HateQueen118

Scrittore
  • Numero contenuti

    57
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

10 Piacevole

1 Seguace

Su HateQueen118

  • Rank
    Sognatore
  • Compleanno 09/11/1994

Contatti & Social

Informazioni Profilo

  • Genere
    Donna
  • Provenienza
    Ancona

Visite recenti

582 visite nel profilo
  1. Ciao a tutti! Inizio questa discussione, sperando di trovarmi nella sezione giusta, perché ho fatto una ricerca sul forum e non sono riuscita a trovare risposte a questa mia "perplessità", se così vogliamo chiamarla. Sto per firmare un contratto con una casa editrice di quelle Big, e mi è stato detto che il titolo del mio romanzo verrà cambiato - con qualcosa che piaccia anche a me, ma che sia anche in linea con l'editore. Ovviamente non ho nessun problema con questa cosa, anzi me l'aspettavo e, diciamocelo, il titolo proposto da me non è che fosse tutta questa gran bellezza. Ora però non riesco a togliermi la curiosità di sapere come potrebbe avvenire questo cambiamento, su quali basi potrebbe avvenire la scelta, eccetera. Una cosa che ho notato degli editori italiani è che, specialmente per alcuni generi, tendono a usare titoli molto simili, usando parole che rimandano ad altri titoli di successo già esistenti, eccetera - vedi: il fenomeno di titoli che cominciano con "la ragazza..." o che contengono le parole "splendido" e "disastro". Qualcuno di voi si intende di questo argomento? In quali modi, secondo voi, i grandi editori scelgono i titoli dei romanzi che pubblicano? Avete avuto esperienze di questo tipo?
  2. C'è qualcuno che ha pubblicato con loro che saprebbe dirmi qualcosa di più? Come lavorano, come vi siete trovati, eccetera. Stavo pensando di provare a mandargli una graphic novel, probabilmente l'anno prossimo, quindi vorrei avere qualche informazione in più. Grazie!
  3. Ho avuto l'occasione di parlare con Mistri perché mi aveva offerto una pubblicazione prima di pubblicare questa sua decisione su Facebook, e mi ha detto che la casa editrice andrà comunque avanti.
  4. @vally13 sì, è vero, comunque non stavo dubitando della tua parola!
  5. Fantastico! Chissà che è successo con il libro che ho letto io...
  6. @ElleryQ Non voglio spaventarti, ma sappi che ti sto amando. Purtroppo tutto questo mi sta capitando davvero, ma se è come dici potrei uscirne sul serio!
  7. Salve a tutti! Che voi sappiate, l'editore è obbligato a specificare nel contratto la tiratura minima del libro, ossia il minimo numero di copie che verranno stampate? Se non lo fa, questa potrebbe essre una motivazione valida per liberarsi dal contratto? (Inoltre, se l'autore si dimostra deciso a rompere il contratto, dimostrandosi anche disponibile a pagare una penale, e l'editore procedsse comunque con la pubblicazione senza avvisare l'autore, sarebbe legale?)
  8. Ma è una cosa bellissima!
  9. @lucfax Ma io non parlo di un paio di errori, parlo di almeno un errore per pagina - neanche refusi, proprio errori sintattici e grammaticali. Hai fatto bene a controllare il tuo libro così approfonditamente. Io col mio ho fatto lo stesso (non con Nulla Die), facendo due/tre giri di beta-reader e rileggendolo da me almeno cinque volte. Poi quando è arrivato alle mani della c.e. mi sono stati corretti meno di una decina di errori di battitura. Quello che mi racconti - ovvero che l'editore si è impegnato con te per scovare gli errori - mi rende ancora più perplessa sulle motivazioni per cui invece il libro che ho letto io abbia un lavoro di editing tanto scarso. Forse tu ti sei interessato più dell'autore di cui parlo.
  10. Ciao a tutti! Mi scuso in anticipo se ciò che sto per scrivere offenderà qualcuno, non è assolutamente mia intenzione. Volevo sapere se qualcuno in questa discussione ha mai letto uno dei loro libri, perché di recente me ne è stato mandato uno da un'autrice per farne la recensione sul mio blog ed era veramente carino, per carità, ma ho trovato in esso svariati errori grammaticali e sintattici che forse un editor avrebbe dovuto notare. Questo mi ha fatto pensare che forse il lavoro di editing non è proprio eccelso, ma credo sia un problema di quasi tutte le piccole C.E. Insomma, altri di voi hanno avuto esperienze del genere con questa C.E. in particolare o è stato un caso isolato? Fatemi sapere!
  11. @ElleryQ Oh, grazie mille per la risposta velocissima, mi hai molto tranquillizzata! Ora aspetto di scoprire se mi sono preoccupata per niente o meno, ahah!
  12. Buonasera a tutti. Scrivo questo post prevalentemente guidata dall'ansia. L'anno scorso, a Settembre, ho firmato un contratto di edizione con una piccola casa editrice. Precedentemente avevo proposto il libro a un'editor di una major con cui avevo dei contatti, ma non mi ha mai risposto - fino ad oggi. Il libro con la piccola C.E. verrà pubblicato tra poco, e per ora questa editor si è dimostrata interessata a leggere la mia sinossi, quindi non so davvero se sarebbe interessata. Ma in caso lo fosse, secondo voi c'è una possibilità che contratti con la piccola C.E. per la cessione dei diritti o, essendo io appena un'aspirante autrice, lo prenderebbe come uno sforzo non necessario? E nel caso quasi impossibile che ciò accada, chi di voi ha qualche conoscenza a riguardo, saprebbe dirmi come potrebbe andare una transazione del genere? Sul contratto che ho firmato, la piccola C.E. specifica che nell'eventualità di una cessione di diritti sarebbe disposta a condurre una trattativa, però non ho idea di come funzionerebbe la cosa. Magari la piccola C.E. chiederebbe una cifra assurda e la grande C.E. le riderebbe in faccia. Non lo so. Tutta la situazione è puntellata di "se" e di "forse" grandi come una casa, ma sto cominciando a diventare paranoica e mi piacerebbe davvero se qualche anima pia avesse voglia di darmi qualche delucidazione a riguardo.
  13. Ciao HateQueen118, volevo chiederti in modo confidenziale come ti sei trovata con Bibliotheka Edizioni.

    Io ho ricevuto un contratto pochi giorni fa e sono indecisa se accettare o meno.

    Ti stanno aiutando per la diffusione del tuo libro? Com'è la distribuzione e la promozione?

    Grazie di cuore per ogni informazione che potrai darmi,

    Lisa

    1. Bianca81

      Bianca81

      Ho scritto erroneamente il messaggio sul tuo profilo pubblico. Ho riproposto la domanda in privato. Grazie mille!

  14. Anch'io avevo la scelta di non comprare alcuna copia, e infatti non ne comprerò nessuna. E anche un'altra ragazza con cui ho parlato.
  15. A me hanno parlato di circa 200 copie iniziali, ma aggiungendo che le avrebbero ristampate immediatamente se fossero finite e sarebbero sempre state disponibili per l'acquisto. Io penso che già se vendo 200 copie sono felice.