Banner_Sondaggio.jpg

Nick

Scrittore
  • Numero contenuti

    13
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

3 Neutrale

Su Nick

  • Rank
    Sognatore

Informazioni Profilo

  • Genere
    Uomo

Visite recenti

261 visite nel profilo
  1. Nel mio caso dopo un mese esatto.
  2. Nick è un vincente consapevole di esserlo, un personaggio apparentemente freddo e sicuro di sé ai limiti dell’arroganza; uno che nella vita ha trovato tante risposte e non si fa molte altre domande, che ha sempre tutto sotto controllo e che sembra appassionarsi a un unico gioco del quale conosce ogni aspetto: la seduzione. Al racconto delle proprie gesta e della propria straordinaria quotidianità, Nick collega riflessioni, flashback e digressioni: dalle tecniche che ha usato per sedurre a considerazioni sulla società contemporanea, dai rapporti tra uomini e donne al ruolo dell’amicizia. Questa spirale di successi si interrompe per un lavoro all'estero dove conoscerà una donna che sembra conoscere le regole del suo gioco e utilizzarle a proprio vantaggio. Il protagonista cercherà di gestire la cosa con la consueta spensierata sicurezza, ma imparerà che ci sono situazioni che rendono vano ogni tentativo di controllo; sarà quindi costretto a cercare le risposte alle proprie inconfessate domande. "La seduzione è un’arte che si può apprendere o è appannaggio esclusivo di chi possiede determinate caratteristiche per genetica fatalità? L’innamoramento è un processo randomico e inesorabile o è identificabile da precisi momenti che possono farcelo riconoscere ed eventualmente interrompere? La capacità di attrarre e di sedurre può essere sufficiente a trasformare un colpo di fulmine in una relazione? Può una relazione “riempire i vuoti” personali di uno o entrambi i partner? Prova a cercare e, anche solo con una veloce consultazione online, vedrai che a queste domande ci sono poche risposte e, purtroppo, ben confuse. Per trovare una risposta vera e vissuta, una risposta frutto di tentativi e di sbagli, ho provato a tenere un diario e, se stai leggendo queste righe, voglio condividere queste esperienze, e le risposte a cui mi hanno portato, con te. Poiché le risposte che cerchiamo sono universali, ho volutamente omesso informazioni e riferimenti che avrebbero contestualizzato in modo fuorviante ciò che ti racconto. In breve, non importa che tu sia alto, basso, biondo o con l’apparecchio ortodontico, non importa dove vivi e nemmeno che lavoro fai. Sono partito dal presupposto che mangiamo e dormiamo tutti in modo analogo, quindi anche attrarre, sedurre, innamorarsi e costruire relazioni avrebbe dovuto essere soggetto a leggi naturali valide per tutti. Se non ci hai mai pensato, forse avresti dovuto. - Nick -"
  3. E allora posterò anche la mia esperienza. Partecipato al concorso e selezionato per la pubblicazione ne "I racconti di Cultora Nord-Est", ed. 2016, ho ricevuto la comunicazione relativa alla premiazione con preavviso veramente esiguo, una settimana o poco più, e non ho potuto partecipare. Ho comprato una copia a scatola chiusa e mi è pervenuta insieme alla "pergamena", praticamente una fotocopia su carta che a causa della spedizione era pure gualcita (o è un effetto "invecchiato"? Non so giudicare). Avevo letto da qualche parte che le raccolte in parola sarebbero state in vendita sulle piattaforme più diffuse, ed effettivamente quella dell' ed. 2015 si trova su Amazon e su IbS. Quella 2016, al contrario, è sparita anche dalla pagina di Historica edizioni. Così come tutte le altre, relative agli altri concorsi, escluse, appunto, le due pubblicazioni del 2015. E se su una loro edizione non ci puntano nemmeno loro stessi... auguri a tutti.
  4. Io dopo circa tre mesi di attesa (ma i progressi li ho monitorati sulla loro pagina) in cui ho superato tutte le fasi sono stato "non scelto per la pubblicazione" in commissione finale. Poco male, ho trovato un'altro editore Però il sistema che mettono a disposizione per farti verificare sul sito a che punto siano con l'esame del tuo manoscritto è eccezionale.
  5. Dopo un approccio brillante nel quale si sono detti felici di pubblicarmi, ci sono state altre conversazioni nelle quali ho cercato di vederci più chiaro, non tanto sull' EAP, perché a me non hanno chiesto una lira, quanto sulle scelte editoriali future, ebbene non mi hanno convinto.Una serie di "incomprensioni" mi hanno smontato l'entusiasmo iniziale e fatto desistere. Ho preferito lasciar perdere piuttosto che iniziare con il piede sbagliato.
  6. Ragazzi dopo aver lungamente discusso il contratto in ogni parte con il responsabile dell' editoria,ho firmato il contratto. Effettivamente si tratta di NAP, è espressamente citato nel contratto. Speriamo vada tutto bene ma vi terrò informati in ogni caso.
  7. E ti dirò che anche per Feltrinelli funziona nello stesso modo... http://www.lafeltrinelli.it/fcom/smartphone/home/pages/catalogo/searchresults.html?prkw=Segmenti&cat1=&prm=
  8. Come no... basta andare nel sito di IBS e digitate Segmenti... aguzza la vista https://www.ibs.it/search/?ts=as&query=Segmenti&filterProduct_type=
  9. Nome: Segmenti Editore Sito web: http://www.segmentieditore.it/ Distribuzione: Messaggerie Libri SPA (http://www.segmentieditore.it/distribuzione/distribuzione-nazionale.html) Modalità di invio dei manoscritti: http://www.segmentieditore.it/autori/pubblica-con-noi.html Facebook: https://www.facebook.com/segmentieditore/?fref=ts Desidererei informazioni su questa casa editrice. Nel loro sito scrivono di essere Editoria NAP e nella mia prima esperienza di contatto lo confermo perché mi è arrivata una loro proposta in cui escludevano sia pagamento diretto che acquisto copie. Ci ho anche parlato al telefono e sembrano sapere il fatto loro. Nondimeno prima di firmare un contratto mi piacerebbe sapere se qualcuno ha avuto esperienze con loro.
  10. Ho trovato Natascia per caso, così come per caso avevo infruttuosamente tentato di contattare la sua agenzia in precedenza. Ma quando il destino ci si mette, sconfigge anche la cartella dello spam; ho visto la sua presentazione su WD, insieme a quella di altri editor e ho pensato: visto che generalmente il mio manoscritto non è apprezzato dalle lettrici, vediamo come lo stronca una editor. Ho approfittato della sua disponibilità a fare una valutazione della sinossi e una prova di editing gratuita su due cartelle e l’ho contattata. Estremamente disponibile e professionale, mi ha risposto sollecitamente e altrettanto presto mi ha inviato la sua valutazione. Ora, io sono un’aspirante e non ho ancora mai pubblicato alcunché, ma vi assicuro che vedere i propri scritti rivisitati e/o corretti, sebbene sempre in maniera propositiva e mai invasiva, come poi si è sempre dimostrata in seguito Natascia, non è un boccone facile da mandar giù. In più, il lavoro di editing e di rilettura mi aspettavo “a naso” che fosse lungo e noioso, per cui ero preparato al peggio. Ma il suo stile di lavoro mi è piaciuto e infine si è rivelata una scelta costruttiva e positiva da ogni aspetto: il suo lavoro è stato incisivo ma con mano quanto mai leggera; benchè si sia proceduto insieme a rivisitare molte parti del testo, aggiungendo, spiegando meglio, smussando parecchi angoli ed infine rileggendo (più volte anche) il testo nel suo insieme, tra una battuta di spirito e una vivisezione delle mie motivazioni interiori, il lavoro nel suo insieme è stato costruttivo, appagante e finanche divertente. Non solo la consiglio vivamente, ma mi auguro di poterci lavorare insieme di nuovo in futuro.
  11. Grazie e scusami, essendo una cosa che ancora non esiste ( e non so se mai esisterà) non pensavo fosse considerata pubblicità...
  12. Sono Salvatore, un aspirante scrittore, classe 1970, laureato in Scienze Sociali e Criminologiche per la sicurezza, residente a Forlì. Ho da sempre una insaziabile passione per la lettura, che mi porta a essere un lettore compulsivo e onnivoro. Non ho un genere preferito ma forse qualcuno non proprio gradito sì. I miei principali interessi spaziano inoltre dal cinema, alla musica, ai videoclip e alle pubblicità. Cito queste passioni solo perché se ne può intravedere traccia (a detta di chi ha già potuto leggere i miei elaborati) nel mio stile di scrittura e nei libri che mi piace recensire qua e là. Finora mi sono cimentato solo con racconti brevi e qualche recensione sul web e nel tempo ho potuto constatare che quelli che hanno riscosso più “successo”, ovvero l'interesse randomico e limitato nel tempo del pubblico della rete, sono stati quelli scritti in stile minimalista e cupo; stile che in parte ho deciso di utilizzare anche per la stesura del mio primo romanzo breve, editato dallo staff, al momento in cerca di editore. Saluti a tutti