• Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

(n)Euro

Emil Casa Editrice

16 risposte in questa discussione

Nome: I Libri di Emil

Generi trattati: saggistica scientifica e divulgativa, atti dei convegni, narrativa
Invio manoscritti: in formato digitale all’indirizzo seguente redazione@ilibridiemil.it
Distribuzione: Messagerie

Sito web: http://www.ilibridiemil.it/

Facebook: /

 

Richiesta di acquisto copie

A me hanno chiesto un contributo in acquisto copie (100), anche se c'è da dire che, nell'email che mi hanno mandato, hanno dimostrato di aver letto attentamente il mio manoscritto.

Modificato da ElleryQ
Aggiornamento topic
0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Emil editrice pubblica autori italiani esordienti e non, con rapide schede di lettura che vengono inviate all'autore perche' siano un'opportunita' di avere una lettura critica.

A seguito della selezione editoriale, quindi della verifica della pubblicabilita', il testo va in redazione e viene editato dal nostro personale, poi impaginato e inviato in prima bozza all'autore. Seguira' una seconda bozza.

Gli interventi sono concordati con l'autore, e spesso possono anche essere consistenti.

La casa editrice EMIL e' distribuita da uno dei maggiori distributori italiani, Messaggerie Libri, ottima garanzia di diffusione e di presenza in libreria, ma anche grande capacita' di fornire i volumi la' dove le librerie ne sono carenti. I volumi sono chiaramente tutti dotati di ISBN e di contratto di diritti d'autore, per il quale l'autore

avra' di sua spettanza l'8% sul prezzo di copertina.

Emil a scopi promozionali chiede di solito un acquisto di un centinaio di copie, che vengono inviate in maggior parte come copie gratuite a testate giornalistiche e giornalisti di settore per favorirne la divulgazione dell'informazione, per dare la possibilita' di essere recensiti ai libri e quindi mettere in moto un circuito virtuoso. Tale costo e' a parziale copertura dei costi complessivi, l'idea e' quella di proporre la massima diffusione al minor costo.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma questo marchio fa parte della Odoya, una casa editrice piuttosto seria, neanche tanto piccola, con una buona diffusione, almeno dalle mie parti.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E' come racconta Eco ne "Il pendolo di Focault". Da una parte ci sono gli uffici di una serissima casa editrice, fiera dei suoi libri e della sua importanza culturale, poi si attraversa una porticina e si arriva in quelli, molto più raffazonati, di un'inaffidabile casa editrice a pagamento. Le due facce di una stessa medaglia.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io non sono in grado di dare consigli a nessuno, sono solo stupito del fatto che una casa editrice ben distribuita e apparentemente seria chieda contributi. Comunque è pur vero che "casa editrice a pagamento" non è sinonimo di "casa editrice inaffidabile".

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusate la mia insistenza, ma non riuscivo a capire...perchè mia sorella ha pubblicato un testo universitario con questa casa editrice e mi ha assicurato di non aver pagato per farlo, e non ho motivo di dubitare. C'è una sezione nel loro sito intitolata "Libera la ricerca" dove c'è scritto che danno la possibilità a ricercatori precari di pubblicare gratuitamente la loro opera dopo attenta valutazione.

Inotre c'è un mio conoscente che ha pubblicato un libro di narrativa con loro e mi ha assicurato di non aver pagato. Certo, lui aveva già pubblicato altri libri prima, e non può essere considerato un esordiente, e nel suo caso non ho avuto modo di verificare, anche perché chi sono io per farlo? Comunque nel caso di mia sorella posso dire con certezza che ha pubblicato gratuitamente.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io sinceramente non ho mai letto libri di questa casa editrice, però sembra distribuita benissimo (insomma, Messaggerie Italiane la conosciamo tutti, fa arrivare libri in tutta Italia) e se ha pure dei canali preferenziali con giornali, uffici stampa e quant'altro, secondo me sarebbe ipotizzabile valutare l'acquisto copie. Nel senso che il concetto è pari pari a quello sviscerato per Il Filo, ma almeno traspare un po' di serietà, anche a sentire le poche testimonianze presenti qui dentro. 100 copie sono davvero tante!

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il marchio editoriale Emil è proprietà di Odoya: http://www.odoya.it/

 

la quale qui dice: 

Odoya è proprietaria del marchio I libri di Emil, editore specializzato in saggistica scientifica di ambito accademico e testi digitali.

 

 

Ci è stato segnalato che spesso chi scrive a Odoya riceve poi risposte proprio da Emil qualora i testi siano di narrativa

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve, anche io ho ricevuto una proposta editoriale con la quale mi vengono riconosciuti i diritti d'autore, ma mi si chiede anche l'acquisto di alcune copie (in numero piccolo è scritto) a scopo promozionale.

Nella mail è contenuta anche una sintetica recensione del romanzo, che dimostra che lo hanno letto con attenzione.

 

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao ragazzi,

 

io ho mandato il mio manoscritto, tra le altre, alla casa editrice Meridiano Zero. Dopo un mese circa ho ricevuto un contatto da I Libri di Emil, la quale mi dice che il manoscritto gli è stato girato dalla Meridiano Zero e sarebbero lieti di pubblicarmi a seguito dell'acquisto di un "numero limitato e ristretto di copie a prezzo scontato". Voi che ne pensate di questo giro tra case editrici? Ma soprattutto, sapreste quantificarmi questo limitato, ristretto e scontato (in base alle vostre esperienze)?

 

 

Un saluto a tutti.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

MarcoMars, io ho ringraziato e detto di no.

 

Quindi è una prassi piuttosto comune quella di girare un manoscritto a questa CE. Dalla loro e-mail hai capito se hanno realmente letto il tuo manoscritto?

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Novità su questa casa editrice?

Il numero ristretto di copie di cui parlano nella mail (in caso di proposta editoriale) a quanto ammonterebbe?

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunitày. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora