Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Antonio Sofia

Organizzare un corso di scrittura creativa

Post raccomandati

Carissimi,

martedì prossimo avrò un incontro con una associazione locale a seguito della mia proposta di organizzare un corso di scrittura come volontariato.

Ora: ho pubblicato un romanzo, lavoro come Ricercatore in campo educativo e ho una decennale esperienza nella comunicazione, quindi qualcosa la so. Ma chiaramente questa idea nasce soprattutto dal desiderio di rendere un servizio, fare qualcosa di bello e utile per la città che dal 2006 mi ha adottato.

La domanda che vorrei farvi è questa: cosa vorreste trovare in un corso di scrittura?

Ovviamente passerò l'estate a studiare alcuni manuali, ma mi interessa soprattutto quale siano le attese a cui potrei dover rispondere, anche perché io non ho mai partecipato a un corso di questo tipo.

Via, datemi una mano. Grazie! 

A.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non ho mai partecipato a corsi, ma ogni tanto mi capita di tenere lezioni individuali di scrittura per singoli o piccoli gruppi.

I manuali in genere sono molto ripetitivi, credo che dovresti leggerli proprio per evitare di approfondire troppo gli argomenti che lì sono già trattati esaustivamente.  

Dai manuali spesso si impara quali sono gli errori da evitare, assai meno di frequente si impara come muoversi dopo aver evitato gli errori.  Mi spiego meglio con un esempio: qualsiasi manuale ti insegna che nei dialoghi l'errore più dannoso è quello di far parlare tutti i personaggi con la stessa voce; pochi però danno indicazioni precise su come costruire personaggi riconoscibili anche senza le consuete battute di sostegno (disse Giorgio, ribatté Eleonora...).  Ecco, io se fossi in te punterei soprattutto su questi aspetti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @Antonio Sofia ti propongo alcuni spunti sperando che ti possano essere utili.

Spiegare come descrivere gli ambienti in modo da contestualizzare la storia, evitando di essere troppo prolissi e noiosi.

Sottolineare l'importanza che può assumere la descrizione di un dettaglio accattivante, riuscendo a suscitare delle emozioni e a farsi ricordare.

Come costruire i personaggi, con la loro personalità, pregi e difetti, per renderli verosimili e amabili anche con le loro fragilità.

L'importanza dei contrasti sia negli aspetti caratteriali dei personaggi, sia nei luoghi.

Come far immedesimare il lettore nella storia, facendogli provare le sensazioni, struggimenti e attese del protagonista.

Fin dai primi incontri coinvolgerei i partecipanti invitandoli a scrivere racconti brevi a tema, racconti circolari e altri esercizi di scrittura che li facciano sentire fin dall'inizio partecipi e attivi in questo entusiasmante percorso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Antonio Sofia dipende tutto dal pubblico al quale ti rivolgi, se è un corso di approfondimento o se invece è pensato per chi non si è mai approcciato alla scrittura in maniera metodica.
Se parliamo di principianti, i grandi argomenti da toccare sono sempre gli stessi: punto di vista, Show-Don't-Tell, Infodump, dialoghi, documentazione, sospensione dell'incredulità, più ovviamente le varie panoramiche su generi letterari, realtà editoriali e iter di pubblicazione. E anche un po' di grammatica di base, a ben pensarci, non ci starebbe male.

In generale, parlando di lezioni o corsi, a me piace l'approccio al negativo, della serie "Come NON scrivere un romanzo". Credo che partire dagli errori più comuni di chi inizia a scrivere sia un buon modo per costruire man mano un percorso formativo.
  

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille, Gid. Ne terrò conto. Inizio a farmi un'idea. Sul livello, ma in generale sulle coordinate dell'iniziativa, ne sarò di più la settimana prossima.

 

A.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
14 ore fa, Antonio Sofia ha detto:

cosa vorreste trovare in un corso di scrittura?

 

Una buona dose di pratica e la possibilità di un confronto tra più stili, autori e modalità narrative. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
47 minuti fa, ElleryQ ha detto:

 

Una buona dose di pratica e la possibilità di un confronto tra più stili, autori e modalità narrative. :)

 

In questo senso immaginavo proprio un approccio improntato alla lettura e condivisione degli elaborati di tutti, per poi approfondire e cercare soluzioni alternative.

Grazie ElleryQ!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Antonio Sofia Ti parlo da frequentatrice di ben quattro corsi di scrittura xD

 

1. Non parlare troppo tu, lascia aperto anche il confronto tra i partecipanti, altrimenti il corso diventa noioso. All'ultimo corso avevo un relatore noiosissimo che a volte fingeva di avviare un dibattito, ma poi montava sopra al primo che interveniva e impiegava la mezz'ora successiva a spiegare il suo punto di vista. Poi cambiava discorso: dibattito finito. Non fare così, è orribile xD

 

2. Cerca di essere originale: ormai ci sono parecchi corsi di scrittura e trattano tutti le stesse cose (personaggi, narratore, ambientazione...), prova a prenderli da una nuova angolazione!

 

3. A un altro corso di scrittura dovevamo portare ogni volta un racconto: bello! Solo che dopo la prima lezione la relatrice ha smesso di correggerli a casa: li "correggeva" mentre li leggeva ad alta voce, in classe, alle otto di sera, dopo una giornata di lavoro. Non ci capiva niente anche se il testo era chiaro, e dava la colpa allo scrittore.
Il mio consiglio è: se fai  scrivere le persone, tieni conto che avrai anche l'impegno di correggere in modo serio quelle cose.

 

4. Meglio meno compiti per casa, ma più complessi. Nel senso, meglio che abbiano tre settimane per scriverti un racconto da 10 000 caratteri, che non che abbiano il compito di portarti frammenti da 2000 caratteri ogni settimana. I 2000 sono frustranti e servono davvero a poco.

 

5. Qui mi ripeto, ma... coinvolgili, i partecipanti, sempre! Ad esempio, fai proporre a loro le tracce per i testi che assegnerai loro da scrivere.

 

6. Informati sul livello dei partecipanti: a me è sempre capitato che mi spiegassero cose che sapevo già (narratore interno, esterno...) e tralasciassero quelle che mi importavano davvero. Magari questi aspetti affrontali lo stesso (non tutti li hanno studiati), ma approfondiscili solo se davvero c'è gente che ne ha bisogno.

 

7. Non ho mai trovato un corso che mi spiegasse come tenere sempre alta l'attenzione del lettore e, soprattutto, come tenere alta la mia, di attenzione, mentre scrivo, in modo da non farmi abbandonare il libro dopo le prime venti pagine scritte. Dei metodi per scrivere in  modo costante sarebbero davvero interessanti, a mio parere!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Solo per aggiornarvi! Colloquio andato benissimo! Il corso si farà a ottobre con ragazzi delle superiori. Sono davvero felice di questa cosa!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grandioso :D Tienici informati su come va e, se vuoi, condividi qui qualche consiglio che l'esperienza ti insegnerà sicuramente!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Antonio Sofia io aggiungo solo una cosa: poiché parli a teenager scegli con cura gli argomenti e non impostarlo tipo scuola (loro già ci vanno e la maggior parte con il mal di stomaco) Non tediarli con tematiche che a loro interessano poco (es. scrivi un testo di 2000 battute su il ruolo che ha la cultura nei nostri giorni, e cose del genere.) ma incuriosiscigli con argomenti che loro vivono tutti i giorni. E come ti ha già detto @Lizz coinvolgili. 

Un'ultima cosa: complimenti!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 14/6/2017 at 23:21, Antonio Sofia ha detto:

Carissimi,

martedì prossimo avrò un incontro con una associazione locale a seguito della mia proposta di organizzare un corso di scrittura come volontariato.

Ora: ho pubblicato un romanzo, lavoro come Ricercatore in campo educativo e ho una decennale esperienza nella comunicazione, quindi qualcosa la so. Ma chiaramente questa idea nasce soprattutto dal desiderio di rendere un servizio, fare qualcosa di bello e utile per la città che dal 2006 mi ha adottato.

La domanda che vorrei farvi è questa: cosa vorreste trovare in un corso di scrittura?

Ovviamente passerò l'estate a studiare alcuni manuali, ma mi interessa soprattutto quale siano le attese a cui potrei dover rispondere, anche perché io non ho mai partecipato a un corso di questo tipo.

Via, datemi una mano. Grazie! 

A.

 

Ho seguito due corsi di scrittura, uno di sceneggiatura, l'altro di scrittura creativa. La differenza più grossa è stata che, in realtà, il "corso" di scrittura creativa era un'ora in cui un'insegnante veniva, si sedeva, dava una traccia... e basta. Non c'era discussione. Sarebbe stato lo stesso aprire un libro a caso, prendere una frase e svilupparla. Il corso di sceneggiatura, invece, richiedeva di fare i compiti a casa (preparare prima un soggetto e poi alcune pagine della sceneggiatura vera e propria). Il corso aveva due o tre lezioni di teoria, tutte le altre erano di discussione del lavoro fatto a casa, con critica dell'insegnante e dei compagni, più o meno venti minuti per pezzo. Ovviamente, il corso di sceneggiatura era molto, molto migliore!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunitày. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora


×