Banner_Sondaggio.jpg

  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

250 risposte in questa discussione

Dato che parli di case editrici, di agenti e quant'altro, direi che va bene la sottosezione Varie ed Eventuali, sempre dentro la sezione Editoria e Dintorni.

Ma prima assicurati che nessuno abbia già posto una domanda del genere, magari usando la funzione di ricerca del forum, in alto a destra. :)

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dato che parli di case editrici, di agenti e quant'altro, direi che va bene la sottosezione Varie ed Eventuali, sempre dentro la sezione Editoria e Dintorni.

Ma prima assicurati che nessuno abbia già posto una domanda del genere, magari usando la funzione di ricerca del forum, in alto a destra. :)

Perfetto! Grazie mille :)

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Di fronte a queste cifre mi rendo conto che i 1.800 euro prospettatimi dalla casa editrice Guida (che certamente non ha nulla da invidiare alla Leone editori, anzi...) non sono stati uno scandalo.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho comprato oggi un loro libro... mi pare un bell'oggetto (nel senso dei materiali usati, un buon modo per valutare un editore) a un prezzo di copertina onesto (10,90 per circa 300 pagine).

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviai una silloge poetica, mi rispose dopo qualche settimana il direttore chiedendo un contatto telefonico. Dopo mille giri di parole mi disse che sarebbe stato felice di pubblicare il mio testo a fronte di un mio investimento (che sarebbe andato a finire esclusivamente per la promozione) di 3.000 (tremila) euro.

Valutando il classico 10% di royalties su un testo diciamo di 10 euro, avrei dovuto vendere 3.000 copie solo per rientrare. Di libri di poesia. In Italia.

 

Ah ah. Bella battuta.

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A quella cifra sarei stato felice anch'io, nei panni del Direttore!

No, mi dispiace, ma con 3000 euro me ne vado alle Maldive.

2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho comprato giusto una settimana fa due libri di questo editore, e dopo averne finito uno ed iniziato l'altro posso dire che sono davvero buoni prodotti. Qualità di carta e copertina sono eccellenti, ma soprattutto si avverte con chiarezza sia uno scrupoloso lavoro di editing che la qualità in se stessa delle storie.

Insomma, di certo non propongono un contratto a chicchessia nonostante la questione del contributo per la distribuzione (in effetti io ho trovato entrambi negli scaffali delle novità nella Mondadori del mio paese)

Li consiglio a tutti perché sono davvero dei bei libri! ;)

"Calpurnia, l'ombra di Cesare" e "Senza tregua"

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Eccomi qui per parlare della Leone. A dirla tutta il motivo principale per cui mi sono iscritta al forum è stato per riportare la mia esperienza, visto che ho notato con dispiacere una radicata disapprovazione nei confronti di un Editore il quale per me, invece, è stato la luce in fondo al tunnel.

Al momento la Leone richiede un contributo per la distribuzione? Sì, certo. Ma cavolo, parliamo di una Distribuzione con la lettera maiuscola. I loro libri si trovano in tutte le librerie Mondadori e Feltrinelli di tutta Italia. In bella mostra negli scaffali delle novità. Addirittura in molte Mondadori (con cui ho notato hanno un rapporto più stretto, rispetto alle Feltrinelli) sono presenti vicino alla cassa grandi cartelloni pubblicitari della Leone per annunciare le loro prossime uscite. Inoltre agli esordienti più validi garantiscono traduzioni in lingua spagnola in Spagna e non solo, anche in molti altri paesi dove essa è la lingua madre.

Non meno importante, anzi, per me è questa la cosa fondamentale, è il loro lavoro di Editing. Collaborano con professionisti delle Big, i quali tengono l'autore al lavoro per mesi e mesi finché un buon prodotto non diventa un prodotto davvero adatto alla pubblicazione. Al riguardo io non ho ancora incominciato (andrò a firmare il contratto a fine mese) ma ho sentito molti loro autori e tutti, senza eccezioni, hanno confermato che ti lucidano, lustrano e scartavetrano il libro per tramutare una pietra grezza in un bel diamantino di cui essere orgogliosi.

Non fate mai l'errore di credere che un auto-editing scrupolo valga quanto quello di un professionista, ho avuto questa presunzione per anni ed ogni volta se dopo tot tempo andavo a rileggere un vecchio scritto mi mettevo le mani nei capelli per l'orrore.

Tutto questo vale il contributo iniziale richiesto all'autore? Per me sì. Ho provato, credetemi, tante e tante piccole case assolutamente free e oltre alla loro buona volontà, gratificante e commovente, certo, ma non questo che io cercavo, non ho trovato altro: editing inesistente, al massimo ti correggevano i refusi e qualche virgola, e la distribuzione non superava mai i siti online, in cui oltretutto molto spesso i libri erano "ordinabili in due settimane".

Non voglio forzare nessuno a vederla come me, ho solo riportato pacificamente la mia opinione di persona grata alla Leone, perché con questo Editore potrò finalmente incominciare davvero il mio percorso di scrittrice così come, opinione mia, ogni autore pronto a scommettere sul serio su se stesso dovrebbe voler fare.  Per avallare questa mia idea, specifico che per me pagare la cifra richiesta non è stata una passeggiata; se firmerò il contratto solo a fine mese è proprio perché devo finire di svaligiare l'ultima banca chiedere prestiti agli ultimi parenti e vendere il vendibile, tipo giochi per la play, serie manga e quant'altro.

 

Infine, concludo con una mia profezia.

La Leone era nata Free, perché ci tiene alla qualità dei prodotti. La sua seconda fase, quella attuale, è di chiedere un contributo, perché ci tiene alla qualità dei prodotti e crede nel suo lavoro al punto di volere una distribuzione di primissima qualità, inattuabile al momento con le sue sole finanze, a meno che non vogliano pubblicare un solo autore all'anno. La terza fase che verrà, ci metto la mano sul fuoco, sarà quella in cui torneranno free e saranno a dir poco inaccessibili, come una vera e propria Big.

 

Cita

 

Li consiglio a tutti perché sono davvero dei bei libri! 

"Calpurnia, l'ombra di Cesare" e "Senza tregua"

 

 

Avevo detto di aver concluso, ma non potevo non rispondere a questo bel messaggio.

Ho avuto modo di chiacchierare con l'autrice di "Calpurnia, l'ombra di Cesare" ed è una persona deliziosa, le farà piacere sapere che qualcuno ha apprezzato tanto il suo libro. Tra l'altro l'ho letto anche io e concordo sulla sua validità, anche se forse sono di parte visto che ho un'intera libreria di romanzi storici sull'Antica Roma xD

 

 

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Bastet concordo con te, sono presenti nella grande distribuzione e questo fa la differenza.

E diciamocela tutta, chi non vorrebbe vedere il suo libro tra gli scaffali della Feltrinelli o della Mondadori?! 

-1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Già, ma non è di certo una questione di gratificazione personale.

Se vuoi veramente rendere la scrittura la tua professione, partendo dal presupposto che i primi anni saranno una lotta e ci vorrà molta costanza ed impegno per far maturare qualche frutto, io credo sia assurdo lasciarsi sfuggire una barca come la Leone, che ti fa salpare dalla sponda su una bella barca solida, non su una bagnarola che rischia di affondare alla prima onda.

-1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si tratta palesemente dei soliti imbonitori. Tra l'altro è anche miope come strategia, perché anche un piccolo editore che pubblica free ha modo di guadagnare bene vendendo le copie allo scrittore. Se questo è uno che si impegna e vende parecchio anche per conto suo, sarà egli stesso a chiedere alla casa editrice altre copie a prezzo scontato ( di solito si va dal 35% al 50%) per poterle vendere nelle manifestazioni. La CE free ottiene lo stesso risultato senza imbrogliare nessuno.

Comunque, a tal proposito, ho scritto un articolo sul mio blog: https://lucacozziblog.wordpress.com/2016/01/12/editoria-a-pagamento-no-grazie/

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 10/9/2013 at 18:26, Guest Lem Mac Lem dice:

 

Cortesemente, vi invito a moderare i termini, perché per illustrare la vostra personale politica editoriale non avete alcun bisogno di affermare la malafede di altri editori, la cui scelta è di non chiedere soldi all'autore, nè per stampa, nè per distribuzione, nè per promozione. Gli editori che si fanno carico di tutto il processo produttivo del libro, facendosi pagare esclusivamente dai lettori, non sono in malafede.

Grazie.

 

Faccio notare ai signori e a tutti i lettori che stampare un libro di 250 pagine, carta 90 gr., copertina plastificata a colori, costa circa 2 euro (stampandone tra le 200 e 300 copie); tale libro lo si vende a 12 euro più o meno.  Fate voi...

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, Toy dice:

 

Faccio notare ai signori e a tutti i lettori che stampare un libro di 250 pagine, carta 90 gr., copertina plastificata a colori, costa circa 2 euro (stampandone tra le 200 e 300 copie); tale libro lo si vende a 12 euro più o meno.  Fate voi...

A prescindere da tutto ciò che hai detto, hai letto mai loro libri? Per sapere se sono meritevoli o no di certe spese. Grazie

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La qualità del libro non è un parametro rilevante. Ci mancherebbe ancora che sborso 3-5 mila euro e mi rimangono in mano le pagine o ci sono dei refusi grandi come una casa.

Ci sono CE totalmente free che fanno prodotti meravigliosi.

Il concetto alla base è sempre: vuoi pagare cifre importanti (3 zeri...) o non vuoi farlo? Fine. E non sto a giudicare chi lo fa o chi non lo fa, non mi interessa.

Però non mi parlate di qualità del prodotto finito perché la do per scontata, se no che sia free, a pagamento, o doppio binario, vado a trovare l'editore a casa sua.

In quanto alla distribuzione, io giro molte librerie e ci passo le ore. Di essere stato assalito dai libri Leone Editore non ho ricordi. Forse nelle librerie della zona dell'autore...e grazie quello lo fanno quasi tutti.

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
17 minuti fa, Pennywise dice:

La qualità del libro non è un parametro rilevante. Ci mancherebbe ancora che sborso 3-5 mila euro e mi rimangono in mano le pagine o ci sono dei refusi grandi come una casa.

Ci sono CE totalmente free che fanno prodotti meravigliosi.

Il concetto alla base è sempre: vuoi pagare cifre importanti (3 zeri...) o non vuoi farlo? Fine. E non sto a giudicare chi lo fa o chi non lo fa, non mi interessa.

Però non mi parlate di qualità del prodotto finito perché la do per scontata, se no che sia free, a pagamento, o doppio binario, vado a trovare l'editore a casa sua.

In quanto alla distribuzione, io giro molte librerie e ci passo le ore. Di essere stato assalito dai libri Leone Editore non ho ricordi. Forse nelle librerie della zona dell'autore...e grazie quello lo fanno quasi tutti.

Sì, ma allo stesso modo non si può fare di tutta un'erba un fascio, facendo passare tutte le CE free come benedizioni del cielo, perché alcune hanno anche affossato i propri autori con prodotti scadenti.

Mah, io in tutte le Mondadori, Feltrinelli in cui sono stato ho trovato tanti titoli di questa casa editrice. Ne ho letti parecchi, tutti acquistati nelle librerie prima citate e ben esposti (di autori siciliani, abruzzesi, laziali, piemontesi, lombardi, ecc...)

Poi ognuno ovviamente la pensa come vuole. Io leggo di tutto, che sia un CE free, doppio binario o a pagamento. Se il prodotto è buono io lo compro a prescindere. Quindi se trovo libri meravigliosi di CE free li compro a occhi chiusi, come posso comprare quelli della Leone, o di altre CE più blasonate.

Tutto qua. 

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Pure io come lettore non mi sto a informare se il libro che sto comprando appartiene a una CE free o a pagamento.

E' come scrittore che mi pongo la questione :)

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
13 minuti fa, Pennywise dice:

Pure io come lettore non mi sto a informare se il libro che sto comprando appartiene a una CE free o a pagamento.

E' come scrittore che mi pongo la questione :)

Certo. In questo sono perfettamente d'accordo. L'importante è scegliere la CE che più ci aggrada e che possa rendere il nostro prodotto al meglio e appetibile per il lettore. ;)

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Torno a riportare finalmente la seconda parte della mia esperienza.

Pochi giorni fa sono andata a firmare e sono rimasta entusiasta del colloquio: persone professionali, gentili, serie e rampanti. Editori che vogliono pubblicare Prodotti con la lettera maiuscola, mi hanno rimarcato più volte la lunga fase di editing, i continui ricontrolli effettuati prima di procedere con la stampa, e questi Prodotti vogliono poi vederli distribuiti sul serio. Non solo online e, se va bene, ordinabili in qualche grande libreria, ma presenti fisicamente sugli scaffali di Mondadori e Feltrinelli in tutta Italia.

Come già detto, sono una Casa editrice ancora di media grandezza che già punta alla qualità e la distribuzione delle Big. Se al momento per farlo necessitano della collaborazione degli autori, io condivido la loro visione e sono felice di appoggiarli.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciao a tutti,

ho appena ricevuto una proposta da Leone, confermo la richiesta della "disponibilità al pagamento" delle spese di promozione di circa 5000€ a carico dell'autore.

Devo ammettere che la proposta non è male se si pensa alla distribuzione con Messaggerie e quindi la reale possibilità di ritrovarsi sugli scaffali della Feltrinelli.

Inoltre l'editing è compreso e sembrano disposti a trattare sul prezzo.

Il mio testo è stato inviato presso le maggiori case editrici già da due anni ormai e nessuna si è fatta viva. Piuttosto che vederlo finire in un cassetto sarei disposto a tutto anche se 5.000€ sono davvero tanti.

Voi che fareste?

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
16 minuti fa, albfla dice:

ciao a tutti,

ho appena ricevuto una proposta da Leone, confermo la richiesta della "disponibilità al pagamento" delle spese di promozione di circa 5000€ a carico dell'autore.

Devo ammettere che la proposta non è male se si pensa alla distribuzione con Messaggerie e quindi la reale possibilità di ritrovarsi sugli scaffali della Feltrinelli.

Inoltre l'editing è compreso e sembrano disposti a trattare sul prezzo.

Il mio testo è stato inviato presso le maggiori case editrici già da due anni ormai e nessuna si è fatta viva. Piuttosto che vederlo finire in un cassetto sarei disposto a tutto anche se 5.000€ sono davvero tanti.

Voi che fareste?

Con una cifra simile pago tre agenzie pubblicitarie e per circa un mese il libro lo vedrei ovunque.

Personalmente proverei a mettermi in contatto con l'ufficio stampa e marketing di messaggerie e sentire quanto costerebbe essere distribuiti da loro, come privato.

Magari risparmi qualcosa!

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@albfla Io ci penserei bene, perché in pratica va a finire che con 5000 euro te lo stai pubblicando da solo e loro ci mettono solo il marchio. Che spese sostengono, per chiederti una cifra così alta? E poi è a copertura parziale? Spero di sì altrimenti ribadisco il concetto espresso nella prima riga ma se così non fosse, cavolo, quante copie hanno deciso di stamparti, un milione?

Comunque sia, il problema è sì arrivare sugli scaffali giusti ma anche non restarci, perché raggiungere le librerie non vuol dire automaticamente vendere. In parole povere, pago 5000 euro (quindi non vado alle Maldive), finisco nelle librerie, ok ma adesso? Nessuno mi conosce. L'editore mi sosterrà oppure una volta intascata la somma si dileguerà e lascerà fare tutto a me? Magari organizza una serata di presentazione e tanti saluti. 

Dovresti analizzare meglio il contratto, magari ne vale davvero la pena ma io per esperienza ho imparato a dubitare di chi chiede soldi e soprattutto così tanti.

Scegli per il meglio, con la testa e non con il cuore, stavolta.

2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusate ma mi intrometto di nuovo nella conversazione. Parlando con una dozzina di loro autori ho appreso che hanno venduto oltre le mille copie tutti. Nella Mondadori della mia città li trovo sempre ben esposti, in allegato vi metto le foto che ho trovato da me e spulciando la loro pagina facebook. Organizzano presentazioni e firma copie relazionandosi con i propri autori. Poi certo, lo scrittore deve darsi da fare a prescindere. Pensate che un Carrisi venda standosene con le mani in mano? Detto ciò ognuno scelga quel che ritiene più opportuno fare per il suo bene. Perché a prescindere da free, doppio binario, EAP, e via dicendo, la scelta deve cadere su una CE seria. Con questo concludo e auguro un in bocca al lupo a tutti, qualsiasi scelta voi facciate! :D

4.jpg

3.jpg

2.jpg

1.jpg

7.jpg

6.jpg

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Beppecoraggio sicuramente! Onestamente ho a che fare con il mondo dell'editoria da un po e inizio a credere che qualcosa bisogna investirla (non queste cifre). 

La cosa che mi ha avvicinato a questa casa editrice è il lavoro di editing che sembra avere un notevole peso. Se fossero semplicemente interessati ai soldi pubblicherebbero senza perdere molto tempo su ogni lavoro invece l'editing viene fatto ed effettivamente i loro titoli sono in libreria. E' indubbio che da questo a vendere davvero ce ne passa ma loro dicono che la cifra è destinata unicamente alla promozione. Proverò a trattare (anche perchè non dispongo di quella somma).

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

credete che Messaggerie distribuisca a pagamento un libro pubblicato in autonomia in Feltrinelli? Io non credo.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, albfla dice:

@Beppecoraggio E' indubbio che da questo a vendere davvero ce ne passa ma loro dicono che la cifra è destinata unicamente alla promozione.

Non so esattamente come funzioni questo mondo, magari è così che funziona, ma così mi sembra un po' troppo facile. Forse mi sbaglio, ma credo che in questo modo sarebbero capaci tutti a fare gli editori.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
15 minuti fa, albfla dice:

@Beppecoraggio sicuramente! Onestamente ho a che fare con il mondo dell'editoria da un po e inizio a credere che qualcosa bisogna investirla (non queste cifre). 

La cosa che mi ha avvicinato a questa casa editrice è il lavoro di editing che sembra avere un notevole peso. Se fossero semplicemente interessati ai soldi pubblicherebbero senza perdere molto tempo su ogni lavoro invece l'editing viene fatto ed effettivamente i loro titoli sono in libreria. E' indubbio che da questo a vendere davvero ce ne passa ma loro dicono che la cifra è destinata unicamente alla promozione. Proverò a trattare (anche perchè non dispongo di quella somma).

Per l'editing ti confermo che è fatto in modo professionale, avendolo constato in prima persona (iniziato il 20 di aprile e terminato il 10 di giugno). @Tina34 Al giorno d'oggi con la crisi e il mondo pieno di scrittori promuovere un esordiente ha un rischio altissimo. Se uno desidera editing, correttore di bozze, promozione, partecipare alle fiere, firma copie, organizzazione di presentazioni, presenza nelle librerie, stampa, grafica e distribuzione gratis. Beh penso che quello resti circoscritto nel mondo delle favole. Anche a me piacerebbe pubblicare free ed essere pubblicizzato o almeno arrivare in libreria con un libro ben editato. Ma ciò succede alle veline, ai pregiudicati o ai quei rari casi in cui s'impone il talento in modo esplicito. Purtroppo la realtà editoriale italiana è questa. Ripeto: free, doppio binario o EAP serie avranno sempre dei pro e dei contro. Sta a noi decidere quello che vogliamo. Ognuno sceglie la strada che preferisce percorrere ritenendola la migliore. 

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi unisco a  baffoloco per riportare la mia testimonianza in fatto di distribuzione, visto che ora è questo su cui si sta discutendo.

 

Ecco una foto esplicativa che parla da sola.

Scattata nella Mondadori di Via Cola di Rienzo, Roma. Per chi non fosse pratico della città, Cola di Rienzo è una delle strade centrali e la seconda commerciale più importante e frequentate dopo via del Corso.

Ma simili tabelloni, uniti ovviamente a “semplici” volumi della Leone ben disposti sugli scaffali, li ho visti in tutte le altre Mondadori della città, più quella dell’enorme outlet sorto appena al di fuori, Parco Leonardo.

Riconosco invece che le Feltrinelli della capitale sono più reticenti, quelle centrali in cui sono solita andare non hanno esposti i libri della Leone, ma li rendono comunque ordinabili in pochi giorni. Mentre, checché ne sognino gli autori, quelli di qualsiasi altra casa editrice che non sia Mondadori o Salani o Rizzoli, anche se magari potrebbero non te lo ordineranno mai.

Invece nelle Feltrinelli di Verona e Ravenna i libri della Leone li ho trovati in abbondante numero sugli scaffali, quindi ho presupposto siano stron ostiche per principio quelle di Roma. Ma di certo non devo stare a dire io che è una piccolezza, parliamo sempre di un Editore a cui in poco tempo è riuscito di entrare nel circuito di distribuzione delle Big.

 

L’editing, poi. Più ancora che per la distribuzione, è stato il lavoro di editing a farmeli apprezzare. In tutti i loro libri che ho letto la scrittura è pulitissima, scorrevole, un vero piacere per gli occhi. Non troverete traccia di refusi neppure a cercarli con la lente d’ingrandimento, ma, ancora di più, si nota quanto il testo  sia stato scartavetrato a fondo per renderlo impeccabile.

In modo anche spietato, volendo. La prima regola del buon editing è questa per quanto un autore piagnucoli, bisogna essere pronti ad eliminare pure la sua scena preferita se non fila bene o non si incastra alla perfezione nell’opera generale.

 

Detto questo è inutile stare a ripetersi: ognuno la vede come vuole, io, di mio, rinuncerei alle vacanze non una ma cento volte per incominciare con il piede giusto il mio percorso editoriale. In un mondo più facile, morbido e rosa non bisognerebbe pagare per garantirselo, sono d'accordo, tuttavia il nostro è questo qui, quindi tanto vale adattarcisi. La leone ora come ora deve chiedere il contributo per riuscire a pubblicare più di singolo autore all'anno, solo così altrimenti riuscirebbe ad accollarsi da sola tutte le spese, perché ad un editore costa uno sproposito girare tutte le librerie del paese e convincerle ad inserire i suoi libri nel catalogo.

Ribadiamo solo che la Leone chiede un supporto all’autore per la distribuzione, unicamente per essa, ed ogni singola Mondadori e Feltrinelli d’Italia sono una prova vivente che non lo fanno per imbrogliare l’autore, quanto per garantire una distribuzione da Big.

Quindi la preparazione dell’opera con l’editing è eccellente, ed eccellente è anche la fase di post-pubblicazione. Se l’autore si dimostra disposto a prendere un po’ di treni, la Leone gli organizza firma copie, incontri, presenza ad ogni fiera immaginabile in ogni città e cittadina a cui vi potrebbe venir in mente di pensare.

 

Esposto il mio punto di vista, mi eclisso con grazia :quokka:

12479115_1690611247864877_1879212299_n.jpg

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunitày. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora