Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Spordolan

E voi come leggete?

Post raccomandati

Come da titolo.

Siete amanti di una lettura veloce e fulminea, divorate pagine e pagine di libro con la smania di arrivare a scoprire il finale, oppure propendete per una lettura più lenta e vi soffermate ad assaporare ogni riga?

Personalmente, sono più tipo da seconda opzione.

Mi capita di essere preso, come tutti, da quello che sto leggendo, ma al tempo stesso di non voler bruciare le tappe e rileggere quanto ho appena letto, solo per gustare meglio le parole. Il mio problema infatti è essere lento nella lettura, proprio perchè mi piacciono le parole in sè, e una lettura sbrigativa non mi darebbe lo stesso piacere.

E voi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

io faccio tutto di fetta, incluso leggere. forse è anche il motivo per cui leggo romanzi che fanno della suspense il loro punto forte: sono quelli che maggiormente beneficiano del mio modo di lettura.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dipende per che cosa stò leggendo e quanto mi piace.

Per l'università? Cerco di fare il prima possibile.

Passatempo? Se la trama mi prende davvero vado comunque veloce, se è tipo un giallo mi soffermo per riflettere se l'assassino è veramente tizio caio, se invece trovo una storia d'amore mielosa corro comunque avanti, non sono fatta per leggere quelle cose.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lettura lenta ed esaminatrice. Non mi perdo il gusto della lettura a cui dedico momenti di intimità e relax: massima concentrazione e silenzio assoluto, altrimenti rischio di leggere senza capire. Tra l'altro sono un lettore esigente che non riesce a finire quel che non gli piace; letture molto retrò le mie... fantascienza e thriller di qualche anno fa...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
io faccio tutto di fetta, incluso leggere. forse è anche il motivo per cui leggo romanzi che fanno della suspense il loro punto forte: sono quelli che maggiormente beneficiano del mio modo di lettura.

Proprio come me..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dipende... Ultimamente ho letto "Cent'anni di solitudine" a dosi di venti pagine nel letto, con calma, perché non potevo fare altrimenti, è troppo bello per essere consumato senza pesare ogni singola parola, e "Novecento" di Baricco che l'ho letto in due viaggi in metro sia perché è molto breve e scorrevole sia perché non mi ha colpita particolarmente (anche per lo stile da copione teatrale). E' anche vero che quando il treno ha fatto un'ora e un quarto di ritardo, qualche settimana fa, di "cent'anni di solitudine" ho letto 100 pagine in un pomeriggio.

Dipende da tante cose! Comunque rispetto al tempo che ho a disposizione per farlo leggo abbastanza rapidamente nel complesso.

Adesso non leggo più niente, devo ancora trovare il modo di colmare l'assenza di Marquez... T.T

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Mrs C

Dipende dal libro, se riesce a prendermi fin dall'inizio allora sono capace di non mangiare e dormire per arrivare alla fine e scoprirla (leggasi: mi è capitato rare vole un fenomeno del genere, solo con le Memorie di una Geisha, Harry Potter, Cime Tempestose e pochissimi altri). In questo primo caso il massimo che ci metto a leggere un libro è tre giorni. In un secondo caso invece, la trama richiede magari più attenzione del normale oppure il libro è bello ma non mi attrae in modo particolare o mille altri motivi, beh, allora posso metterci anche diverse settimane o più se lascio il libro da una parte. Sono piuttosto esigente con i libri, mi deve colpire fin dall'inizio o non riesco a finire di leggerlo, come mi è successo diverse volte v.v"

Ps. sposto in biblioteca che mi sembra il luogo più adatto ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dipende da molte cose. Ma ultimamente non riesco a concentrarmi molto e quindi ci metto abbastanza tempo per leggere un libro ç__ç

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mi capita di essere preso, come tutti, da quello che sto leggendo, ma al tempo stesso di non voler bruciare le tappe e rileggere quanto ho appena letto, solo per gustare meglio le parole. Il mio problema infatti è essere lento nella lettura, proprio perchè mi piacciono le parole in sè, e una lettura sbrigativa non mi darebbe lo stesso piacere.

è così anche per me.

Di solito più il libri mi piace e più ci metto a leggerlo, perché non voglio farlo finire subito.

Spesso perdo tempo rileggendo le stesse pagine o le parole che mi hanno colpita di più.

Capita anche che torno indietro a rileggere le battute migliori.

Sono piuttosto esigente con i libri, mi deve colpire fin dall'inizio o non riesco a finire di leggerlo, come mi è successo diverse volte v.v"

Io non riesco a mollare un libro, anche il più schifoso se l'ho iniziato lo devo finire U_U

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Di solito non ci impiego più di tre giorni a leggere un bel libro, mi è capitato di leggere anche 150-200 pagine in una serata (lunghissima, naturalmente). Però è anche vero che dopo qualche settimana, se il libro mi è piaciuto particolarmente, lo rileggo e a volte rileggo più volte le frasi e i passaggi che mi hanno colpita di più. Invece ultimamente sto leggendo un libro di Koontz e non riesco proprio a finirlo. Non che non voglia, mi interessa e mi piace, ma c'è qualcosa che in qualche modo mi porta alla sonnolenza (non uccidetemi!). Qualche anno fa avevo letto un altro suo libro e lo avevo divorato in pochi giorni, ed era molto più lungo. Quello che sto leggendo ora s'intitola "La notte del Killer". Lo leggo già da minimo due settimane e mezzo... book6.gif Non vedo l'ora di finirlo, ho tre libri di King, uno della Rice e uno di Poe che mi attendono! yahoooooo.gif

P.S.: Anch'io leggo sempre fino alla fine, anche i libri che non mi piacciono.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Io sono un lettore lento e un lento lettore! Mi piace cadere letteralmente nella storia, riflettere sulle metafore che creano immagini ecc... Ho provato ad accelerare i tempi, ma non me lo gusto proprio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io amo le storie, la trama, i personaggi. Amo perdermi in un libro e non aver più niente a che fare con il mondo che mi circonda.

Ho sempre risposto alla domanda "Cosa vedi quando leggi?" non lettere, parole, pagine, bensì volti, personaggi, ambientazioni, talvolta credo di aver visto una determinata storia alla Tv o al cinema, quando semplicemente tale scrittore aveva descritto alla perfezione il luogo da far si che nella mia mente andasse a formarsi un'immagine perfetta di ciò che era l'ambiente, quasi fosse una foto o una ripresa.

Non credo di appartenere né all'una né all'altra categoria... dipende sempre dal libro e da quanto velocemente si evolve la trama.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se il libro mi piace vado veloce relativamente, nel senso che mi ritaglio più tempo per leggere (ogni volta che ne ho l'occasione), ma cerco di seguire bene la storia.

Al contrario, se un libro non mi piace e decido che voglio finirlo per forza, leggo più di rado, ma quando decido di farlo vado il più veloce possibile per liberarmene. In realtà però se un libro mi fa davvero schifo lo mollo lì.

Sono un po' contorta. :sss:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Kate Malone

Mah. Dipende dal libro. Alcuni me li trascino per settimane, altri sto male se non riesco a finirli in due giorni. A volte mi costringo a tenermi qualche pagina, ma raramente resisto perché la curiosità è troppa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Ice*

Io sono sbrigativa, e se si può dire "pretendo" che il testo che ho davanti sia scorrevole, se è pesante, verboso, pieno di paroloni e periodi infiniti e simili lo leggo solo se ne vale la pena (es. se è un classico o scritto da un grande scrittore ecc.) le cose tropo lunghe e diluite finiscono sempre per annoiarmi e poi lascio il libro a metà e cerco qualcosa di più breve e più veloce.

Purtroppo sono facile alla noia e ho poca pazienza di natura e la vita è già abbastanza dura di per sé senza dover soffrire dietro a un brutto libro noioso. Senza contare che il tempo è limitato e le cose da leggere sono troppe, quindi non mi faccio poi troppi scrupoli ad abbandonare una lettura che non mi ispira...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Leggo lentamente, perché sottolineo le frasi che mi colpiscono di più o che condivido e se mi viene in mente qualcosa lo scrivo lì accanto, tant'è che quando ho finito un libro sembra che sia passato per le mani di tre generazioni!

Per questo non prendo i libri dei miei autori preferiti in biblioteca e il mio portafogli mi odia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sono eteeeeerno. Mi distraggo, penso a storie alternative, chiudo gli occhi e penso, eccetera eccetera. Una mia amica riesce a leggere in un'ora cento pagine e passa. La invidio da morire.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dipende...quando ero più ragazzino ero molto veloce. Ora, che leggo un po' meno e che ho meno tempo libero, dipende...quando il libro però non mi appassiona, non c'è verso: rileggo centomilavolte la stessa pagina senza capire nulla XD

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io li divoro, ma solo se catturano la mia curiosità da subito. Ho provato più volte a darmi un limite e a leggere più lentamente, assaporando ogni singola parola, ma non reggo più di un paio di pagine. Per non parlare di quando arrivo alla fine e vengo assalita dallo stato di inquietudine del tipo "E ora? Cosa leggo?".

Se però dopo le prime 20/30 pagine un libro non mi piace non c'è verso... Lo accantono prima di arrivare a metà.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Spesso macino molte pagine alla volta, tuttavia con il tempo ho imparato a "darmi una regolata". Mi ero accorta che, leggendo troppo velocemente, tendevo a farmi coinvolgere di meno in favore della sensazione di arrivare ad una sorta di traguardo. Così facendo non mi godevo adeguatamente tutte le varie vicende narrate. E' anche vero, però, che leggendo troppo lentamente c'è il rischio di dimenticare le vicende narrate ad inizio libro (che poi, ovviamente, si rivelano spesso fondamentali per capirne la fine).

Ora, indipendentemente dal tipo di libro, cerco di mantenere un certo ritmo ed equilibrio tra velocità di lettura e l'assaporare ciò che leggo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io sono dilacerato come Schumann (ma a mille livelli sotto) tra letteratura e musica, e mi rendo conto di appartenere alla seconda categoria esposta nel topic.

Quando leggo qualche partitura voglio soffermarmi sulla singola nota, sul singolo accordo e magari rimandare il proseguimento per riassaggiare tutto alla chitarra.

Lo stesso vale per un buon libro: mi fermo a considerare l'uso di certe parole piuttosto che un altro. Spesso devo rileggere l'intero capoverso perchè la mia mente si è allontanata dal significato ed ha rincorso pensieri lontani.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunitày. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora


×