• Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Ospite Linda Rando

Fermento

12 risposte in questa discussione

a conoscervi prima avrei evitato le spese di spedizione..

è arrivata anche a me la loro mail

che rabbia

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Copio incollo la proposta che hanno fatto a me. Degna di nota appare la frase "i protagonisti sono efficaci perchè agenti attivi nella vicenda". A parte il fatto che essere "agenti", già di per sè, indica l'azione, ma poi si è mai visto che dei protagonisti subiscano passivamente la vicenda?

Gentile Sig.ra ,

abbiamo letto con molto interesse il suo manoscritto e riteniamo che sia meritevole di pubblicazione.

E' una storia coinvolgente che propone varie chiavi di lettura e a diversi livelli. I protagonisti sono efficaci perché agenti attivi nella vicenda. Lo abbiamo trovato vero e figlio del nostro tempo. Il linguiaggio essenziale e asciutto non lascia adito a errate interpretazioni del testo.

Sarà necessaria una certa attività di editing per dare uniformità e maggiore fluidità ad alcuni passaggi, e probabilmente bisognerà limare qualche descrizione eccessivamente retorica. Nel complesso, comunque, riteniamo il libro di buon livello.

La Fermento è molto attenta alla promozione e alla distribuzione, che avviene su scala nazionale in tutte le librerie Mondadori retail della penisola, nelle librerie Feltrinelli e nelle principali librerie di zona. In sei anni di attività abbiamo pubblicato molti “esordienti”, portandone al successo diversi. Quasi tutti i nostri Autori hanno con noi pubblicato vari titoli: Pietro Borromeo addirittura sette; Ronsivalle cinque; chi tre, chi due. Insomma il nostro lavoro è scoprire nuovi talenti e portarli al successo. Per far questo, tra le altre cose, produciamo, a scopo promozionale, un book-trailer (un video TV) per ogni romanzo pubblicato e li diffondiamo anche attraverso www.bookchannel.it la WEBTV interamente dedicata ai libri e al piacere di comprarli.

Martedì 2 giugno 2009, la nostra Autrice Valeria Palumbo è stata protagonista, col suo libro "L'ora delle ragazze Alfa", della trasmissione COMINCIAMO BENE su RAI3, condotta da Michele Mirabella. Davvero un successo. Due ore di presenza in TV a parlare del libro. Il 12 giugno è apparso sul venerdì di Repubblica, segnalato da Corrado Augias, una recensione al libro di F. Sorrentino "Luna fritta". Il 23 giugno intorno Sorrentino è stato intervistato da Radio 1 Rai all'interno della trasmissione Nudo e crudo. E questo è solo una parte di quello che facciamo per promuovere i nostri libri.

Una casa editrice si deve però misurare col mercato e in anni di attività abbiamo dovuto prendere atto dell'estrema povertà di esso: la media di vendita di un libro in Italia è quattrocento-cinquecento copie. Un articolo uscito su Repubblica, dal titolo "Gli italiani non leggono - è uno spreco di tempo", riporta i risultati di un'indagine dall'ultima ricerca dell'istituto Ipsos per conto della Mondadori: il 62% degli italiani dichiara di non aver letto un libro dall'inizio dell'anno.

Già sessant'anni orsono Hemingway pronunciò una frase emblematica: "Metà degli italiani scrive; l'altra metà non legge". Ed è vero!

Per tutti i motivi sopra esposti, però, nostro malgrado, siamo costretti a chiedere all'Autore un contributo economico di tremilacinquecento euro quale supporto alle spese di stampa, promozione e distribuzione. Il mercato attuale ci ha recentemente costretto ad agire in questo modo perché la media di venduto è di 400-500 copie per ogni libro pubblicato (dati AIE). E in Italia si pubblicano circa 60.000 (sessantamila!) titoli ogni anno.

Il mercato editoriale ormai è diventato simile a quello della Formula 1: se vuoi guidare una macchina competitiva devi presentarti alla scuderia con uno sponsor. Se non hai lo sponsor devi far fronte personalmente. Non è un caso che quasi tutti i piloti di F1 provengono da famiglie facoltose. Questo non toglie nulla all'abilità e alla professionalità dei piloti. Vista la povertà del mercato è solo un sistema per accellerare enormemente i tempi di approdo presso una buona "scuderia".

La Fermento non pubblica libri a pagamento, non vende le copie ai suoi Autori, non pubblica 100 titoli l'anno, ma solo 15, selezionando, tra circa 500 manoscritti che riceve ogni anno, quelli che ritiene migliori e con più possibilità di successo commerciale. Da lunedì 22 giugno è partita una campagna pubblicitaria su www.internetbookshop.it (il più grande portale di vendita libri online) su un gruppo di titoli che intendiamo spingere. Il contributo serve anche a questo, in un mercato dove la media di venduto è di 400-500 copie per ogni libro pubblicato (dati AIE). E in Italia si pubblicano circa 60.000 (sessantamila!) titoli ogni anno.

Ringraziandola per la preferenza accordataci e in attesa di sentirla e magari potere conoscere personalmente per discutere i vari aspetti contrattuali, ci è gradita l'occasione per salutarla cordialmente.

(editore)

Fermento

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Infatti mica "pubblicano libri a pagamento", chiedono solo un "contributo" economico di TREMILACINQUECENTO euro quale supporto alle spese di stampa, promozione e distribuzione... :twisted:

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Scusate, ma che ci fa questa in doppio binario? :) E' un errore?

Penso proprio di sì :/

Sposto.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si sarà sparsa la voce che sono a doppo binario perchè non tutti sono disposti ad ammettere di aver pagato.Quando stavo alla Fiera del libro di Roma, c'era un ragazzo che distribuiva volantini del suo libro edito dalla Fermento. Io non ho resistito ed ho chiesto:

"Hai sborsato 3.500 euro per il tuo libro?".

Il tizio è diventato tutto rosso e ha risposto che a lui non hanno chiesto niente, se ne è convinto lui...

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tipico di chi pubblica a pago.

Ho come l'idea che la pubblicazione a pagamento è come il sesso a pagamento: uno gode lo stesso, consapevole che non è la stessa cosa, e poi si vergogna di dire che ha pagato per farlo, anche se in cuor suo crede di non aver fatto nulla di male perché in fondo è convinto che lo facciano un po' tutti...

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve

mi accodo alla già lunga lista di malessere, aggiungendo un sentimento personale: mi dispiace proprio: gli autori giovani, i titoli freschi, mi avevano bene impressionato.

Ho ricevuto una doccia d'acqua gelata al fonema: tremilacinquecentoeuro-quale-supporto-alle-spese-di-stampa.

No comment!

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il link è ancora attivo ma il sito è vuoto e non è reperibile su altri indirizzi. Archivio.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunitày. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora