Blog

E come tutte le più belle cose…


Logo_XII_Editions

Un piccolo post, un Memento, se vogliamo, per render nota la chiusura di uno degli Editori che qui al WD consideravamo e continueremo a considerare tra i migliori.

Edizioni XII ha scelto la data di ieri, il 12/12/12 per chiudere la propria attività editoriale e noi, che ne siamo lettori da anni* la salutiamo e la ringraziamo per tutti i bei libri che ci ha permesso di leggere.

Chiunque volesse sino al 31 Dicembre sarà ancora possibile acquistare i libri del catalogo di XII direttamente dal loro Store, qui.
E ne approfitto per dare un personalissimo e spassionato consiglio: svuotatelo, quel catalogo, finché ce n’è tempo: io lo farò, che mi mancano pochi volumi per averlo per intero.
Vorrei poter consigliare qualche titolo specifico ma non saprei quale citare, ognuno di quei libri in questi anni si è rivelato una perla, nel bene e nel male, li ho apprezzati tutti.

Con malinconia e rammarico per ciò che non sarà ma sarebbe potuto essere ma anche con fiducia per l’eredità che a tutti noi è stata lasciata, in un modo o nell’altro, lancio ancora un arrivederci e un grazie (alla faccia della ridondanza con l’inizio del post) da parte del WD a tutti coloro che un modo o nell’altro hanno contribuito a XII di essere quello che è stato.

– – – – –

*Ricordo quando Linda, quattro anni fa, mi obbligò a comprare e leggere Abattoir di Ian Delacroix perché era qualcosa che dovevo assolutamente leggere, io acquistai Abattoir, Melodia e Tarot – Ludus Hermeticus (quest’ultimo ormai fuori catalogo) e da allora virtualmente a ogni occasione in cui ho acquistato dei libri mi son ripetuto “Devo avere l’intero catalogo”.
Per un motivo e per un altro non ci sono mai riuscito, ora mi sa che dovrò accelerare i tempi e riuscirci, fosse l’ultima cosa che faccio.

ABOUT THE AUTHOR
Blogger, Seo copywriter e Web editor. Autrice delle Guide alla Letteratura 2.0, per aspiranti scrittori e self-publisher.
View Website
Related Posts
3 Comments
  • Reply

    A chi lo dite… XII è stato tra i primissimi piccoli editori nei quali mi sono imbattuta quando ho aperto Writer’s Dream, e adoravo i loro libri. Li adoro tutt’ora! Per Natale mi accaparrerò quel che mi manca del loro catalogo.
    @Venexia Castri: lo dicevo giusto ieri a una persona con la quale stavo commentando la notizia. Davvero amaro come boccone.

  • Venexia Castri
    Reply

    Solo gli editori a pagamento continuano a prosperare. Che tristezza.

  • Ice
    Reply

    Nuoooooooooooooooooooo T_________T
    Era una delle mie case editrici preferite, ho qui sullo scaffale almeno metà del loro catalogo, i loro libri sono tutti splendidi T___T
    Sono stata felicissima quando sono entrata nella raccolta dei corti, mi ricordo con piacere le battaglie dei miuti contati sul vecchio forum, l’ho sempre considerata una realtà editoriale sana e promettente per gli amanti dell’horror e questa notizia mi riempie di sconforto… purtroppo sono i rischi dell’affrontare un genere di nicchia in un paese che forse è troppo scettico verso le cose fuori dal comune. Non so.
    Non so quali siano stati i motivi che li hanno spinti a chiudere, dico solo che mi dispiace tantissimo e spero che lo staff e gli autori sappiano ritrovarsi un nuovo spazio per ricominciare da capo, cercherò le loro tracce nel web.
    Un in bocca al lupo grande a tutti.

Lascia un commento

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: