Blog

Author Earnings: brusco calo nelle vendite del self-publishing


201610-unitsales-trend

Dopo due anni e mezzo di crescita trimestre su trimestre, stando all’ultimo Author Earnings Report, la quota di mercato del self-publishing si riduce in modo significativo, tornando ai livelli del 2015.

I dati si riferiscono ovviamente al mercato degli ebook e, in particolare, alle vendite tramite Amazon USA, principale distributore per gli auto-pubblicati, almeno fino ai primi mesi del 2016. Secondo Author Earnings, a partire da maggio, la maggior parte della quota di mercato persa dagli indie è andata agli stessi marchi editoriali di Amazon, che hanno guadagnato un enorme 4%; in misura minore sugli indipendenti guadagnano anche i Big Five, insieme a piccoli e medi editori, ciascuno con un +1%.

Se si guarda invece ai proventi degli autori, su Kindle la quota che va ai Big Five rimane ancora al di sotto del livello di gennaio 2016, circa il 23%, mentre gli autori della piccola / media editoria, si accaparrano per la prima volta più del 20% del totale dei guadagni.
Ma è il calo degli auto-pubblicati che fa certamente più scalpore: da inizio ottobre 2016, la quota di indie è scesa sotto il 40%; quando nei tre anni precedenti è stata sempre al di sopra del 50%.

Un’inversione di tendenza troppo brusca per riflettere un mutamento nelle abitudini di acquisto o delle preferenze di lettura dei consumatori. “Un tale cambiamento sarebbe stato molto più graduale”, ha commentato il Data Guy.
Il trend negativo non è nemmeno attribuibile alla scelta degli editori tradizionali di abbassare il prezzo degli ebook, che infatti è rimasto quasi invariato, se non aumentato.

“Un motivo molto più probabile sarebbe una sorta di alterazione strutturale avvenuta nel moderno ecosistema dei libri: una recente modifica nella reperibilità degli ebook, che ha inclinato il campo di gioco delle vendite digitali”
.

Si insinua il sospetto che Amazon abbia modificato l’algoritmo che regola il sistema di raccomandazioni sulle pagine dello store in favore dei libri tradizionalmente pubblicati e, allo stesso tempo, ridotto progressivamente le promozioni sul cartaceo; insomma, sarebbe in atto una sorta di strategia per riportare i grandi editori a puntare sugli ebook.

Se i benefici sono visibili per i produttori, lo stesso non si può affermare purtroppo per gli autori. Infatti, la discrepanza nei guadagni tra indipendenti e tradizionali rimane molto forte, tanto che tutti gli ebook lanciati dalle case editrici nel corso degli ultimi 2 anni possono definirsi dei flop.

201610-recentdebut-authorearnings-by-pricepoint-zoom-2

ABOUT THE AUTHOR
Blogger, Seo copywriter e Web editor. Autrice delle Guide alla Letteratura 2.0, per aspiranti scrittori e self-publisher.
View Website
Related Posts
2 Comments

Lascia un commento

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: