Banner_Sondaggio.jpg

  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Gadriel88

Editfloor

123 risposte in questa discussione

Per chi volesse partecipare al Contest segnalo che le istruzioni sul sito non sono corrette.

Vuoi mettere il tuo talento Nero su Bianco? Inizia a scrivere e dimostra la tua creatività nel continuare il testo in incipit. Il solo limite che avrai è la lunghezza: tre cartelle. Sessanta righe a tua disposizione , 3 cartelle, ciascuna contenente 30 righe di testo da 60 battute l’una, per un totale di 1.800 battute per esprimere raccontare, descrivere ciò che noi di EditFloor non abbiamo avuto il tempo di immaginare. Scarica il brief ( Non c'è alcun brief da scaricare) e inviaci il tuo componimento in formato word a: nerosubianco@editfloor.it entro e non oltre il 20 ottobre 2012 ore 10. I trenta migliori componimenti saranno pubblicati da EditFloor nella Raccolta Speciale Nero su Bianco che verrà editata nel corso del 2013 e promossa attraverso BookTrailer ed evento.

Queste delucidazioni me le ha mandate la redazione via mail, dietro mia richiesta. Sono stati davvero veloci e precisi nel rispondermi, considerato che la mail l'ho inviata ieri sera tardi e la risposta è arrivata stamattina presto**

Mi sa di serietà v.v

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao ragazzi!!!

Questa mattina ho ricevuto una mail dall'agnezia EditFloor per quanto riguarda il contest "Nero Su Bianco". Io avevo mandato il mio racconto, ma la mail mi era tornata indietro, così gli ho scritto per delle informazioni e loro mi hanno detto che hanno avuto dei problemi con la mail nerosubianco@editfloor.it di rimandare tutto il materiale alla mail redazione@editfloor.it !!!

Hanno prolungato un po' il termine di scadenza visti i problemi e c'è tempo ancora fino al 31 ottobre...

Io quindi rimando tutto e incrocio le dita!!! ;-)

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti,

riporto la mia bella esperienza con questa agenzia letteraria!

A settembre ho inviato a EditFloor un mio romanzo per avere una scheda di valutazione, gratuita perché c'era in corso una promozione.

Dopo poco, sono stata contattata telefonicamente dall'editor di Editfloor perché il romanzo era piaciuto e l'agenzia voleva offrirmi un contratto di rappresentanza, senza alcuna spesa di editing, o altro, da parte mia.

Non vi dico la mia emozione...

Ho fatto un salto a Roma e ho incontrato le ragazze di questa bella e giovane realtà. Sono piene passione, credono tanto in quello che fanno e negli autori che vogliono prendere sotto la loro ala. Abbiamo parlato del loro lavoro, dei miei progetti di scrittura, di come procederemo insieme nella correzione del libro e di tutti gli altri step successivi all'editing eccetera.

Mi seguiranno passo dopo passo, mi coccoleranno, mi supporteranno ed è proprio quello che speravo di trovare.

L'impressione che ho avuto è stata ottima, perciò ho deciso di farmi rappresentare da loro.

Vi terrò aggiornati sugli sviluppi!

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Complimenti e auguri, Eledie! Tu sai qualcosa di più circa la rappresentanza, cioè con quali CE sono in contatto?

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi compiaccio, Eledie! Qual è il tuo genere di scrittura?

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ali,

per quanto riguarda la rappresentanza, Editfloor ha tutto l’interesse a trovare i migliori editori per i suoi autori, editori che siano ben distribuiti e interessati a promuovere il romanzo, al fine di dargli la visibilità necessaria per poter essere venduto.

A seconda della tipologia del libro e della corrispondenza con la linea editoriale delle case editrici, l’agenzia deciderà insieme all’autore di sottoporre il romanzo a un editore piuttosto che a un altro, tutti editori che ovviamente non chiedono alcun contributo economico all’autore.

Essendo una realtà neonata, al momento Editfloor non ha autori rappresentati da mettere in “vetrina”, che abbiano pubblicato grazie a loro, e quindi non puoi avere un riscontro sulle case editrici con cui l'agenzia è riuscita a far pubblicare i suoi autori.

Sefora, Il mio romanzo è un urban fantasy/YA.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao ragazzi! Rieccomi... volevo sapere se qualcuno ha mandato il materiale alla fine.

Luna tu sei stata poi contattata da Editfloor??? Tra l'altro mi servirebbe proprio un vostro parere perchè ho notato che su Facebook hanno annunciato uno sconto e la scheda di valutazione costa 150 euro anzichè 230...quindi se mi dite che è valida faccio questo investimento!!!!

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Un saluto a tutti ragazzi. Sono Chiara De Persio, responsabile dell'agenzia letteraria Editfloor. Intervengo qui per presentarvi l'agenzia e cercare di chiarire tutti i vostri dubbi.

Editfloor è una realtà nuova, con uno staff giovane, dinamico e molto motivato. Abbiamo deciso di investire il nostro tempo su autori giovani, talentuosi e originali e ci proponiamo di guidarvi nella ricerca della collocazione più giusta per voi all'interno del panorama editoriale.

Le nostre schede di valutazione sono a pagamento perché non restano generiche, ma in esse vi forniamo consigli su come intervenire sul testo per migliorarlo, senza pretendere di fare noi l'editing. L'editing è, comunque, uno dei servizi che offriamo.

Per quanto riguarda il servizio di rappresentanza, potete contattarci inviandoci i primi due capitoli del vostro scritto corredati di sinossi e dal vostro curriculum letterario; se il vostro testo sarà considerato da noi editevole, vi contatteremo a nostra volta per comunicarvi la nostra proposta di rappresentanza. L'autore non dovrà sostenere nessun costo, salvo riconoscerci una percentuale dei diritti che la casa editrice gli riconoscerà nel contratto di edizione. Attualmente siamo alla ricerca soprattutto di gialli e di women romance.

Per quanto riguarda, invece, le case editrici con cui siamo in contatto, come vi ha giustamente spiegato Eledie, non c’è casa editrice che non prenda in considerazione (salvo abbia già chiuso il proprio piano editoriale per l’anno di riferimento) un manoscritto inviato “a dovere” da una Agenzia letteraria, che sia, cioè, coerente con la linea editoriale e la cui lettera di accompagnamento sia scritta correttamente e contenga una breve e accattivante presentazione di autore e opera. Inoltre il manoscritto deve essere inviato, solo se richiesto, e comunque accompagnato da sinossi (anch’essa ben scritta e accattivante ) e magari da un riassunto dei capitoli così da consentire a chi ha poco tempo e spesso nessuna voglia di leggere, di comprendere velocemente se c’è una trama e uno sviluppo narrativo che possono interessarlo. Premettendo che ovviamente siamo contrarie a qualsiasi forma di editoria a pagamento, essendo una realtà neonata, Editfloor non ha ancora nomi da poter mettere in vetrina ma può con serenità affermare che per tutti gli autori che rappresenta ha già messo a disposizione mezzi, risorse, competenze e che sono già tutti in valutazione presso gli editori.l’Agenzia, che investe in prima persona sul proprio autore, ha tutto l’interesse a trovare un editore ben distribuito e interessato a impegnarsi nella promozione al fine di dare al libro la visibilità necessaria per poter essere venduto.

Se avete altre domande sarò lieta di rispondervi. Questa discussione può, infatti, costituire un efficace mezzo tramite il quale poterci confrontare con voi.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve Chiara,

Ti faccio i complimenti innanzitutto per la disponibilità ( non è da tutti mettersi in gioco in un forum di esordienti ) e per il vostro sito, che devo ammetterlo si presenta molto bene.

Vorrei porti un paio di domande, dato che ti sei resa disponibile a rispondere; la prima riguarda gli autori: non avete autori sul sito perché ancora non ne rappresentate alcuno o per vostra specifica strategia? Perché capisci, questo può destare molte perplessità, è importante avere le schede degli autori per dimostrare il lavoro che si è fatto a nuovi potenziali clienti che devono decidere se scegliere voi o meno: sono come le foto dei lavori svolti in altre case da una ditta di infissi; ma comunque questa è una mia personale opinione.

Seconda domanda: come procedete all'invio? Tu hai detto che tutti vi prendono in considerazione: quindi inviate prima alle big, poi alle medie e così via, oppure proponete a tutti indistintamente, oppure adottate altri "piani"?

Ti ringrazio anticipatamente per le eventuali risposte.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve Chiara, grazie per l'intervento. C'è però una piccola discrepanza fra quanto hai scritto nel post e quanto mi avete scritto un paio di settimane fa nella mail informativa. Infatti, nella mail mi avevate scritto che entro dieci giorni dall'invio del materiale da parte dell'autore inviate una risposta sia in caso di esito positivo (ovvero, per richiedere l'intero manoscritto), sia in caso di esito negativo (ovvero, i primi due capitoli non vi hanno motivato a richiedere il testo integrale). Invece da questo post mi pare di capire che rispondete solo in caso di esito positivo. In effetti, io vi ho inviato i primi due capitoli del mio romanzo (purtroppo nulla a che vedere con gialli o woman romance) e ad oggi non ho avuto risposta alcuna.

Un saluto

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno,

innanzi tutto approfitto di questa sede per scusarmi ufficialmente con Nahar e con tutti coloro che ci hanno inviato materiale nell'ultimo mese e ai quali non abbiamo risposto nei termini promessi, ma le vacanze natalizie hanno rallentato il nostro lavoro. Mi impegno personalmente a dare riscontro a tutti entro la fine di questa settimana.

In merito alla presunta discrepanza a cui fa riferimento Nahar, evidentemente è mancata un po' di chiarezza nel mio intervento precedente; colgo quindi l'occasione per spiegarmi meglio: nel caso in cui siate interessati a proporci materiale da valutare ai fini di una rappresentanza, dovrete inviarci una breve sinossi e primi 2 capitoli della vostra opera, corredati da curriculum letterario. Entro 10 giorni riceverere un nostro riscontro (anche se negativo) e, laddove l’Agenzia fosse interessata al vostro scritto, la richiesta di invio dell'opera completa. Nei successivi 30 giorni procederemo a valutare l’opportunità di rappresentarvi e nel caso decidessimo in tal senso, provvederò io stessa a contattavi per sottoporvi la nostra proposta. Questa a grandi linee consiste nell' assunzione da parte di Editfloor dell'impegno a ricercare la giusta casa editrice che possa condividere con noi l’ intento di far approdare il vostro lavoro tra gli scaffali delle librerie. Chiaramente non prima di aver concordato e apportato al testo tutte quelle modifiche finalizzate al perfezionamento dell’opera. Saremo infatti noi a prenderci carico dell’editing e di tutto quanto necessario per poterla presentare agli Editori. Vi assisteremo legalmente e vi affiancheremo successivamente nell’operazione di promozione del libro. Come certamente saprete, il problema non è tanto quello di trovare un editore che pubblichi un buon manoscritto quanto piuttosto un editore, ben distribuito, che si impegni a promuoverlo: è solo dando la giusta visibilità ad un autore e ai suoi lavori che si può sperare di guadagnarci qualcosa e di trasformare quindi una passione in un mestiere. L'appartenenza del marchio Editfloor ad un importante network di comunicazione, Glam Group, garantisce all’Agenzia di potervi supportare quindi anche nella fase di promozione, attraverso una pianificazione strategica di tutte le azioni necessarie a tal fine.

Saremo al vostro fianco, mettendovi a disposizione le nostre competenze e consigliandovi nel percorso di costruzione della vostra carriera di scrittori e, in quanto vostri agenti, ci dovrete semplicemente una percentuale dei diritti che vi verranno riconosciuti, in un eventuale contratto di edizione, sulle copie vendute.

Sperando di aver chiarito la questione, procedo a spiegarvi le motivazioni che si celano dietro alla mancanza di indicazioni sul nostro sito circa autori rappresentati e editori con i quali siamo in contatto, nonchè il nostro modus operandi in fase di presentazione dei lavori alle case ditrici.

E' necessaria una premessa che rappresenta fra l'altro il motivo principale della carenza di cui sopra: il sito che è attualmente on line non è il nostro sito definitivo. Stiamo lavorando a un progetto di più ampio respiro che spero possa riscontrare i vostri consensi e risultare un utile strumento di lavoro anche per voi. Non svelo altro perchè è tra le sorprese che vi abbiamo promesso per questo nuovo anno. Seguiteci anche sulla nostra pagina facebook e su twitter, lì vi terremo informati.

Entrando comunque nel merito delle osservazioni di Nyamekye, di seguito con piacere rispondo alle domande che mi ha posto:

- ad oggi Editfloor rappresenta 6 autori, non ancora pubblicati a seguito di nostro intervento ma i loro lavori sono in valutazione presso le case editrici alle quali li abbiamo presentati.

Il nuovo sito sarà strutturato in modo da garantire la giusta visibilità ai nostri rappresentati e tenerli sempre aggiornati sulle attività che li riguardano, promosse dall'Agenzia;

- per quanto riguarda la scelta delle case editrici a cui presentare un autore, questa avviene a seguito di un attento lavoro di valutazione, che tiene in considerazione gli obiettivi che abbiamo fissato con i nostri autori nonchè la linea e il piano editoriale delle case editrice: il nostro ufficio stampa è costantemente aggiornato sulle novità in uscita nonchè sulla pianicazione dell'anno successivo a quello di riferimento. Vi faccio un esempio: sapendo che la casa editrice y ha chiuso il piano editoriale per l'anno 2013 e che pubblicando un numero determinato di esordienti nella collana di narrativa italiana ha già in valutazione italiani per il 2014, a questa presumibilmente non proporremo alcunchè.

Al contrario sapendo che il piano editoriale del 2013 non è ancora chiuso e che è ancora scoperta una determinata collana è chiaro che avendo tra le mani un titolo adatto non esiteremo a contattare l'editor di riferimento per proporglielo.

Conoscendo il piano editoriale di una casa editrice siamo anche in grado di presumere il tipo di impegno che questa ci garantirà in fase di promozione del nostro autore: è chiaro che se la casa editrice ha deciso di puntare su due/tre titoli non avrà molto budjet da investire su di "noi" e a quel punto quindi valuteremo con l'autore se è il caso di prenderla in considerazione o meno.

La valutazione viene fatta sia nei confronti delle grandi che delle piccole/medie case editrici. E questo perchè la maggior parte delle volte, per un esordiente, è preferibile lavorare al primo romanzo con una casa editrice piccola/media, che "bruciarsi" con il grande marchio per il quale la vendita di 2.000/3.000 copie può rappresentare un insuccesso.

Spero di essere stata sufficientemente chiara e aver risposto a tutto. Resto comunque a disposizione.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Che dire...fossero tutte così le Agenzie letterarie! Per ora incrocio le dita, sperando di ricevere entro fine settimana una risposta positiva da parte vostra.

Un saluto

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Confermo la serierà della casa editrice, EditFloor: mi hanno risposto entro i tempi indicati. Sono molto cortesi, le condizioni dei servizi offerti sono molto chiare.

Ho una domanda per Chiara: in che senso per un esordiente è preferibile lavorare al primo romanzo con una casa editrice piccola/media, piuttosto che "bruciarsi" con il grande marchio? Se in effetti la grande casa editrice considera un insuccesso la vendita di 2000-3000 copie, per un esordiente non è da considerarsi invece un successo una tale quantità di libri venduti?

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Le 2.000/3.000 copie sono di certo un buon risultato per un esordiente e per un editore indipendente. Il grande marchio, al contrario, lavora con numeri totalmente differenti, sforna best-seller e investe cifre che la piccola e media editoria non possono assolutamente permettersi. Il grande marchio è oggi obbligato a seguire dinamiche principalmente commerciali e credo che, prima di entrare a far parte di una macchina votata a sfornare "prodotti", sia preferibile farsi le ossa e imparare a conoscere i meccanismi che muovono il mercato editoriale, in una dimensione che sia più "a misura di scrittore".

Ma questa è una semplice, e se vogliamo anche un po' banale osservazione, che ho puntualizzato al solo scopo di farvi comprendere che nella scelta dell'editore al quale mandare il proprio manoscritto entrano in gioco numerosi fattori che è bene conoscere e saper valutare.

Non so se posso permettermi in questa sede (e nel caso stia commettendo violazione del regolamento mi scuso in anticipo e prego chi di dovere di segnalarmelo) e spero di non creare problemi a nessuno, ma visto l'argomento di cui si sta parlando credo sia per voi interessante sapere che stiamo organizzando nella nostra sede di Roma un seminario proprio finalizzato a illustrare le dinamiche di cui parlavo poc'anzi. In particolare abbiamo invitato un editor di narrativa italiana di Feltrinelli e l'Editore della casa editrice romana Round Robin Editrice a raccontare come avviene la scelta di un titolo da pubblicare. Forniranno utili consigli in merito alla selezione delle CE alle quali inviare il proprio lavoro e ai modi di invio. Spiegheranno come evitare di farsi cestinare ancor prima di essere letti e soprattutto analizzeranno l'andamento del mercato editoriale relativamente alla narrativa italiana e l’approccio delle rispettive realtà nei confronti di autori esordienti. L’incontro costituirà un’opportunità per confrontarsi con gli addetti ai lavori e per scoprire secondo quali criteri un manoscritto viene preso in considerazione e valutato da chi lo riceve. Si terrà di sabato, probabilmente il 9 febbraio. Consiglio a chi fosse interessasto, di tenere d'occhio la nostra pagina fb e il sito perchè a breve pubblicheremo tutte le relative informazioni.

Spero di essere stata utile e resto a disposizione per qualsiasi altro dubbio o curiosità.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve Chiara De Persio,

mi unisco a chi prima di me vi ha già fatto i complimenti: anche a me la vostra sembra una realtà interessante e promettente, per cui vi faccio i miei migliori auguri. Vista la disponibilità, porrei due quesiti, premettendo la mia completa ignoranza in materia di editoria (uno dei motivi per cui sono sul forum è appunto ridurla). Nel caso non fosse possibile rendere pubbliche le risposte - o per politiche vostre o perché il Regolamento del forum lo vietasse e mi fosse sfuggito -, mi scuso in anticipo e come non detto.

1. Quanto prende Editfloor sulle percentuali delle vendite dell'autore? E' una cosa fisse o varia da contratto a contratto (e magari a seconda dell'editore con cui riuscite a far pubblicare l'esordiente)?

2. Domanda più "personale". Per quanto mi riguarda, se mai dovessi pubblicare un libro, mi piacerebbe farlo con uno pseudonimo e possibilmente rimanere anonimo. Siccome fino ad oggi (incluso) sono sempre stato ben lungi dal potermi porre questo problema - o qualunque altro - nel concreto, non ho la minima idea di come tutto ciò funzioni e se sia nei fatti possibile. Per cui la mia domanda è triplice:

I. è possibile?

II. se sì, è possibile solo se l'autore ha un rappresentante che faccia da intermediario con case editrici e quant'altro, o può "gestirsela da sé"?

III: in linea teorica (o anche non, qualora vi fosse già capitato), come vi porreste di fronte ad una richiesta del genere? E' accettabile o per qualche motivo non lo è?

Grazie in anticipo e ancora tanti auguri!

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ne aggiungo una:

Cosa pensate degli autori che scrivono a quattro mani? Magari una coppia solida, tipo Fruttero e Lucentini o Sveva Casati Modignani?

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

secondo me l'avete spaventata con tutte queste domande! :asd:

scherzo, mi sembra una persona seria e trasparente. Mettersi in gioco e accettare un sano confronto in un forum non è da tutti

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Eccomi qui, scusatemi per essermi fatta attendere ma ci tenevo a rispondervi personalmente e a non delegare l'intervento alla mia redazione. Ringrazio tutti coloro che stanno spendedo parole di elogio per il nostro operato. Io, la mia "compagna di viaggio" e i nostri collaboratori cerchiamo semplicemente di fare al meglio un lavoro che amiamo e che ci regala stimolanti emozioni.

Ma veniamo al dunque, sono lieta di poter rispondere a tutte le vostre domande e ne approfitto per ringraziare e complimentarmi con i fondatori e con tutti coloro che gestiscono questo forum per il valore dell'iniziativa e l'opportunità che ci concedono.

E rispondo volentieri pubblicamente, in piena linea con la nostra "filosofia aziendale": in questo lavoro più che in altri, un ruolo centrale è rivestito dalla fiducia che ci si accorda reciprocamente e che presuppone chiarezza e trasparenza di intenti e azioni.

Quindi, in merito alle percentuali d'Agenzia posso dirvi che di norma il corrispettivo del nostro mandato di rappresentanza è pari al 10% della percentuale sul prezzo di copertina che viene riconosciuta all'autore nel contratto di edizione e al 25% della percentuale sui diritti secondari (anche se relativamente a questi ultimi si tende a non cederli alla CE e a gestirli direttamente noi con evidente vantaggio per tutti).

Con due dei nostri autori, invece, a fronte della pianificazione di particolari azioni promozionali che ci vendono direttamente impegnate nella fase di realizzazione e di cui ci prendiamo totalmente carico, siamo legate da un mandato che prevede una differente regolamentazione del rapporto e un più alto corrispettivo di nostra spettanza; ma questi sono due casi particolari.

Sulla questione relativa all'utilizzo di uno pseudonimo rispondo svelandovi che una nostra autrice è sotto pseudonimo: ci siamo trovate a condividere la sua scelta, ritenendo che il cambio di nome renda addirittura più credibile l'intera operazione editoriale.

Dunque, nulla osta all'utilizzo di uno pseudonimo salvo doversi confrontare poi con il parere della casa editrice intenzionata a pubblicarvi.

A Vale rispondo che rappresentiamo una favola per bambini scritta da un uomo e una donna; quando la coppia funziona davvero, perchè no.

La presenza al seminario del 9 febbraio presuppone il versamento di una quota di partecipazione al momento della prenotazione.

A differenza delle iniziative che siamo solite organizzare "in casa" e per le quali non ci occorrono interventi esterni, e che pertanto con molta gioia possiamo proporvi gratuitamente come il Saturday reading, questa volta la presenza di due nomi importanti e la garanzia che possa realmente rappresentare per tutti un'utile occasione di confronto comportano per noi dei costi che dobbiamo necessariamente condiviere con voi.

Il programma dettagliato della giornata e la quota d'iscrizione saranno comunque a breve pubblicati sul nostro sito e pagina fb.

Credo sia tutto, se ho dimenticato qualcosa non esitate a segnalarmelo. A presto.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buon pomeriggio cari scrittori, siamo qui a comunicarvi che al momento abbiamo deiso di sospendere le rappresentanze. Abbiamo necessità di concentrarci sui nostri autori per poter condurli verso la pubblicazione. Da oggi fino a data che vi sarà comunicata, chi volesse sottoporre il proprio manoscritto all'Agenzia potrà farlo richiedendo il nostro servizio di lettura e valutazione.

Detto servizio consiste nel fornire all’autore una scheda di valutazione nella quale verranno messi in luce punti di forza e punti deboli del manoscritto e verranno forniti tutti quei consigli utili per intervenire, laddove ve ne fosse l'esigenza, sul testo per migliorarlo. Il nostro editor, infatti, analizzerà la forma, la sintassi, il linguaggio utilizzati, sottolineando quei punti della narrazione che non dovessero essere corretti e/o coerenti, valuterà la struttura narrativa per poi soffermarsi su trama e personaggi. Verrà pertanto consegnato un documento che di certo è per l’autore un utile strumento per perfezionare il testo e rendere il suo lavoro presentabile agli editori. Verranno anche segnalate alcune case editrici che, per linea editoriale, potrebbero interessarsi al manoscritto.

Il servizio al costo 230,00 euro dà inoltre la possibilità di confrontarsi direttamente con il nostro editor laddove fossero necessari chiarimenti o spiegazioni in merito alla scheda ricevuta. Nel caso fosse possibile raggiungerci nei nostri uffici di Roma la scheda verrà direttamente consegnata dal nostro editor avendo così la possibilità di un confronto de visu.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se non è possibile essere rappresentati, la vostra scheda tecnica dovremo consegnarla da soli presso gli editori indicati? Penso venga meno uno dei servizi senza avere rilevanti variazioni sul prezzo ma potrei anche sbagliarmi.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Peccato, per la rappresentanza!

(anche se noi siamo stati rifiutati, immagino, è passato un mese da quando ho provato a mandare il romanzo)

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi pare di ricordare che ti contattino anche se il romanzo è stato rifiutato...io proverei a scrivergli

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se non è possibile essere rappresentati, la vostra scheda tecnica dovremo consegnarla da soli presso gli editori indicati? Penso venga meno uno dei servizi senza avere rilevanti variazioni sul prezzo ma potrei anche sbagliarmi.

C'è un po' di confusione: rappresentare un autore, come abbiamo più volte sottolineato, significa per noi un investimento che ci porterà frutti solo in seguito alla pubblicazione, grazie alle vendite. All'autore che rappresentiamo non è richiesto alcun esborso economico, ci prendiamo carico noi di tutte le spese necessarie per approdare dall'Editore e magari essere pubblicato. Fra l'altro investiamo un bel po' anche in fase di promozione (è nostro interesse dare visibilità al libro e all'autore affinchè le copie della pubblicazione siano vendute; ribadisco, rischiando di sembrare ripetitiva ma così siamo certi di intenderci, che sono le vendite l'unica fonte di guadagno per noi).

Credo non sia difficile comprendere, alla luce di quanto sopra, il motivo che ci spinge nel corso dell'anno a sospendere per un determinato periodo di tempo, le rappresentanze. Vogliamo garantire ai nostri rappresentati il massimo e, data la considerevole mole di lavoro che questo comporta, siamo obbligate a concentrare le energia; soprattutto perchè, essendo partiti a settembre, ancora non abbiamo i mezzi di Wylie o Santachiara.

Altra cosa sono i servizi editoriali che Editfloor offre. Nulla hanno a che vedere con la rappresentanza (anche se, è inutile negare che nel caso dovessimo trovarci a redigere una scheda di valutazione di un lavoro che ci accorgiamo essere di particolare valore, sarà interesse dell'Agenzia non farselo scappare). E la scheda di valutazione di cui si parla nel post precedente è uno strumento di lavoro per l'autore, che sarà sicuramente utile anche per preparera il materiale necessario da presentare all'editore in fase di candidatura del proprio manoscritto, ma che di certo nulla ha a che vedere con la nostra opera di rappresentanza. Non comprendo dunque che cosa si intende nell'intervento citato per variazione di prezzo o circa il venir meno di un servizio.

Resto comunque a disposizione per un ulteriore confronto.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Peccato, per la rappresentanza!

(anche se noi siamo stati rifiutati, immagino, è passato un mese da quando ho provato a mandare il romanzo)

Mi scuso per il ritardo ma in seguito ai miei interventi su questo forum sono arrivate in redazione moltissime richieste. Leggiamo e valutiamo tutto, pertanto i tempi possono comprensibilmente allungarsi. Entro la prossima settimana garantisco che tutti avranno una risposta, anche se negativa.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Altra cosa sono i servizi editoriali che Editfloor offre. Nulla hanno a che vedere con la rappresentanza (anche se, è inutile negare che nel caso dovessimo trovarci a redigere una scheda di valutazione di un lavoro che ci accorgiamo essere di particolare valore, sarà interesse dell'Agenzia non farselo scappare).

Era questo il punto che volevo toccare, nel momento in cui si sottopone un manoscritto e si ha una valutazione positiva si viene rappresentati oppure no, dato che avete interrotto questo servizio? Penso sia implicito nel discorso il fatto di rivolgersi ad un agenzia non solo per avere un parere ma anche per usufruire di un servizio di rappresentanza, che nasce dalla valutazione dell'opera proposta, nel momento in cui cade tutto questo che normalmente concedevate, viene a mancare qualcosa che il cliente riteneva logico oppure prima rappresentavate anche opere che non lo sono? Strano affermare se un testo è di valore non lo facciamo scappare, perché non è sempre stato così? Allora realmente cosa è cambiato?

E gli autori sui quali avete puntato sono difficili da "piazzare", esistono difficoltà non previste?

Grazie per la disponibilità dimostrata e che vi sta premiando con un carico di lavoro, in fondo era quello che vi auguravate. Non cambiate se mai migliorate :-)

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunitày. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora