Marco Scaldini

Scrittore
  • Numero contenuti

    140
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

55 Popolare

Su Marco Scaldini

  • Rank
    Sognatore

Informazioni Profilo

  • Genere
  • Provenienza Montecatini Terme

Visite recenti

387 visite nel profilo
  1. Feltrinelli Editore

    Chi è abbastanza vecchio come me ricorda che negli anni novanta, quando le email non erano il pane quotidiano e gli invii agli editori avvenivano esclusivamente in forma cartacea, Feltrinelli respingeva al mittente senza neppure aprirle le buste degli invii spontanei. Adesso, molto probabilmente per i motivi sopra esposti da Niko, accettano gli invii telematici. Ma non ci si può aspettare di andare oltre la risposta automatica.
  2. Gruppo Edizioni Alter Ego

    @Fraudolente Come ho scritto qualche post indietro, Alterego è un editore ottimo e io mi sono trovato benissimo con loro. Se però un editore non ti risponde la motivazione non può essere che una, e allora perché inseguire chi non ti vuole quando hai chi è pronto a pubblicarti (e se hai ben quattro proposte, non penso siano tutte da scartare)?
  3. Gruppo Edizioni Alter Ego

    @dfense Scusa, ma non capisco. Hai rifiutato quattro proposte quattro in attesa di una risposta che non arrivava? Perdonami, ma in tutta franchezza mi sembra una tattica suicida.
  4. E' giusto nutrire sogni di gloria e ricchezza?

    18-20.000 euro all'anno di diritti d'autore? In modo stabile, cioè non una tantum ma continuativamente, credo che in Italia non si arrivi a dieci autori. Poi un autore affermato guadagna perché ha la fortuna di vendere diritti televisivi e cinematografici, o magari tiene corsi di scrittura creativa e simili. Ma anche qui parliamo di un numero di scrittori che rimane nelle unità e non raggiunge la decina.
  5. E' giusto nutrire sogni di gloria e ricchezza?

    Mi è accaduto non troppo tempo fa di conversare con uno scrittore piuttosto noto. Pubblica da anni con grandi case editrici, ha vinto premi prestigiosi, collabora con riviste e pubblicazioni, i suoi libri sono tradotti all'estero. Alla domanda "ma puoi campare di scrittura?" ha risposto decisamente di no; non può permettersi di abbandonare la sua professione e dedicarsi unicamente a scrivere. Eppure, ripeto, si tratta di un autore affermato. Credo che in Italia si possano contare sulla dita di una mano gli scrittori in grado di vivere con i diritti d'autore. Parlo un poco anche per esperienza personale: qualche anno fa ho avuto un paio di libri che hanno venduto bene, scalando le classifiche. Risultato? Ho comprato una macchina nuova (utilitaria), ho fatto qualche lavoro di restauro alla casa che attendeva da anni e basta lì. Né auto di lusso né viaggi intorno al mondo. Per questo motivo, quando leggo qui sul forum interventi di giovani autori che (si intuisce) sperano in grandi successi, mi viene voglia di invitarli a rimanere con i piedi per terra. Fama e ricchezza con la scrittura toccano a pochissimi.
  6. Gruppo Edizioni Alter Ego

    Ottima casa editrice. Parere competente, considerato che la mia (purtroppo) non più giovane età mi ha permesso di lavorare con diversi editori e sono in grado di fare confronti.
  7. Adelphi

    Credo che uno o due esordienti in 55 anni non siano rilevanti. Anche perché è molto probabile che né Maurensig né Busi siano passati attraverso l'invio spontaneo. Il problema non sussiste solo per Adelphi, bensì per tutte le grandi case editrici: non vogliono né potrebbero leggere gli invii spontanei. Mi capita di leggere qui sul forum interventi di piccoli editori che dichiarano di essere sommersi da centinaia di invii al mese. Provate allora a immaginare quanti possa riceverne un grande editore. Migliaia, sicuramente. E nessun editore, per quanto grande, è in grado di gestirli. Stiamo parlando infatti di editoria, non di telefonia: si tratta di un'industria povera, in crisi perenne, dove gli organici sono ridotti all'osso anche nelle aziende più grandi. Nessuna può destinare risorse umane all'esame degli invii spontanei. Per di più la crisi induce a puntare solo sui nomi già affermati, che riducono il rischio, e niente è più rischioso di un esordio. Alla pubblicazione con una grande si arriva solo attraverso altri canali. Non parlo di raccomandazione: se hai scritto una ciofeca non te la pubblicheranno neppure dietro forte raccomandazione, ma anche il lavoro valido deve usufruire di una presentazione, che sottoponga il lavoro direttamente all'editor. A me è accaduto in passato di pubblicare con una grande casa editrice, ma partivo dall'interno, come traduttore, quindi conoscevo personalmente l'editor. E le considerazioni che ho esposto qui sopra non sono farina del mio sacco, ma provengono appunto da conversazioni con persone che lavorano dentro una grande casa editrice. A mio modo di vedere spedire a una big ha dei contraccolpi negativi: è vero che non costa niente, però se uno lo fa significa che una sia pur piccola speranza la nutre. E poiché questa speranza è sicuramente destinata a non realizzarsi, non fa altro che alimentare il senso di frustrazione. Meglio mirare soltanto in basso, dove esistono (se si è bravi, ovviamente) concrete possibilità di pubblicare.
  8. Adelphi

    Correggo il mio precedente intervento. In effetti Adelphi un esordiente lo ha pubblicato: Roberto Calasso. Chissà se il fatto che fosse anche il direttore editoriale della casa editrice ha pesato a suo favore?
  9. Adelphi

    Adelphi è nata nel 1962. In 55 anni di vita non ha mai pubblicato esordienti. E, detto fra di noi, io credo che non li abbia mai neppure letti. Perché perderci tempo?
  10. Feltrinelli Editore

    Feltrinelli non legge neppure una riga degli invii spontanei. Ho lavorato per loro come traduttore, lo so per certo.
  11. 0111 Edizioni

    @Nio59 A rischio di finire di nuovo OT, la battuta è necessaria: sarà mica vero che non abbiamo un piffero da fare e allora ci mettiamo a scrivere?
  12. 0111 Edizioni

    @don Durito Vado OT comunque ti rispondo. Sono contento se Perboni ti è piaciuto. Se non sbaglio anche tu fai l'insegnante, quindi avrai ritrovato più di un aspetto del nostro lavoro.
  13. 0111 Edizioni

    @Nio59 Personalmente non propongo più testi a nessuno perché ho smesso di scrivere. 0111 è una buona casa editrice se il tuo obiettivo è la soddisfazione di pubblicare senza pagare e con un prodotto librario dignitoso. Se i tuoi scopi sono anche leggermente più alti (guadagnare qualche euro, ottenere un po' di notorietà) allora non è adatta.
  14. Rizzoli

    Purtroppo è così. Una volta era diverso: per farsi leggere da una casa editrice grande occorreva comunque un canale di presentazione, però se avevi scritto una ciofeca non ti pubblicavano neppure se eri il re dei raccomandati, perché avevano un nome da salvaguardare. Adesso pare che al nome non ci tengano più: a confrontare il catalogo Rizzoli di adesso con quello anche solo di dieci anni fa si rizzano i capelli in capo (per non parlare di Einaudi...)
  15. Edizioni e/o

    ...che poi uno si potrebbe chiedere: perché non dicono chiaramente che non sono interessati a ricevere manoscritti e non bloccano gli invii? Anche qui (sempre parere personale) credo ci sia dietro una considerazione opportunistica: gli autori sono tanti potenziali lettori; perché inimicarseli rifiutando a priori i loro lavori, con il rischio che smettano di comprare i libri e/o? Meglio far loro coltivare la sottile illusione che un giorno potrebbero entrare a far parte della scuderia...