare su un avverbio di cui il lettore, nell'economia di un romanzo, nemmeno si accorgerà, perchè un conto è scrivere cinque avverbi in una frase di tre righe (allora sì, risulterebbe pesantuccio) e un conto è utilizzare qualche avverbio qua e là. In generale i grandi scrittori non hanno bisogno di stare dentro questi recinti. Welsh, per esempio, nemmeno usa il congiuntivo. Certo, agli esteti e ai puristi può dare fastidio, però sta di fatto che vende milioni di libri e da uno di questi è stato tratto un film che ha fatto epoca. p.s. interessante notare come, sempre a proposito di Welsh, su un sito di recensioni piuttosto seguito ci sia scritto che il traduttore avrebbe bisogno di un ripassino sul congiuntivo... senza capire che forse, ma proprio forse, è questione di stile e non di ignoranza.
  3. @Steamdoll Se sei convinto che l'agenzia sia la strada giusta per te, allora ti conviene spedire il testo prima alle agenzie, sapendo già in partenza che quelle che leggono gratis sono ormai pochissime. Quindi non potrai fare molti invii, ma dovrai selezionare, a meno che tu abbia un bel budget. In ogni caso non credo che un agente possa offendersi se hai già inviato il testo a qualche casa editrice (parliamo pur sempre di rapporti professionali); ovvio che se lo hai mandato già a mezzo mondo, e nessuno ti ha risposto, potrebbe supporre che il testo non sia valido. Se l'agente è serio e se hai firmato un contratto di rappresentanza, ti devi fidare. Di tanto in tanto puoi chiedergli aggiornamenti sulle trattative e sulle case editrici a cui è stato inviato il tuo manoscritto. Tieni presente che per un esordiente procurarsi un agente di un certo tipo è difficile almeno quanto pubblicare con una ce di un certo tipo. In generale, ti sconsiglio invii random. Segui una strategia.
  4. @Experscusa, avevo capito male io, pensavo che tu proponessi qualcosa di più complesso, una sorta di 'scambio', ossia di lettura incrociata, io leggo il tuo e tu leggi il mio. Magari proprio così no, però considera che c'è gente che si incavola parecchio per un giudizio negativo. Quindi, mi viene da pensare che in una lettura incrociata, alla fine ci si scannerebbe in caso di stroncature e si finirebbe a sbrodolarsi a vicenda nel caso di apprezzamenti. Del tipo, se tu apprezzi il mio testo e lo riempi di elogi, difficilmente io ti riempirò di critiche. Oh, poi magari mi sbaglio e tutti si riesce ad essere sempre competenti e obiettivi.
  5. Non è un'idea nuova, il rifugio degli esordienti tempo fa offriva una lettura incrociata, non so se lo fanno ancora. Anche nel torneo IoScrittore ci sono scambi del genere, almeno penso. Io francamente ritengo che questa cosa possa risultare addirittura dannosa, in quanto non sai che competenze abbia chi legge il tuo libro. Per dare suggerimenti su tecnica, stile, dialoghi, trama, ecc. servono persone competenti, non bastano dei lettori forti. Fai una prova: sottoponi il tuo testo a 10 lettori e vedrai che ognuno ti darà un consiglio o un giudizio diverso e alla fine tu non saprai chi o cosa seguire. Nella confusione, rischieresti di rivedere o tagliare delle parti magari buone. Inoltre considera che l'ambiente degli scrittori non è rose e fiori, gira parecchia invidia e già mi immagino la paura che avrebbe qualcuno di vedersi rubata l'idea. Il mio consiglio, se vuoi migliorare, è quello di affidarti a professionisti seri (e qualcuno lo trovi proprio qui nel forum) o persone competenti di cui hai estrema fiducia.
  6. Restando in tema "Bennici & Sirianni" io ti ho citato, tra le altre, Mondadori, Rizzoli, Salani, Fazi che non mi sembrano proprio le ultime arrivate. Oltre a queste te ne ho citate altre indipendenti (piccole/medie) che trovi tranquillamente in libreria e con le quali è già un bel traguardo arrivare a pubblicare. Tu ne fai una questione di modus operandi, e questo è un altro discorso che si sposta sul piano generale come giustamente ci fa notare @ElleryQ
  7. @alex_gir Però non funziona così. Se tu apri la scheda di un autore, magari messo sotto contratto da pochi mesi, e questi nella sua biografia riporta pubblicazioni pregresse ottenute per conto proprio (magari a pagamento o in self), non è che lo puoi imputare a loro, eh. Tra le case editrici con cui trattano loro, oltre alle medio-grandi che ti ho citato, trovo Ferrari, Alter Ego, Avagliano, Absolutely free, Ultra, Rogas, Rubettino, Book Salad, ecc. Tutti editori free, tutti validi e non alla portata di chiunque. Tu che sei operatore editoriale dovresti conoscerli... Ah, poi se vai sulla loro pagina facebook vedi che un loro autore ha appena concluso con Mondadori. Quindi...
  8. Questo mi sembra assolutamente ingeneroso, basta entrare nella loro home page per vedere tra le ultime uscite autori pubblicati con Baldini & Castoldi, Rizzoli, Fazi, Salani, Il Maestrale, ecc.
  9. @Andrea.Dee Non dispiacerti, non sto sparando da nessuna parte, ho solo riportato la mia personalissima (e opinabilissima) opinione, siccome pagine addietro si parlava di distribuzione addirittura capillare (che non può essere con questi numeri). Interessante la teoria per cui la tiratura bassa sarebbe un bene, non l'avevo mai sentita.
  10. Il fatto che il libro sia sui canali online e ordinabile in libreria è comune a ogni casa editrice, non ci vedo nessun tratto distintivo. So di cosa parlo, ho sempre pubblicato con editori che stampavano in digitale, ma mai nessuno con tirature così basse. Capisco minimizzare i costi di produzione, però...
  11. Prima edizione con un minimo di 50 copie, edizioni successive con un minimo di 10 copie. Questa cosa del minimo (e non della dicitura esatta) lascia totale discrezionalità all'editore. In ogni caso con numeri così bassi non vedo come ci possa essere distribuzione. Io non sono proprio esordiente, capisco però che per un autore alle prime esperienze il fatto che non ci sia nessun contributo sia già di per sè requisito importante.
  12. Io ho rifiutato. La tiratura mi sembra con dei minimi davvero troppo bassi sia nella prima sia nelle successive edizioni. Francamente non vedo nemmeno questa distribuzione "capillare" come è stata definita da qualcuno.
  13. Sì, si tratta di una casa editrice ormai parecchio lanciata. Negli ultimi tempi hanno pubblicato il premio Pulitzer Finnegan "Giorni selvaggi" (libro che non riesco proprio a digerire e ho abbandonato sul comodino ).
  14. Anche se sei un tramite, quando ti rivolgi a un editore dovresti farlo in maniera professionale (prendilo come un consiglio, visto che sei entrato qui per questo). Non bisogna essere scrittori per saper utilizzare l'apostrofo in maniera corretta. O no? Il fatto che dopo una mail di presentazione del genere ti abbiano risposto i grandi editori, addirittura in giornata, mi lascia perplesso, anche se alla fine la tua storia potrebbe esserci di insegnamento.
  15. Sinceramente faccio fatica a crederti, anche perchè se ti presenti a un grosso editore omettendo addirittura l'apostrofo alla seconda riga, mi viene difficile immaginare con che credibilità questi possa andare avanti nella lettura, considerato che è già tanto se hanno aperto la mail. Se però la vicenda, al di là di tutto, fosse vera, mi sentirei di consigliarti un bravo agente letterario che ti gestisca il tutto, visto che le esigenze della signora paiono molteplici e complesse.
  16. @Andrea.Dee Sbagliare qualche tempo verbale qua e là non va a inficiare un buon testo. Proprio per questo motivo le grandi CE hanno i loro correttori bozze. Ad ogni modo, se vuoi un consiglio, evita di rileggerlo a caldo, lascialo lì qualche settimana (so che è difficile) e poi rileggilo. Ti aiuterà nella correzione. Il vero problema però è presentarsi in maniera impeccabile dal punto di vista della trama, dei personaggi, dei dialoghi, ecc. L'altro problema grosso è convincere l'editor della grande CE a buttare l'occhio sul nostro manoscritto piuttosto che su quello di un altro. Tornando al nocciolo della questione iniziare alla grande (e preparare una sinossi più che convincente) è fondamentale... poi naturalmente bisogna che il proseguo sia all'altezza
  17. Pubblicare un libro che ha già venduto tot copie non conviene né all'autore e né all'editore, a meno che non parliamo di un bestseller. Restiamo sulla piccola editoria, prova a immaginare: devi fare la presentazione nella tua città, intervengono amici/parenti/conoscenti che hanno già acquistato il tuo libro durante la campagna crowdfunding, quanti di loro saranno interessati a una seconda copia? Magari i parenti stretti, la fidanzata e il tuo migliore amico sì. Ma anche i tuoi contatti social li avrai già spremuti e via dicendo... Detto questo io reputo il crowdfunding sicuramente interessante (mi piace il concetto di le produzione dal basso) e apprezzo il modo di lavorare di Bookabook. Bisogna però che l'autore, prima di aderire, sia più che convinto di arrivare al gol (200 copie non sono poche). Tentare tanto per... non conviene a nessuno.
  18. Considera che se superi i 50 acquirenti senza arrivare al gol, il tuo libro verrà comunque stampato e inviato a coloro che l'hanno acquistato. Quindi se ad esempio sei arrivata a 120 (numero puramente indicativo), devi pensare che in parte avrai 'bruciato' il tuo mercato, nel senso che è ovvio che se poi il libro uscirà con un altro editore queste persone non lo compreranno una seconda volta.
  19. Su questo non ci piove. Sarebbe interessante trovare delle soluzioni, ma la vedo molto complicata. Nel mondo editoriale la comunicazione è una giungla e la colpa è di entrambe le parti.
  20. Solita guerra dei poveri: piccolo editore vs scrittore esordiente (o viceversa). Niente di nuovo.
  21. Come al solito @Marcello ha riassunto benissimo la questione. Personalmente in passato ne ho usufruito e l'ho trovata utile. Cercavo un parere al di fuori della cerchia di amici/parenti e la cosa mi è servita. Ovvio che non tutto quello che c'era scritto nella scheda l'ho preso come oro colato, però di indicazioni buone ce n'erano. Non pagherei delle cifre esagerate per una scheda, che in fin dei conti non è certo come lavorare con un bravo editor.
  22. Se la scheda non ti interessa, sacrosanto provarci con quelle free. Tieni però presente che le agenzie free che trattano con grandi editori ormai le puoi contare sulle dita di una mano (forse). Alcune non concedono seconde possibilità, altre sono pressochè inarrivabili. Il rischio di bruciarsi è alto.
  23. Dico la mia. Non ho letto tutti gli interventi, quindi mi scuso se ripeto concetti già espressi in precedenza. Il problema nasce dal fatto che gli editori in genere non leggono (tutti) i manoscritti. Non per cattiveria, ma semplicemente perchè leggere la montagna di roba che arriva quotidianamente in un una redazione sarebbe impossibile. Quindi c'è chi ne legge qualcuno, chi legge solo le sinossi, chi li smista a fantomatici comitati di lettura (in alcuni casi un po' improvvisati). Passano i mesi e l'aspirante scrittore si vede arrivare dei cortesi rifiuti standard dai quali è impossibile capire alcunché. Nella maggior parte dei casi non arrivano nemmeno questi. Allora ecco spuntare le agenzie editoriali con le loro schede di lettura per tutte le tasche (più si alza il livello dell'agente e più la scheda costa). Spesso l'aspirante scrittore, siccome crede nella propria opera e magari ha letto storie di scrittori di successo scovati da questa o quella agenzia, si lascia sedurre da quella che crede essere una buona scorciatoia. Quello che è difficile comprendere è il fatto che per le agenzie editoriali le schede di lettura sono diventate un business e che non vanno assolutamente di pari passo con la rappresentanza. Venendo al nocciolo della questione: se quello che cerca l'aspirante scrittore è un giudizio che vada al di fuori della cerchia di parenti e amici, allora le agenzie editoriali possono avere una loro utilità. Certo è che bisogna valutare bene i costi/benefici della cosa e soprattutto non rimanerci male se i giudizi espressi nella scheda non sono lusinghieri.
  24. Sono d'accordo. Scrivere nella presentazione che si propone il testo per quella specifica collana, aiuta anche colui o colei che riceve il testo a smistarlo correttamente al referente di collana.
  25. In linea teorica sì, ma non è sempre scontato, purtroppo. Nella mia esperienza (parlo di editori free quindi con tutto l'interesse a vendere i libri che pubblicano) ti dico che è molto difficile che un editore venga personalmente a presentarti (a meno che non sei della zona dello stesso). E fino a qui lo capisco: se un piccolo editore dovesse seguire tutti i suoi autori in giro per l'Italia nel giro di poco si trasformerebbe in un uccello migratore, con la differenza che al posto delle ali avrebbe un motore che per essere costantemente alimentato avrebbe bisogno di parecchio denaro. Personalmente non mi sono mai state fornite nemmeno fascette o locandine, ma confesso di non averle nemmeno chieste. Con l'ultimo editore mi è passata la voglia e a un certo punto ho smesso di fare presentazioni: solo per avere a disposizione i libri per l'evento diventava ogni volta un'agonia. In un caso sono dovuto andare a recuperarli personalmente in una libreria di fiducia (dove avevo presentato poco prima e sapevo che ne erano avanzati), chiedere se potevano 'prestarmeli' (ossia lasciarmeli in conto vendita) e portarmeli direttamente nel caffè letterario dove presentavo. Dovrebbe credere al 1000% nei libri che pubblica