• Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Nuwanda

Bibliotheka Edizioni

144 risposte in questa discussione

Sempre riguardo la promozione, a ottobre avranno lo stand con i loro libri in una fiera di Francoforte :)

2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Stamattina li ho sentiti al telefono per quanto riguarda la copertina e mi hanno confermato che va bene se me la faccio da sola! Però devo aspettare che il libro sia finito perché poi il grafico mi fornirà tutte le dimensioni, specialmente per quanto riguarda lo spessore visto che tutti i loro libri sono 14x21. Sempre gentilissimi, disponibili e tempestivi nelle risposte. Mi ci sto trovando proprio bene per ora!

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho ricevuto dopo meno di un mese un file con la motivazione editoriale (un specie di recensione positiva) e un altro che contiene 4 proposte delle quali sceglierne una (relative al numero di copie da acquistare). Visto che la prima opzione prevede anche di NON comprarne neppure una, direi che sono proprio degli editori FREE. Inoltre, dalla scheda "Motivazione Editoriale", si evince che il romanzo lo abbiano letto sul serio. Ero piuttosto scettico, visto che una tale rapidità è tipica del solito editore a pagamento. I vostri commenti sull'onestà dell'Editore mi rincuorano, anche se quelli sull'editing non sono proprio eccellenti. Nel file preliminare, oltre alle proposte, si parla di distribuzione in 1.100 librerie (mica 100 !) oltre che nel proprio sito e canali web come Amazon. Per concludere, sono previsti anche eventi (presentazioni, comunicati stampa, etc..) che presumo siano a dell'Editore. Sogno o son desto?

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Le proposte editoriali della CE sono quattro, tra cui si può scegliere liberamente:

  • 1 completamente Free
  • 3 a pagamento (con diversi scaglioni di acquisto copie e royalties all'autore)

Per questo la Casa Editrice è a Doppio Binario.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Niko

Scusa ma non concordo.

Proprio per il fatto che l'acquisto di copie non è obbligatorio si tratta, a mio parere, di una casa editrice free. Mi pare che anche altre case editrici classificate non a pagamento offrano la possibilità di acquisto copie. L'importante è che ciò non sia vincolante alla pubblicazione o meno del libro.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Marco Scaldini

Sulle 4 proposte, come ho detto 1 è completamente free. Le altre 3 prevedono l'obbligo di acquisto copie (e ti danno diritto a maggiori percentuali di royalties e di sconto su acquisto copie, a scaglioni sempre maggiori).

Sì, l'autore può scegliere liberamente, ma può intraprendere entrambe le strade. Quindi è un doppio binario.

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se non ti obbligano e ti pubblicano comunque, parrebbe free, a mio avviso. Poi bisogna vedere che condizioni economiche (royalties) fanno.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Rototom e gli altri.

 

Ragazzi, la scelta è libera e l'autore ha la possibilità di pubblicare Free o A pagamento, ma offrono entrambe le strade (seppur, ribadisco, liberamente) e per definizione è un Doppio binario, non c'è niente da scoprire o interpretare. Se avessero offerto solo la prima opzione sarebbero state Free, offrendo solo le altre tre sarebbero stati A pagamento.

Vorrei anche ribadire che non è una cosa negativa e spero non passi quest'idea; sebbene in questo forum si preferiscano le free (io per primo), se una CE è seria e fa acquistare non più di 20-30-40 copie (come il caso di questa CE) con uno sconto accettabile e sempre maggiore, fornendo i servizi che offrono tutte le altre piccole e in più sono distribuiti in tante librerie che effettivamente accettano di ordinare i libri di Biliotheka (cosa rara), io non ci vedo niente di male. Inoltre offrono a chi pubblica a pagamento royalties molto maggiori di quelli che pubblicano free, e sconti molto maggiori sulle copie acquistate direttamente dall'autore in seguito.

 

Prego di continuare con i pareri sulla CE.

 

 

3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi dispiace ma non concordo sulla categorizzazione della casa come a 'Doppio Binario'. Dalla definizione che si evince da questo forum, si parla di case editrici a "Doppio Binario" quando una casa a qualcuno chiede obbligatoriamente un contributo e a qualcun altro no. C'è quindi una disparità di trattamento tra un autore e l'altro e il vincolo a pubblicare (solo per alcuni) dietro corrispettivo. A questi ultimi quindi non viene lasciata alcuna libertà di scelta e non potranno in alcun modo pubblicare con la casa in questione senza pagare. Questa casa non vincola nessun autore (fino a prova contraria ben inteso, magari ora spunta qualcuno a cui è stata proposta pubblicazione solo a patto di acquistare copie e tutto il mio discorso cade) all'acquisto di copie e lascia, come ha detto il moderatore, tutti liberi di decidere. Ecco perchè a mio avviso è free e trovo ingiusto metterla nella stessa lista di case come la Robin. Tutto questo non lo dico perchè a me e è stata proposta la pubblicazione e anzi, se vogliamo sollevare dei dubbi io li avrei più che altro per la mole di persone che hanno ricevuto riscontro positivo. Ma questa è un'altra storia... 

2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@see Come già sottolineato, fin dal primo post è stato volutamente marcata la questione che si lascia la decisione all'autore. Ma non c'è modo di spostarla in Free, perché ci potrebbero essere (e penso ci siano) anche autori che decidono di pubblicare a pagamento. Non c'è alcun obbligo né di pubblicare Free né A pagamento, è una scelta che presuppone un Doppio Binario. Talmente logico che mi par difficile capire la vostra perplessità.

 

Ripeto, invito tutti a smetterla di tornare sulla questione e di limitarsi ai pareri sula CE. Grazie!

3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ricevuta proposta di pubblicazione. Confermo le 4 modalità. Ci voglio pensare. Bisogna valutare come si muovono per la promozione del libro, eventuali recensioni pre uscita, tempi di pubblicazione, presentazioni, recensioni et simili...

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Rototom dice:

Bisogna valutare come si muovono per la promozione del libro, eventuali recensioni pre uscita, tempi di pubblicazione, presentazioni, recensioni et simili...

 

Direi che l'aspetto fondamentale da chiarire, prima di qualsiasi altra cosa, sia la tiratura.

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cicci non ci vuole così tanto a capire che la casa editrice è a doppio binario, e io direi "bona" anche così Nessuno ti obbliga a sganciare la grana, ma se vuoi farlo sei il ben venuto - anzi, se volete dare du' spicci pure a me sono molto contenta.
Comunque volevo aggiornarmi sulla mia pubblicazione: è  in fase di revisione e mi faranno sapere quando avranno terminato rimandandomi il file con segnati tutti i punti che hanno corretto. Una volta letti, se vorrò correggerli nuovamente, potrò ricorreggerli sullo stesso file.

-3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 Intervento di moderazione

 

2 ore fa, HateQueen118 dice:

Cicci non ci vuole così tanto a capire che la casa editrice è a doppio binario, e io direi "bona" anche così Nessuno ti obbliga a sganciare la grana, ma se vuoi farlo sei il ben venuto - anzi, se volete dare du' spicci pure a me sono molto contenta.

Non siamo al mercato. Se sei una scrittrice, presumo non dovrebbe esserti difficile usare modi garbati per esprimere la tua opinione. Grazie. 

2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, wyjkz31 dice:

 Intervento di moderazione

 

Non siamo al mercato. Se sei una scrittrice, presumo non dovrebbe esserti difficile usare modi garbati per esprimere la tua opinione. Grazie. 

 

Essere scrittrice non mi rende meno umana. Ed è pieno di esempi di scrittori famosi che scrivevano come parlavano.. Mi spiace sia stato richiesto l'intervento di qualcuno dello staff, considerando il fatto che non ho insultato nessuno.

-1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@HateQueen118

Ti consiglio di leggere il regolamento  con particolare riferimento a

Cita

 

1.2.1 Non è consentito all’utente richiamato replicare e polemizzare pubblicamente. È possibile continuare la discussione o chiedere spiegazioni solo ed esclusivamente in via privata, tramite messaggio privato agli Staffer.

 

 

Cita

1.2

...Inoltre, non è tollerato un atteggiamento polemico, offensivo, ostile, denigratorio, provocatorio, petulante o sprezzante nei confronti degli utenti 

 

 

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La tiratura della quale mi hanno parlato è pari a 100 copie iniziali. Direi poche. Inoltre dai compensi vogliono detrarre i costi della distribuzione e la cosa mi rende perplesso.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
49 minuti fa, Marco ML dice:

La tiratura della quale mi hanno parlato è pari a 100 copie iniziali. Direi poche. Inoltre dai compensi vogliono detrarre i costi della distribuzione e la cosa mi rende perplesso.

 

Nel contratto questa cosa dei costi della distribuzione detratti dal compenso non c'è scritta. Comunque a me avevano detto 180-200 copie iniziali, sì, ma che in caso finiscono le ristampano perché garantiscono la disponibilità del libro in tutti gli store, sempre. Poi non so. :0

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusate il doppio post ma in teoria i costi della distribuzione non sono già inclusi in quel 90% di compensi che si tengono loro?

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
18 ore fa, HateQueen118 dice:

 

Nel contratto questa cosa dei costi della distribuzione detratti dal compenso non c'è scritta. Comunque a me avevano detto 180-200 copie iniziali, sì, ma che in caso finiscono le ristampano perché garantiscono la disponibilità del libro in tutti gli store, sempre. Poi non so. :0

17 ore fa, HateQueen118 dice:

Scusate il doppio post ma in teoria i costi della distribuzione non sono già inclusi in quel 90% di compensi che si tengono loro?

Cari amici\colleghi,

per la questione dei costi della distribuzione direi invece che sono a carico dell'autore, almeno nel contratto che mi hanno proposto. E' questo che non mi ha convinto del tutto, altrimenti avrei già firmato:

 

"Quale compenso per l'opera cartacea che verrà divulgata sul sito dell'Editore www.bibliotheka.it, il corrispettivo dell'Autore sarà del 10% del prezzo di vendita al netto di IVA e degli oneri di legge. Invece per l'Opera che verrà divulgata su altre librerie  - anche online nazionali e internazionali  (di seguito Retailer) il compenso corrisposto all'Autore ammonterà sempre al 10% del prezzo di copertina calcolato al netto delle commissioni dovute al Retailer, dell'IVA e degli altri oneri di legge".

 

 

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In sostanza, se il prezzo di copertina è, ad esempio, pari a 15 €,  non avrei mai 1,5 € di introiti per ogni copia venduta. Sottraendo il 26% di IVA, già il prezzo sul quale eseguire il calcolo del 10% è 11,1 €. Se poi ci sono altri "oneri di legge" e la percentuale del retailer (rivenditore), scenderei sotto l'euro. Mi sbaglio?

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

So che non è bello da dire, ma per come la vedo io, un esordiente non dovrebbe pensare ai soldi quando accetta i primi contratti con C.E. non famose.

Quasi nessuno riesce a "campare" con l'amore per la scrittura, figuriamoci se non avete un nome importante.

Direi che bisognerebbe concentrarsi su cosa offre il contratto - in questo caso una distribuzione in tutte le librerie nazionali, con sicurezza di ristampa su richiesta.

3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Calbalacrab dice:

So che non è bello da dire, ma per come la vedo io, un esordiente non dovrebbe pensare ai soldi quando accetta i primi contratti con C.E. non famose.

Quasi nessuno riesce a "campare" con l'amore per la scrittura, figuriamoci se non avete un nome importante.

Direi che bisognerebbe concentrarsi su cosa offre il contratto - in questo caso una distribuzione in tutte le librerie nazionali, con sicurezza di ristampa su richiesta.

La parte inerente ai compensi è l'unica che non mi piace, tuttavia è la proposta migliore che abbia ricevuto fino a ora. Pertanto non la scarto affatto, anzi è la prima della lista. Quanto alla tua osservazione sul riuscire a campare con la scrittura sono d'accordo, pero' è anche vero che non si può pubblicare un libro solo per avere un nome su una copertina.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
35 minuti fa, Marco ML dice:

pero' è anche vero che non si può pubblicare un libro solo per avere un nome su una copertina.

Assolutamente, diciamo solo che la gavetta è quello che è. Un po' come molti tirocini non vengono nemmeno retribuiti, ecco :lol:

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Calbalacrab I problemi sono molteplici. Io direi anzitutto che con 100 copie di tiratura iniziale, a me hanno detto 150/200, non si va da nessuna parte. Tu per esempio come ti trovi con loro? Hai venduto più copie per tuoi meriti o per loro promozione? A parte qualche sparuta recensione su blog diciamo semignoti, non ho trovato nulla o quasi su giornali, anche locali, ecc...

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
14 ore fa, Marco ML dice:

In sostanza, se il prezzo di copertina è, ad esempio, pari a 15 €,  non avrei mai 1,5 € di introiti per ogni copia venduta. Sottraendo il 26% di IVA, già il prezzo sul quale eseguire il calcolo del 10% è 11,1 €. Se poi ci sono altri "oneri di legge" e la percentuale del retailer (rivenditore), scenderei sotto l'euro. Mi sbaglio?

L'IVA al 26%? Ma se l'IVA è massimo al 22% attualmente! Inoltre, se non sbaglio, sui libri c'è un'IVA agevolata mi pare del 4%. Però posso dire con certezza, leggendo l'estratto del contratto pubblicato, che la frase "10% del prezzo di copertina calcolato al netto delle commissioni dovute al Retailer, dell'IVA e degli altri oneri di legge" significa che, oltre all'IVA, dalla cifra su cui verrà calcolato il 10% di provvigione toglieranno anche lo sconto applicato all'acquirente (libreria, distributore e chi altri...) e le spese di spedizione. Secondo me la percentuale, in soldoni, verrà dimezzata. Sull'IVA al 4% non sono certa, ma sul significato della frase sì!

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A parte i sotterfugi per risparmiare su quanto dovuto all'autore, sono sempre più convinto che non esista l'editore perfetto. Chi offre il 5% come compenso, chi stampa solo 100 copie, chi vuole pagarti a condizione che a sua volta venga pagato dai librai, chi vuole che l'autore provveda all'editing e alla correzione di bozze, chi ha un sito dove sono posti in vendita solo una decina di volumi, etc... Quel che possiamo fare è scegliere la CE meno avara.

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunitày. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora